Milano - In Regione Lombardia si sono superate le due milioni di dosi di vaccino anti-covid somministrate. A dare la notizia sono stati il presidente della Regione Attilio Fontana e il suo vice, nonché assessore alla Sanità, Letizia Moratti con un post sui social network.

Cifra tonda

Oggi "2.022.464 dosi somministrate in Lombardia: 75 giorni per il primo milione, 28 per il secondo, arriveremo a 1 milione di dosi alla settimana, per uscire rapidamente dall'epidemia". Così ha scritto l'assessore al Welfare della 
Lombardia, Letizia Moratti, su Twitter. e poi ha aggiunto: "Proteggere i fragili, salvare vite, creare le condizioni per la ripresa del lavoro". Poco dopo l'ha seguita il governatore Attilio Fontana. In Lombardia "due milioni di somministrazioni, vicini alle 50mila dosi giornaliere - ha scritto l'ex sindaco di Varese sul suo profilo Facebook - La Lombardia sta nettamente accelerando. Affrontiamo i problemi, li risolviamo e corriamo veloci". Resta però sul tavolo il problema dell'approvvigionamento, già segnalato dall'assessore Moratti. "Siamo in costante equilibrio tra i vaccini che riceviamo e le dosi che somministriamo. Dobbiamo riceverne molti di più", aggiunge.

Tocca agli over 75

Da domani, lunedì 12 aprile, si comincerà a vaccinare la fascia dei lombardi fra i 75 e i 79 anni (449mila persone) che, secondo i piani si contava di chiudere il 26 aprile. La novità, annunciata dalla vicepresidente Letizia Moratti sabato alle giornate di formazione della scuola politica della Lega, è che in due settimane la Regione conta di chiudere la prima somministrazione anche alla categoria dei 70-74enni (546mila persone), in anticipo di almeno dieci giorni. Questa fascia d'età, che già può prenotarsi, avrebbe dovuto cominciare a ricevere le prime iniezioni dal 27 aprile per finire tra l'8 e il 12 maggio.