Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 mag 2022

Vaiolo delle scimmie, perché si chiama così. La scoperta, i sintomi e le terapie

Quando è stato scoperto e quali sono i motivi del nome di questa malattia? I primati c'entrano realmente?

19 mag 2022
TO GO WITH AFP STORY by Giovanna Fleitas
A spider monkey (Ateles geoffroyi) remains in a cage at a primate rehabilitation centre in Pe�aflor, 30 km southwest of Santiago, Chile, on October 6, 2015. The centre houses about 150 monkeys of various species that have been victims of trafficking.   AFP PHOTO / MARTIN BERNETTI
Una scimmia in gabbia
TO GO WITH AFP STORY by Giovanna Fleitas
A spider monkey (Ateles geoffroyi) remains in a cage at a primate rehabilitation centre in Pe�aflor, 30 km southwest of Santiago, Chile, on October 6, 2015. The centre houses about 150 monkeys of various species that have been victims of trafficking.   AFP PHOTO / MARTIN BERNETTI
Una scimmia in gabbia

Attenzione ma non allarme. Parola dell'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) Si stanno moltiplicando i casi di Vaiolo delle scimmie in Europa e il primo è stato individuato anche in Italia: un uomo rientrato dalle isole Canarie e attualmente ricoverato allo Spallanzani di Roma. Ma oltre ai sintomi e le terapie perché questa malattia che colpisce l'uomo si chiama Vaiolo delle scimmie? Le origini del nome Il nome si deve alla prima scoperta del virus. Il monkey pox (questo il nome scientifico del virus) si chiama così perché per la prima volta è stato scoperto nel 1958 in alcune scimmie da laboratorio, questa rara patologia ciclicamente presente in numerose zone dell’Africa occidentale e centrale può però colpire anche altri animali, come roditori, topi, scoiattoli e conigli.  ​Come si trasmette Ma la malattia può anche essere diffusa attraverso il contatto diretto con lesioni della pelle oppure dalla tosse e dagli starnuti di qualcuno che presenta un'eruzione cutanea da vaiolo delle scimmie. Periodo di incubazione Il periodo di incubazione è generalmente compreso tra 6 e 13 giorni, ma può variare da 5 a 21 giorni.  I sintomi Le persone che contraggono il virus possono soffrire di febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi e stanchezza. I sintomi più insoliti includono un'eruzione cutanea che spesso inizia sul viso prima di diffondersi ad altre aree del corpo. Le infezioni sono normalmente lievi, con la maggior parte dei pazienti che guarisce entro poche settimane: le lesioni comunque possono essere molto pruriginose o dolorose.  Vaccino e cure Esiste un vaccino che ha dimostrato di essere protettivo contro il vaiolo delle scimmie. Sebbene un vaccino (Mva-Bn) e un trattamento specifico (tecovirimat) siano stati approvati, rispettivamente nel 2019 e nel 2022, queste contromisure, avverte l'Oms, non sono ancora ampiamente disponibili e le popolazioni di tutto il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?