Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 lug 2022

Mantova, la guerra in Ucraina blocca il ponte: non c’è pace per il cantiere infinito

San Benedetto Po, dieci anni non bastano: le cannonate sulla Azovstal fermano l’arrivo dell’acciaio. E l’apertura slitta

29 lug 2022
tommaso papa
Cronaca
featured image
Ponte
featured image
Ponte

San Benedetto Po (Mantova) - ​L’ultima tegola non è di cotto, ma di acciaio: quello proveniente dalla Azovstal di Mariupol fatta a pezzi dalle cannonate dei russi in Ucraina. Al ponte di San Benedetto Po, infrastruttura nevralgica per i collegamenti tra Nord e Sud del territorio mantovano, sembra non essere risparmiato nulla. E la questione dell’acciao spedito da Kiev non è nemmeno l’unica: pesano anche l’affastellarsi dei progetti, il complicarsi delle procedure, e le imprevedibili bolle dei mercati. I problemi del ponte di San Benedetto risalgono addirittura agli anni Settanta, all’indomani della costruzione del manufatto al posto di un fragile ponte di barche (si diceva, nel borgo polironiano, che una delle “gambe“ del ponte già traballasse). Ma è il terremoto del 2012 che apre la ferita. Il ponte sul Po che collega Mantova ai confini con l’Emilia viene chiuso al traffico pesante mentre le auto sono costrette a passare in un angusto imbuto tra i guard-rail. Traffico pesante, per i residenti dell’Oltrepo, significano anche tutti i bus scolastici che - da allora - sono costretti a fare lunghi percorsi per aggirare il blocco. Senza contare i riflessi sull’economia e sulla demografia, in drastico calo nei comuni semi-isolati. Nel 2021, dopo quasi dieci anni di progettazioni, però, arriva la svolta: al vecchio ponte pericolante viene affiancato un altro enorme manufatto composto da due arcate d’acciaio ucraino doc di 2800 e 220 tonnellate. A realizzarle e posizionarle sono due giganti del settore edilizio, la Toto e la Fagioli: la prima è stata scelta per i lavori dalla provincia di Mantova. L’enorme operazione di spostamento ed aggancio riesce, non senza problemi: prima la piena invernale del Po, poi la secca primaverile, rallentano il delicato intervento ingegneristico, che però alla fine riesce: finalmente le due arcate in alveo del nuovo ponte sono in posizione: dovranno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?