Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 apr 2022

Vaccino Covid: solo tre dosi riducono la carica virale. Cosa cambia tra Delta e Omicron

Secondo uno studio le mutazioni di Omicron la differenziano fortemente da altre varianti, consentendole di sfuggire parzialmente al vaccino e di diminuire l'efficacia di alcuni trattamenti antivirali

19 apr 2022
Covid
Covid

Essere vaccinati contro il Covid-19 offre una maggiore garanzia di avere una bassa carica virale in caso di infezione. E' quanto emerge da uno studio su Nature Medicine, portato avanti da un gruppo di ricerca dell'Università e degli ospedali universitari di Ginevra. Uno dei principali fattori nella valutazione dell'infettività dei pazienti Covid-19 è la misurazione della carica virale, che può essere influenzata dalla variante e dallo stato di vaccinazione. Il gruppo di ricerca ha misurato la carica virale infettiva di quasi 600 pazienti sintomatici per rilevare possibili differenze tra il virus originale, la Delta e l'Omicron BA.1, nonché in base allo stato di vaccinazione.

Gli scienziati hanno scoperto che Delta provoca una carica virale maggiore rispetto al virus originale e alla variante Omicron. Per le infezioni Delta e Omicron, la vaccinazione riduce drasticamente la carica virale. Nel caso di Omicron, invece, la diminuzione è stata osservata solo dopo tre dosi di vaccino. Inoltre, l'elevata infettività di Omicron è apparentemente correlata a fattori diversi dalla sola carica virale. Questi risultati evidenziano i benefici della vaccinazione per la salute pubblica oltre alla protezione individuale contro la forma grave della malattia.

"Per la coorte Omicron, contrariamente a quanto si può presumere data la sua rapida diffusione, la carica virale infettiva era complessivamente inferiore a quella della coorte Delta", afferma Isabella Eckerle, a capo della ricerca. Al contrario, solo le persone che sono state potenziate - cioè che hanno ricevuto tre dosi di vaccino - hanno avuto una diminuzione della carica virale; le persone che hanno ricevuto solo due dosi non hanno avuto alcun beneficio in questo senso rispetto alle persone non vaccinate. "Questo è immunologicamente coerente: molti vaccini richiedono tre dosi distanziate di diversi mesi l'una dall'altra per indurre una risposta immunitaria sostenuta, come quella contro il virus dell'epatite B", spiega Isabella Eckerle.

Perché la variante Omicron è così contagiosa, se la carica virale che induce è inferiore rispetto ai suoi predecessori? "Non lo sappiamo ancora, ma i nostri dati suggeriscono che sono in gioco altri meccanismi infettivi", spiega Pauline Vetter, direttrice clinica del Centro HUG-UNIGE per le malattie emergenti. "Ora è chiaro che le mutazioni di Omicron la differenziano fortemente da altre varianti, consentendole di sfuggire parzialmente al vaccino e di diminuire l'efficacia di alcuni trattamenti antivirali utilizzati finora". Tuttavia, la vaccinazione si è dimostrata utile nel limitare l'insorgenza di sintomi gravi e molto probabilmente anche la trasmissione del virus. Infatti, nei Paesi in cui la popolazione, soprattutto gli anziani, è scarsamente vaccinata, Omicron si è dimostrato altrettanto letale. Questo studio secondo i ricercatori dimostra inoltre che le conoscenze acquisite per le varianti precedenti devono essere aggiornate ogni volta che emerge una nuova variante per poter contrastare efficacemente il Covid-19. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?