Uno screenshot del video di Vins41 girato a Senago
Uno screenshot del video di Vins41 girato a Senago

Senago (Milano) - "Ciao Vincenzo, o forse preferiresti ciao Vins41 il tuo nome d’arte. Farò il tifo per te, esorterò tutti a mettere un like sui tuoi video nell’attesa tu possa riprenderti e continuare il tuo cammino, la tua via di fuga. Ciao Vincenzo ti aspettiamo".

La città di Senago fa il tifo per Vincenzo M., il 19enne ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Gerardo di Monza, in prognosi riservata, in seguito all’incidente stradale avvenuto sabato notte sulla strada provinciale 175. Le sue condizioni restano gravi, rianimato sul posto perché in arresto cardiocircolatorio, in seguito allo scontro ha subìto l’amputazione della gamba destra. Da giorni i messaggi di vicinanza alla famiglia del 19enne hanno riempito le bacheche dei social. Ieri, per ricordarlo, hanno postato sulla pagina Facebook Senago Today il video musicale che Vincenzo aveva realizzato lo scorso gennaio, proprio nei palazzoni e nei negozi della sua città, e che ha avuto oltre 18mila visualizzazioni.

"Quello che ti è successo non riesco a togliermelo dalla testa - si legge nel post di Daniele - Tre giovani ragazzi il cui destino ha riservato una prova di vita dolorosa, atroce, impossibile e ingiustificabile. Soffrire con voi e le vostre famiglie, uniti sinceramente e amichevolmente per affrontare questo destino bastardo che ormai ha scritto indelebilmente questa pagina. Vins41 hai un progetto da portare avanti, una via di fuga, un sotterfugio con la musica, e pur consapevole che io non sarò un tuo fans (troppi anni ci separano), farò il tifo per te, esorterò tutti a mettere un like sui tuoi video nell’attesa tu possa riprenderti e continuare il tuo cammino, la tua via di fuga".

Centinaia i commenti al post, tutti all’insegna del "non mollare, devi lottare, ti aspettiamo a Senago". Vincenzo era in sella allo scooter con un amico 20enne quando è stato travolto da un’auto guidata da un 27enne di Paderno Dugnano che, secondo gli accertamenti dei carabinieri di Arese, avrebbe fatto un sorpasso in un punto della carreggiata non consentito, poi si è allontanato, senza prestare soccorso. È stata la mamma a chiamare il 112. Il pirata della strada è stato denunciato per lesioni personali gravissime, fuga a seguito di incidente stradale e omissione di soccorso.