Moto
Moto

Mese di marzo positivo per le vendite di motocicli, secondo i dati diffusi oggi dall'associazione di produttori Confindustria Ancma. Il periodo si chiude con un balzo del 236,8% rispetto al marzo dello scorso anno, quando il mercato era condizionato dal lockdown, ma è in buona crescita (+14,9%) anche rispetto al marzo 2019.

Il presidente di Confindustria Ancma, Paolo Magri, commenta: "La vitalità del mercato, alimentata dalla domanda di passione e mobilità sostenibile che i nostri veicoli soddisfano, infonde un cauto ottimismo, sebbene oggi la filiera legata al nostro comparto debba confrontarsi ancora con le misure restrittive in vigore che limitano la necessità di spostamenti e la possibilità di svago e con un non trascurabile rallentamento nell'approvvigionamento di nuovi modelli Euro 5 determinato dalle criticità nel settore dei trasporti marittimi a livello mondiale".

Nel mese di marzo sono stati immessi sul mercato complessivamente (ciclomotori + immatricolato) 30.501 veicoli (+236,8%). Il solo mercato dei ciclomotori totalizza 1.517 veicoli venduti, pari a un +186,2% sullo stesso mese del 2020, mentre scooter e moto registrano rispettivamente 16.539 (+251,2%) e 12.445 (+226%) veicoli immatricolati. Dal confronto con lo stesso mese 2019 emerge invece una crescita complessiva del 14,95%. Nei primi tre mesi dell'anno ciclomotori, scooter e moto segnano un aumento complessivo del 42,27% pari a 64.498 mezzi targati. In particolare i ciclomotori raggiungono quota 3.926 (-1,7%), gli scooter 33.606 (+54,1%) e le moto 26.966 (+38%). Rispetto al primo trimestre del 2019 si registra un complessivo aumento del mercato del 10%. L'elettrico chiude il mese di marzo con 890 veicoli venduti, pari a una crescita del 297,3%. Resta negativo il progressivo annuo con 2.040 mezzi e un calo del 10,1%. Anche in questo ambito del mercato, il confronto con il 2019 segna una crescita complessiva di tutti i segmenti pari al 156,9%.