Quotidiano Nazionale logo
29 giu 2021

Variante Delta, l'indagine: "Bastano 5-10 secondi di contatto per infettarsi"

Secondo le autorità sanitarie australiane il contagio da una persona all'altra può avvenire dopo incontri "spaventosamente rapidi"

arnaldo liguori
Cronaca
featured image
Contro il Covid-19 è fondamentale ventilare gli ambienti chiusi

 

La variante Delta del coronavirus potrebbe diffondersi molto più rapidamente di quel che pensiamo. Secondo un'indagine delle autorità sanitarie australiane, il contagio da una persona all'altra può avvenire dopo un contatto di appena 5-10 secondi. Il motivo sarebbe la maggiore carica virale, maggiore di circa il 60 per cento rispetto alla variante Alpha.

Il capo della sanità del Queensland, Jeannette Young, ha dichiarato che «stiamo assistendo a contatti molto fugaci che portano alla trasmissione. All'inizio di questa pandemia, dissi che 15 minuti di stretto contatto erano una preoccupazione. Ora sembra che a preoccupare siano 5-10 secondi. Il rischio è molto più alto ora rispetto a solo un anno fa».

Gli esperti australiani hanno scoperto che un'uomo è infettato, in pochi secondi, da uno sconosciuto che per alcuni secondi gli è passato vicino mentre faceva shopping a Sidney. E come questo, sono stati registrati molti altri casi. Nella città australiana è scoppiato un focolaio di Delta causato, secondo il premier del Nuovo Galles del Sud, Gladys Berijiklian, da incontri «spaventosamente rapidi».

Il punto su cui è importante focalizzarsi, sottolineato molte volte nel corso della pandemia, è la trasmissione aerea del contagio. Le particelle del virus, che all'aria aperta si disperdono in pochi secondi, nei luoghi chiusi posso rimanere molto più a lungo, da qualche minuto fino a diverse ore (a seconda di quanto l'ambiente è arieggiato).

Dopo mesi di crescenti prove scientifiche, ad aprile l'Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto formalmente la diffusione aerea di Covid, che può verificarsi quando le particelle virali rimangono «sospese nell'aria o viaggiano più lontano di un metro». Alcuni studi di laboratorio hanno scoperto che le particelle del virus possono rimanere nell'aria sotto forma di aerosol fino a 16 ore, in ambienti totalmente chiusi.

Il governo australiano hanno detto che le uniche contromisure efficaci sono la vaccinazione e l'uso delle mascherine. Gli studi più recenti dell'autorità sanitaria britannica indicano che i vaccini contro il Covid-19, anche se non prevengono sempre la trasmissione della variante Delta, proteggono dall'insorgenza dei sintomi gravi nel 97-98 per cento dei casi.

Altro aspetto fondamentale, secondo decine di studi, è mantenere arieggiati gli ambienti. «La ventilazione fa la differenza», ha dichiarato Raina Macintyre, ricercatrice dell'Università di New South Wales. «Se stai invitando delle persone, apri la finestra. Se stai guidando in macchina con delle persone, apri anche un po' il finestrino. Indossa le mascherine. È l'aria condivisa che conta di più».

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?