Milano - Prenotazioni dei  vaccini attraverso la piattaforma elaborata da Poste Italiane anche in Lombardia. La voce si fa sempre più insistente, in particolar modo dopo gli ultimi disservizi nella campagna, che hanno portato il governatore Attilio Fontana e l'assessore alla Salute Letizia Moratti ad azzerare i vertici di Aria, la società che gestisce le prenotazioni per la somministrazione dei vaccini a chi ne ha diritto. La Lombardia, dunque, andrebbe ad aggiungersi a Calabria, Sicilia, Abruzzo, Marche e Basilicata, le cinque regione che già la utilizzano.

Come si prenota il vaccino

Sulla piattaforma di Poste Italiane la vaccinazione può essere prenotata dai cittadini online, con le informazioni disponibili sul sito attivato dal governo per la campagna vaccinale. Oppure tramite un call center ad hoc (nelle regioni che stanno utilizzando questo servizio si può chiamare il numero verde 800.009.966, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18, con l'esclusione, quindi, di sabato e festivi). O, ancora, attraverso gli sportelli Atm Postamat, inserendo la propria tessera sanitaria e seguendo le istruzioni sul monitor. O, infine, tramite i palmari in dotazione ai postini, di recente aggiornati dall'azienda proprio con l'obiettivo di rendere più facile l'operazione vaccini anche a chi è meno tecnologizzato. La piattaforma registra anche la somministrazione e inserisce automaticamente nell'anagrafe vaccinale nazionale il nominativo, in vista di un possibile patentino.

Quando si potrà prenotare il vaccino

Nelle cinque regioni che hanno scelto di appoggiarsi al servizio di Poste Italiane la piattaforma è già attiva. Il servizio è gratuito e legato a un "cloud" che dovrebbe evitare intasamenti. In Lombardia, secondo l'agenzia Dire, si sta lavorando per accelerare sul passaggio da Aria a Poste Italiane. Si ipotizza di avere tutto pronto almeno per inizio aprile. E in queste ore - è sempre la Dire ad affermarlo - la Regione sta dialogando con I tecnici di Poste per velocizzare le procedure. Si attendono notizie a breve.

Cosa serve per prenotare il vaccino

Nelle regioni che già utilizzano la piattaforma di Poste Italiane oltre ai propri dati anagrafici, da inserire al momento della prenotazione, è necessaria anche la tessera sanitaria. In Lombardia, quindi, con tutta probabilità si utilizzerà la Carta regionale dei servizi.

Dove e quando si fa il vaccino

Sempre facendo riferimento alle esperienze già avviate il sistema di prenotazione consente di scegliere, tra i centri di vaccinazione attualmente disponibili sul territorio regionale, quello più vicino e quindi di determinare l’appuntamento, giorno e ora, per la somministrazione. 

QUANDO MI VACCINO? ECCO IL CALCOLATORE PER SCOPRIRLO