Milano - "Rispettiamo sempre le indicazioni che ci vengono date. Non abbiamo mai sgarrato: credo che seguire l'età sia importante". Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in visita al centro vaccinale de La fabbrica del vapore di Milano ha risposto al governatore Vincenzo De Luca che ha proposto di non somministrare i vaccini per fasce di età dopo aver immunizzato gli over 80. "Credo che seguire l'età sia importante e che nel momento in cui ci fosse una quantità notevole di vaccini si possa fare anche qualche altro discorso" ha chiosato Fontana.

La fascia 60-69

Ieri la regione ha tagliato il traguardo delle 2 milioni di dosi somministrate. Per quanto concerne la Lombardia le prenotazioni per i vaccini della fascia di età tra i 60 e i 69 anni apriranno quando saranno note le "prossime forniture" di dosi in arrivo, ha spiegato Fontana: "Per quanto riguarda la fascia dai 60 ai 69 anni apriremo le iscrizioni quando avremo coscienza delle prossime forniture, quando sapremo con precisione la quantità di vaccini che ci verrà consegnata. Nei prossimi giorni credo che il generale Figliuolo ci dirà quanti ne arriveranno", ha detto il presidente lombardo. 

Insegnanti

"Per quanto riguarda gli insegnanti, dopo il provvedimento del commissario Figliuolo, abbiamo sospeso la somministrazione salvo per coloro che si erano già iscritti e avevano ottenuto un appuntamento. A questi completeremo l'operazione di somministrazione" ha detto il presidente Fontana, al termine della sua visita. Saranno quindi vaccinati gli insegnanti che avevano già ricevuto un appuntamento, mentre gli altri - come previsto dalla direttiva del commissario Figliuolo - si procederà rispettando le fasce anagrafiche. "Per quelli che già si erano prenotati e non erano ancora stati vaccinati, che sono pochissime migliaia, finiremo le somministrazioni al massimo entro venerdì, ha aggiunto il vicepresidente Letizia Moratti. "Affronto la questione degli insegnanti in ottemperanza con quanto disposto dal Commissario straordinario generale Francesco Paolo Figliuolo, che ha chiesto la sospensione delle prenotazioni del personale scolastico under 60  - ha spiegato Moratti -. Come Regione naturalmente abbiamo prontamente aderito. Abbiamo deciso tuttavia di esaurire entro la settimana la vaccinazione delle 4mila persone che si erano già prenotate e di mantenere la possibilità di registrazione attiva, così da poterli chiamare quando arriverà il loro turno, in base all'età".

Covid 19, ecco come cambia il piano vaccinale dopo la nuova ordinanza di Figliuolo

Media di 47mila vaccini giornalieri

"Ad ora sono state somministrate 2.072.000 dosi di vaccino, con una percentuale dell'82% e una media consolidata scopra i 47mila vaccini giornalieri" ha detto Fontana. "Abbiamo vaccinato con una dose - ha continuato- tutti gli over 80 che avevano aderito. Per quello riguarda quelli che non possono essere vaccinati perché allettati sono stati presi in carico dalle Ats e dalle ASST con le loro squadre mobili e verranno nei prossimi giorni e nelle prossime settimane vaccinate. E' stato vaccinato il 100% degli ospiti e del personale nelle Rsa, l' 89% ha ricevuto la seconda dose. Per quanto riguarda quelli che non hanno aderito potranno iscriversi nei prossimi giorni al nuovo portale di Poste". 

L'appello per gli over 80

In Lombardia sono stati vaccinati 600mila over 80, praticamente tutti coloro "che potevano spostarsi autonomamente". E in cinque giorni sono stati vaccinati 20mila ottantenni che non avevano prenotato e che si sono presentati spontaneamente agli hub vaccinali. Ieri, la Lombardia contava di finire le vaccinazioni, almeno con una dose, a tutti gli over 80 che avevano aderito alla campagna. Gli aventi diritto di questa fascia d'età, in Regione, sono circa 730mila.  "All'appello mancano cittadine e cittadini over 80 che per ragioni di salute hanno chiesto di ricevere il vaccino a domicilio. In questi giorni li stiamo raggiungendo anche con l'impiego di 5 camper e medici militari".  L'appello della vice di Attilio Fontana è rivolto agli over 80 che non si sono ancora prenotati sul portale delle Poste: "Lo facciano al più presto, garantendo così ancora di più la propria immunità e quella dei loro cari. Invito quindi gli over 70 che non hanno ancora aderito, a prenotarsi a loro volta, così da consentirci di concludere la vaccinazione dei settantenni entro il mese di aprile, come è nel nostro programma. Infine, ricordo che dal 22 aprile apriremo il portale alle prenotazioni dei lombardi dai 60 ai 69 anni".

Prenotazione vaccino: come funziona in Lombardia

La prenotazione dei vaccini, la Lombardia è passata alla piattaforma elaborata da Poste Italiane.

Ecco come funziona / VIDEO TUTORIAL

image

Le isole Covid free

In merito alla questione isole Covid free per non compromettere la prossima stagione estiva Fontana ha sottolineato: "Sono tutte proposte belle che potranno essere prese in considerazione ma la cosa importante è completare questa fase di vaccinazione massiva perché solo con la vaccinazione massiva potremo superare tutti i problemi".