Quotidiano Nazionale logo
1 ago 2021

Ostia, forza una porta e scappa dall'ospedale dov'era piantonato: caccia all'evaso

Ne dà la notizia il segretario dell'Uilpa. L'uomo era ricoverato in attesa di espellere gli ovuli di cocaina che aveva in corpo

CONSEGNA MASCHERINE AL CARCERE DI OPERA AGENTI DI POLIZIA PENITENZIARIA
Polizia penitenziaria (Archivio)

Roma - Caccia all'uomo nel Lazio: si cerca un detenuto di 31 anni evaso dall'ospedale di Ostia, dove si trovava piantonato da agenti della polizia penitenziaria. A dare la notizia, attraverso una nota stampa, è Gennarino De Fazio, segretario generale del sindacato Uilpa polizia penitenziaria.

"Un detenuto di 31 anni, originario del Sudan - si legge nel comunicato firmato da De Fazio - arrestato qualche giorno fa al suo arrivo all'aeroporto di Fiumicino, perché si riteneva avesse ingerito degli ovuli contenenti sostanze stupefacenti, e ricoverato all`ospedale GB Grassi di Ostia, dov'era piantonato dalla Polizia penitenziaria in attesa dell`espulsione degli ovuli stessi, verso le ore 4.30 di stamattina è riuscito ad evadere. Immediate sono scattate le ricerche della stessa Polizia penitenziaria e delle altre forze dell`ordine, che sono tuttora in corso".

Il sindacalista poi aggiunge: "Non conosciamo ancora la dinamica esatta dell'evasione; l'arrestato era in carico alla Polizia penitenziaria da qualche giorno e al momento della fuga, per quanto abbiamo potuto apprendere, era ricoverato in una stanza ospedaliera dedicata proprio ai cosiddetti ovulatori e piantonato da due uomini. Pare che sia riuscito a scardinare un'anta della porta e successivamente a forzare il blocco che la Polizia penitenziaria ha tentato di opporre senza, naturalmente, poter utilizzare le armi da fuoco in dotazione". 

"Questo - dice il segretario della Uilpa Polizia Penitenziaria - potrebbe essere indicato come uno dei casi di scuola circa l'utilità della dotazione del taser anche per la Polizia penitenziaria. Sia ben chiaro, non chiediamo e, anzi, riterremmo inutile e persino pericolosa e controproducente la disponibilità della pistola elettrica nelle carceri; al contrario, però, pensiamo che sarebbe utilissima se non indispensabile in altri servizi espletati dal Corpo di polizia penitenziaria e del tutto assimilabili a quelli disimpegnati dalle Forze di Polizia a competenza generale, fra i quali, appunto, quello delle traduzioni e dei piantonamenti dei detenuti". 

"Ancora una volta - continua De Fazio - chiediamo al presidente Draghi e alla ministra Cartabia l`adozione di misure concrete per rafforzare il Corpo di polizia penitenziaria a partire dagli organici e dagli equipaggiamenti, anche dotandola, al pari delle altre Forze di Polizia, del taser per i peculiari servizi assicurati all`esterno delle carceri".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?