Quotidiano Nazionale logo
29 gen 2022

Occhio alla truffa via email del "green pass sospeso": l'allerta del ministero

Un post sulla pagina del dicastero della Salute mette in guardia del tentativo di raggiro

Sull'allerta c'è anche l'imprimatur del ministero della Salute, che in un post sulla sua pagina Facebook ha diffuso un messaggio di richiamo all'attenzione. Anche perché il truffatore (o il gruppo di truffatori) ha impiegato un indirizzo email con riferimento proprio al dicastero guidato da Roberto Speranza. L'ultima truffa che circola in rete fa uso di un tema su cui gli italiani in questo momento sono particolarmente sensibili, il green pass. 

"Stanno circolando email false da un mittente che si finge il ministero della Salute - si legge nella nota pubblicata sul social network - Se hai ricevuto un'email con oggetto 'Attenzione: Certificazione verde Covid-19 sospesa', inviata da 'ministerodellasalute.pro.it',  NON proviene dal Ministero della Salute, ma si tratta di un tentativo di #phishing", ovvero - come è specificato sempre nel messaggio firmato dal vero ministero della Salute, quella 
"truffa effettuata su Internet attraverso la quale malintenzionati cercano di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali per farne un uso improprio".

L'email truffaldina (da Facebook ministero della Salute)
L'email truffaldina (da Facebook ministero della Salute)

Il messaggio truffaldino prosegue facendo riferimento all'eventualità di un "uso sospetto" del green pass, formula che già dovrebbe suscitare qualche dubbio. Poi contiene due link, su cui non bisogna assolutamente cliccare che, probabilmente, rimandano a pagine in cui viene richiesto di inserire dati sensibili o, peggio, dati riguardanti i propri conti o le proprie carte di credito e debito.

Il post si chiude con un richiamo a utilizzare il numero 1500, in caso di richieste e dubbi sul green pass, il suo utilizzo e la sua durata. Si tratta del numero di pubblica utilità attivato per rispondere a qualsiasi quesito riguardante il Covid-19 e, quindi, anche la certificazione verde. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?