Quotidiano Nazionale logo
11 feb 2022

Terza dose vaccino Covid ai ragazzi va fatta o no? Cosa dice la scienza

Con l'allentamento delle restrizioni molti genitori si chiedono se sia utile fare la terza dose ai giovani della fascia 12-19 anni

fabio lombardi
Cronaca
OPEN DAY JUNIOR RAGAZZI BAMBINI ETA’ 12-16 ANNI
HUB VACCINALE CENTRO VACCINAZIONE VACCINAZIONI ANTI COVID-19 ACEA
INIEZIONE SOMMINISTRAZIONE VACCINO VACCINI
Vaccinazioni

Milano, 11 febbraio 2022 - Con la diminuzione dei contagi, l'allentamento delle restrizioni e un calendario di "ritorno alla normalità" che prevede in estate anche l'annullamento del Green pass, molte famiglie si chiedono se sia utile o meno far fare la terza dose ai ragazzi (chi non l'ha ancora fatta) nella fascia 12-19 anni o risparmiarla loro.

Terza dose ai ragazzi

"Terza dose ai ragazzi? Va fatta, perché è il completamento di un ciclo vaccinale. I dati ci dicono che solo una copertura di questo tipo dà maggiori garanzie rispetto alle infezioni del virus", ha detto stamattina Antonella Viola, immunologa e docente di Patologia generale presso l’Università di Padova, a Skytg24.

"Siamo fuori dal lockdown grazie ai vaccini -. ha detto l'immunologa -, a un certo punto si andrà verso l’eliminazione del Green Pass, ma il virus non smetterà di circolare. Non sappiamo come evolverà, ci ha già mostrato diverse sorprese. Ragionevole togliere le mascherine all’aperto ma lasciarle al chiuso, così non rischiamo di commettere passi falsi. Le restrizioni bisogna toglierle un po’ alla volta".

Quarta dose

"Secondo le indicazioni di Aifa non si va verso una quarta dose ma è probabile vi vada verso una vaccinazione annuale soprattutto per le categorie fragili. Dobbiamo in ogni caso fare attenzione all'evoluzione del virus", ha detto la Viola. Molto dipenderà dunque se la comparsa di ulteriori varianti andrà in direzione di forme meno severe come è stato nel caso di Omicron.

Vaccini per bimbi under 5: a che punto siamo?

Le prime 10 milioni di dosi di vaccino della Pfizer per i bambini tra i 6 mesi ed i 5 anni, prodotte, saranno disponibili prestissimo - ossia tra il 21 e il 25 febbraio - se come si prevede la Food and Drug Administration darà disco verde all'uso del vaccino per gli under-5. La disponibilità delle prime 10 milioni di dosi del prodotto, entro una settimana dalla prevista approvazione, è stata chiesta dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie alla stessa azienda produttrice. La Fda si riunirà martedì prossimo per decidere se dare l'ok al vaccino pediatrico della Pfizer. Gli Usa hanno già ordinato 18 milioni di dosi. Il vaccino per bambini della Pfizer consisterà per ora in due dosi. Entro marzo arriveranno i risultati del trial sull'uso invece di tre dosi per i bambini di meno di 5 anni. 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?