Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022

Acconto Imu, rate Iva e Irpef: arriva la stagione fiscale. Giugno, il mese delle tasse

Sono ben 141 le scadenze fiscali da assolvere in questo mese. Fra il 16 e il 30 gugno quelle più onerose, in particolare per partite Iva e proprietari di casa

14 giu 2022
featured image
Tasse, foto generica
featured image
Tasse, foto generica

Giugno, il mese delle tasse. Secondo un'analisi della Cgia di Mestre sulla base dell'agenda riportata sul sito dell'Agenzia delle Entrate, sono ben 141 le scadenze fiscali da assolvere in queste mese, 122 delle quali impongono dimettere mani al portafoglio. "Un calendario fiscale da far tremare i polsi - commentano gli esperti dellaa Cgia - che solleva ancora una volta un grande problema: in Italia non solo subiamo un prelievo fiscale eccessivo, ma anche le modalità di pagamento delle imposte provocano un costo burocratico che non ha eguali nel resto d'Europa". In particolare, da metà giugno parte la cosiddetta 'stagione fiscale', che quest'anno andrà affrontata in pieno in quanto non ci sono i rinvvi che nell'ultimo biennio hanno accompagnato le difficoltà causate dalla pandemia. A inaugurare la stagione fiscale è, giovedì 16 giugno, l'acconto Imu per gli immobili diversi dalla prima casa (o sulla prima casa, se catalogata di lusso). Entro dopodomani bisogna quindi mettere mano al portafogli versando grosso modo metà dell'importo complessivo annuo. In questo caso non è possibile percorrere la strada dei versamenti rateali, che non sono previsti per l'Imu. Rimane invece la possibilità di pagare in ritardo e di fare il cosiddetto 'ravvedimento operoso'. Nel caso dell'Imu, ad esempio, è prevista una sanzione dello 0,2% per ogni giorno fino al quindicesimo, poi del 3% per il primo mese, quindi del 3,75% per un anno. Dall'Imu, secondo le stime della Uil arriveranno alle casse di enti territoriali e Stato (al quale va l'Imu sui capannoni) 19,6 miliardi di euro. Nel 2021 l'Imu ha fruttato ai Comuni 17,772 miliardi con un aumento di 824 milioni di euro, +4,9% rispetto al 2020. A causa delle chiusure imposte dal Covid, anche quest'anno non pagheranno l'Imu gli immobili D/3, cioè destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti. Mentre da quest'anno dovrà pagare l'Imu sulla prima casa anche il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?