Quotidiano Nazionale logo
6 dic 2021

I no vax e il Green pass nei ristoranti fanno volare le consegne di cibi a casa

Boom del food delivery secondo l'analisi di Coldiretti. Fatturato a 1,5 miliardi in Italia. E l'Europa impone a tutte le multinazionali di assumere i rider come dipendenti

Un rider passa accanto a una vetrina di un negozio Tim nel centro di Milano, 22 novembre 2021. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
Un rider passa accanto a una vetrina a Milano

Lo stop ai no vax con l’obbligo del green pass per sedersi al tavolo in bar, ristoranti, trattorie, pizzerie e agriturismi al chiuso fa balzare a 1,5 miliardi il fatturato del food delivery in Italia nel 2021. È quanto stima la Coldiretti nell’evidenziare gli effetti dell’entrata in vigore del Decreto legge con misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 in occasione del varo mercoledì del pacchetto lavoro da parte della Commissione Europea con il riconoscimento dei rider e dei lavoratori delle piattaforme digitali. 

Il provvedimento nazionale - sottolinea la Coldiretti - preclude l’accesso al tavolo nei locali della ristorazione al chiuso a milioni di italiani adulti non vaccinati che tuttavia possono ricorrere all’asporto a alla consegna a domicilio effettuata proprio dai rider. Una opportunità che spinge un settore in grande crescita nel 2021 per effetto delle limitazioni poste dalla pandemia che ha fatto scoprire agli italiani una modalità di consumo. Secondo l’Osservatorio nazionale sul mercato del cibo a domicilio il settore del digital food delivery continua la sua corsa inarrestabile, registrando una crescita del 59% rispetto al 2020 guidata da un lato dall’evoluzione tecnologica, dall’altro dall’accelerazione dovuta all’emergenza pandemica.

 La consegna di pasti a domicilio interessa quasi quattro italiani su dieci (37%) che hanno ordinato dal telefono o dal proprio personal computer pizza, piatti etnici o veri e propri cibi gourmet durante l’anno, secondo l’analisi Coldiretti/Censis. In cima alla lista delle motivazioni di ricorso al cibo a domicilio - rileva lo studio Coldiretti/Censis - c’è il fatto di essere stanchi e non avere voglia di cucinare (57,3%), ma c’è anche un 34,1% che indica di farvi ricorso in caso di cene con amici e parenti per stupire i commensali con piatti di qualità ma con l’esplosione della pandemia Covid si è aggiunta anche la ricerca di maggiore sicurezza rimanendo tra le mura domestiche. 

Il boom del cibo a domicilio nelle case degli italiani ha portato però - nota Coldiretti - un’accesa competizione sui costi tra le diverse piattaforme con offerte gratuite di trasporto, promozioni e ribassi, che rischia a volte di ripercuotersi sull’intera filiera, dal personale ai conti dei ristoratori fino ai loro fornitori dei prodotti agricoli e alimentari. Non a caso il 38,1% di quanti ordinano il cibo sulle piattaforme web ritengono prioritario migliorare il rispetto dei diritti del lavoro dei rider, i fattorini che portano i piatti nelle abitazioni, secondo lo studio Coldiretti/Censis. Ma oltre alle condizioni dei lavoratori, sono diversi gli aspetti del food delivery che andrebbero cambiati.

Lo sostiene, in particolare, proprio chi fa ricorso a questo tipo di piattaforme. Il 28% di chi riceve il cibo a casa richiama - conclude Coldiretti - l’esigenza di una maggiore sicurezza dei prodotti durante il loro trasporto garantendo adeguati standard igienici, evitando ogni contaminazione e preservando la qualità del cibo, ma c’è anche un 25,3% che chiede alle piattaforme web di promuovere anche la qualità dei prodotti e degli ingredienti che propongono nei loro menù di vendita, e un altro 17,7% vorrebbe migliorare anche l’utilizzo di prodotti tipici e di fornitori locali.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?