La variante Delta incombe sull'Italia e sull'Europa. E così in piena estate e una gran voglia di partire per le vacanze come orientarsi per scegliere la destinazione migliore? Un aiuto può arrivare dalla mappa dei contagi elaborata dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc), un ottimo strumento per evitare brutte sorprese. Così emerge chiaramente che Spagna, dove a Barcellona e in buona parte della Catalogna è stato ripristinato il coprifuoco. Rosse sono anche l'Olanda nei Paesi Bassi, Cipro e Malta sono colorate di rosso e rosso scuro sulla mappa dell'incidenza del Covid ma i contagi sono aumentati anche nel sud della Francia, passato al giallo insieme a lrlanda, Belgio e alcune zone di Svezia, Finlandia e Danimarca. Criticità anche in Grecia, che con le sue isole è storicamente una delle mète preferite dagli italiani. C'è poco da stare tranquilli perché l'Ecdc prevede un forte rimbalzo del numero di casi di Covid-19 nelle prossime settimane, con quasi cinque volte piu' casi giornalieri entro il 1° agosto a causa della variante Delta e dell'allentamento delle restrizioni.

Regno Unito

Restrizioni che da lunedì 19 luglio nel Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson ha di fatto eliminato, un freedom day criticato da 1.200 scienziati in una lettera pubblica di condanna. Anche  l'ex ministro della SaluteJeremy Hunt è convinto che "Johnson sarà costretto a reintrodurre il lockdown se i contagi da covid continueranno a crescere con questo ritmo per tutta l'estate e all'inizio dell'autunno. Hunt ha spiegato che la situazione "è molto grave", con il numero di pazienti in ospedale che raddoppia ogni due settimane. Se la situazione prosegue, entro fine agosto ci saranno 10mila pazienti covid negli ospedali britannici, 20 volte tanto lo stesso periodo dello scorso anno. A settembre, ci sarà quasi certamente un picco di nuovi contagi quotidiani superiore ai 68mila. Di sicuro c'è che viaggiare da e per il Regno Unito diventerà un terno al Lotto. Per questo il resto dell'Europa guarda al Regno Unito con apprensione. In Italia è tuttora in vigore la quarantena per gli arrivi dall'Inghilterra e si sta valutando se si renderà necessario prevederla anche per chi arriva da Spagna e Portogallo o da Paesi a rischio.

A chilometri zero  

Il ministero degli Esteri  ha emesso un avvertimento sui rischi di una vacanza all'estero ricordando a tutti coloro che intendano recarsi all'estero, indipendentemente dalla destinazione e dalle motivazioni del viaggio di considerare che qualsiasi spostamento, in questo periodo, puo' comportare un rischio di carattere sanitario e che nel caso in cui si risultasse essere positivi al test per il coronavirus o contatti di una persona positiva vanno seguite le norme disposte dalle autorita' locali". Come peraltro confermano ancora i casi dei gruppi di studenti tuttora bloccati in quarantena. Il risultato è che gli italiani hanno deciso per la quasi totalita' di rimanere nei confini nazionali e solo 1,5 milioni andranno all'estero. Addirittura un italiano su tre (33,3%) che ha scelto di fare una vacanza prudente a chilometri zero restando all'interno della propria regione. Nella speranza che anche da noi la variante Delta smetta di correre evitando di far ripiombare l'Italia in zona gialla.