Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 gen 2022
14 gen 2022

Omicron dominante in Italia: ecco la mappa delle varianti regione per regione

In meno di due mesi ha invaso la penisola: si va dal 100% della Basilicata al 33% della Val d'Aosta. Delta perde terreno ovunque ed è già sotto il 10% in 4 regioni

14 gen 2022
featured image
Mappa delle varianti
featured image
Mappa delle varianti

In meno di due mesi, da quando è stata scoperta in Sudafrica, a fine novembre, la variante Omicron ha preso il posto della Delta ed è ormai dominante anche in Italia, arrivando ad essere l'unica in circolazione in alcune regioni come la Basilicata dove su 535 campioni positivi, ne sono stati sequenziati 11 e tutti erano riconducibili alla nuova variante. Mentre in Valle d'Aosta non va oltre il 33%. E' quanto emerge dall'indagine condotta dall'Istituto superiore di sanità e dal ministero della Salute, insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler. Il report, che fotografa la situazione al 3 gennaio, certifica l'avanzata inarrestabile di Omicron in tutta la penisola, parallelamente al'impennata di contagi. Ma la distribuzione è diversa da regione a regione. 

Omicron, come riconoscerla. I sintomi principali: differenze con le varianti Alfa e Delta

Omicron incubo mondiale ma è l'Europa sotto attacco. Ecco la mappa dei contagi

I contagi Omicron regione per regione 

La variante Delta resiste in Valle d'Aosta, dove mantiene una prevalenza del 66,7% (mentre Omicron è ferma al 33,3%) e il suo declino appare più lento nella Provincia autonoma di Bolzano, dove il sorpasso c'è stato (Omicron è al 54,2%), ma Delta si tiene una fetta del 41,7%. Avanzata di Omicron meno rapida che altrove anche in Friuli Venezia Giulia (64,6%, Delta 35,4%) e in Veneto, dove la nuova variante è al 66,1% e Delta al 33,9%. Nel resto d'Italia lo scenario è quello di una salita netta e decisa, a velocità diverse ma ormai inarrestabile e consolidata.

Delta è già sotto il 10% in 4 Regioni: oltre alla Basilicata, dove è sparita dai laboratori, sembra in via di estinzione anche in Molise, dove Omicron è al 97,8% e Delta al 2,2%. In Umbria dove è scesa al 6,7% e Omicron è a quota 93,3%, mentre  in Puglia Omicron è al 91,9% e Delta all'8,1%.

Vicine al 90% di Omicron ci sono anche la Toscana (89,2%), e la Lombardia (88,7%). Il Lazio vede Omicron all'85,4% e Delta ormai minoritaria al 14,6%. Nelle Marche Omicron è all'82%, in Sardegna all'83,3%.

Restano sotto l'80%, ma non troppo lontane dai dati delle altre regioni, Emilia Romagna (79,4%), Sicilia (78,8%), Abruzzo (77,8%), Piemonte (76,8%), Liguria (76,7%), Provincia autonoma di Trento (76%), Calabria (71,4%) e Campania (70,9%) .

Fontana: "Lombardia in zona gialla fino alla prossima settimana"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?