Milano, 24 novembre - Cresce l'attesa, anche alla luce dell'aumento dei contagi tra gli under 12, del via libera dell'Ema, l'agenzia europea del farmaco, sul vaccino anti-Covid per i bambini da 5 a 11 anni. Intanto  il presidente dell'Aifa, Giorgio Palù, intervenendo a 'Buongiorno' su SkyTg24 fa sapere che "l'Ema potrebbe anticipare una decisione già tra oggi e domani". Circostanza che si tradurrebbe in un anticipo anche per l'Agenzia italiana del farmaco. In seguito alla decisione dell'Ema, fa notare Palù, "può arrivare una decisione dell'Aifa entro 24 ore". Dopo il via libera dell'Aifa si potrà partire con la campagna vaccinale per i più piccoli, una data non c'è ancora ma il presidente dell'Aifa ha sottolineato che le vaccinazioni sarebbero "possibili anche da lunedì". Palù ha sottolineato poi che il quadro sta mutando anche per i più piccoli. "Se prima il 2% dei bambini contraevano l'infezione con la variante Alfa, oggi - ha detto il presidente Aifa - stiamo arrivando al 25-30%. I dati dell'epidemia ci stanno dicendo che la categoria da 4 a 11 anni è quella che presenta il maggior numero di casi incidenti. Ci sono bambini ricoverati che non hanno patologie concomitanti, ci sono dei bambini che sviluppano una sindrome infiammatoria multisistemica, cioè vari organi".

Unde 12, via alle vaccinazioni in Israele

Ieri Israele ha avviato ufficialmente la vaccinazione dei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Migliaia gli appuntamenti prenotati presso le varie strutture sanitarie. Secondo le disposizioni, ai bambini tra i 5 e gli 11 anni verrà somministrata una dose che è un terzo di quella riservata agli adulti. Secondo il produttore Pfizer-BioNtech il vaccino ha un'efficacia del 91% in questo gruppo di età, in rapporto a chi contrae la malattia con sintomi. Il premier Naftali Bennett ha invitato i genitori a procedere con la vaccinazione dei figli, facendo riferimento alla nuova ondata del virus in Europa. Il numero di nuovi casi in Israele è invece in calo da due mesi. Lunedì sono stati registrati 454 nuovi contagi, mentre a settembre erano stati raggiunti picchi di oltre 11mila casi
al giorno.

Anche il Canada immunizza i bambini

Dopo gli Stati Uniti anche il Canada ha autorizzato le vaccinazioni dei bambini dai cinque agli 11 anni con il siero Pfizer e da venerdì scorso è partita la campagna di immunizzazione dei più piccoli. Le autorità sanitarie canadesi avevano dichiarato che avrebbero dato il via libera per questa fascia di età soltanto se gli studi avessero dimostrato che i vantaggi e la sicurezza del vaccino fossero maggiori dei rischi di contrarre il virus. Attualmente il 75% dei canadesi sono totalmente vaccinati, incluso l'84% dai 12 anni in su.