Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Omicron 5 in Italia, Crisanti: "E' inevitabile. Varianti più infettive per i vaccinati"

Covid, secondo il microbiologo "sarà fondamentale capire la capacità di diffusione delle mutazioni. Una nuova ondata? Difficile ipotizzare scenari per i prossimi mesi"

Milano, 11 maggio 2022 - In Italia la situazione epidemiologica è sotto controllo. Ma l'attenzione resta comunque alta, soprattutto in merito alla diffusione delle nuove varianti Omicron 3 e 4. "Non sono più contagiose, semmai sono più infettive per i vaccinati", ha spiegato alla Dire Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Microbiologia molecolare all'Università di Padova. "Ciò accade - le parole dell'esperto - perché queste varianti non vengono riconosciute dal vaccino". Dopo Omicron 3, in Italia è stata già isolata la nuova sottovariante BA.4 di Omicron in due laboratori, uno a Reggio Calabria e l'altro a Monza. E sullo sfondo c'è l'arrivo di altre mutazioni del Covid: "Il punto non è fare la collezione delle varianti - ha detto Crisanti - ma vedere se hanno o meno una capacità di diffusione. Sono due cose completamente diverse". Al momento, però, di loro se ne sa "ancora pochissimo, probabilmente hanno una contagiosità un po' più elevata per i vaccinati, ma tutto qui". Quanto ad Omicron, secondo alcuni esperti, si tratterebbe di una variante diversa dalle altre perché ha una capacità straordinaria di evolversi. Secondo Crisanti, però, "non cambia nulla rispetto agli altri virus. Ci sono alcuni virus che cambiano in continuazione, altri un po' meno". Fatto sta che a oggi ogni nuova subvariante si è mostrata più abile nell'infettare rispetto alla precedente, questo perché "il processo va in quella direzione, cioè la spinta evolutiva è proprio verso la capacità riproduttiva. Quindi è logico - ha continuato - che si avvantaggiano le varianti più infettive". In Sudafrica si va addirittura verso la quinta ondata, mentre si sono già diffuse ampiamente le varianti Omicron 4 e 5. "Se sono in Sudafrica - la previsione di Crisanti  - prima o poi arriveranno anche in Italia, è inevitabile". Sul fronte dell'utilizzo della mascherina, ancora obbligatoria al chiuso fino al 15 giugno su trasporti, per spettacoli e in strutture sociosanitarie, il microbiologo ha ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?