Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 dic 2021
29 dic 2021

Variante Omicron più Delta, la combinazione incubo per l'Oms: tsunami su sistemi sanitari

La somma delle due varianti del Covid preoccupa l'Organizazione mondiale della sanità

29 dic 2021

"Lo tsunami prodotto dalla combinazione di Delta ed Omicron" rischia di "portare i sistemi sanitari sull'orlo del collasso", è l'allarme lanciato dal direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Un allarme lanciato guardando ai dati sui contagi degli ultimi giorni che hanno, in pochissimo tempo, toccato livelli altissimi.

La combinazione esplosiva delle varianti

Un'impennata associata alla diffusione della variante Omicron (molto più contagiosa anche se pare meno virulenta). Ma ad oggi è impossibile dire quanto questa nuova ondata sia imputabile alla variante proveniente dal Sudafrica e quanto invece ancora alla circolazione della Delta (meno contagiosa ma più pericolosa).

Questa combinazione, unita al fatto che molti Paesi invece di andare verso restrizioni allentano la presa (ad esempio accorciando le quarantene) fa temere l'Oms.

L'impennata mostruosa di contagi

Gli Usa hanno registrato oltre 500mila casi con un tasso di positività che a New York ha sfiorato il 20%. La Francia, che solo martedì aveva toccato la cifra record di 180mila nuovi casi, ha battuto se stessa 24 ore dopo sfondando quota 200mila. L'Italia in pochi giorni è salita da 10 mila contagi a sfiorare i 100mila di ieri. «Lo tsunami prodotto dalla combinazione di Delta ed Omicron» rischia di «portare i sistemi sanitari sull'orlo del collasso», è l'allarme lanciato dal direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Restrizioni

A dispetto della prima ondata di Covid l'Occidente questa volta non ha innescato una corsa alle chiusure. In alcuni Paesi, come la Germania, esperti e governo non hanno escluso nuove restrizioni. Altri, come la Grecia, si sono limitati a spegnere la musica nei ristoranti e nei bar per evitare assembramenti e ad imporre loro la chiusura a mezzanotte (con proroga alle 2 a Capodanno).

Allentamenti

Altri ancora, come la Spagna, hanno invece seguito la scia di Usa, Gran Bretagna o Italia optando per un drastico taglio della quarantena. Madrid ha infatti ridotto da dieci a sette giorni l'isolamento obbligatorio per chi è positivo. «Dobbiamo trovare un equilibrio tra salute pubblica e crescita economica», ha spiegato il primo ministro Pedro Sanchez facendo riferimento al rischio paralisi dei servizi a causa delle tantissime persone costrette alla quarantena. In Belgio, in seguito a una sentenza del Consiglio di Stato, riaprono teatri, cinema e eventi culturali con una capienza massima di 200 persone.

Ma Omicron non si ferma. Secondo il conteggio dell'agenzia Afp oltre 935.000 casi di Covid sono stati registrati in media ogni giorno nell'ultima settimana a livello mondiale, il livello più alto mai raggiunto dall'inizio della pandemia. L'ascesa dei contagi è rapidissima in Danimarca, Portogallo e Grecia. La Gran Bretagna ha sfondato il tetto dei 180mila contagi. Negli Usa i dati più recenti hanno mostrato un calo - dagli oltre 500mila di martedì ai 380mila mercoledì - tenendo però presente la crescente scarsità di test a disposizione.

Il filo rosso che lega la gran parte dei Paesi è soprattutto uno: a finire in terapia intensiva sono i non vaccinati e rischia anche chi non ha fatto la terza dose. «Fino al 90%» delle persone attualmente ricoverate in terapia intensiva per il Covid negli ospedali britannici non hanno ricevuto il «booster», ha sottolineato il primo ministro britannico Boris Johnson, tornando ad invitare tutti a immunizzarsi. Anche l'Ue, attraverso i canali social, ha ribadito la crucialità del vaccino. Ma la Commissione, dopo che la Finlandia ha imposto il divieto di ingresso agli stranieri senza almeno due dosi, è anche tornata a sottolineare «l'importanza del coordinamento» tra i Paesi membri. "L'Ue continua a operare uno stretto monitoraggio della situazione, in particolare riguardo alla proporzionalità e si attende che le misure prese dai Paesi membri tornino a convergere" quando i dati su Omicron saranno completi, hanno sottolineato da Palazzo Berlaymont.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?