Filippo Viscido (dal sito Us Avellino)
Filippo Viscido (dal sito Us Avellino)

Battipaglia (Salerno) - Il mondo del calcio campano è in lutto. E' stato trovato morto Filippo Viscido, cresciuto nel vivaio della Cavese e con trascorsi in numerose squadre del sud, in primis l'Avellino, squadra con la quale aveva disputato alcuni campionati di serie C. Il corpo è stato trovato dalla moglie nel garage dell'abitazione dove Viscido, 32 anni, viveva con la famiglia, nel rione Sant'Anna a Battipaglia. Secondo gli inquirenti potrebbe trattarsi di un suicidio. Viscido è stato trovato impiccato. La procura ha aperto un fascicolo per accertare cause e dinamica della morte. Il giovane, che giocava centrocampista, era momentaneamente svincoltato a causa dello stop del calcio nelle categorie minori

Una carriera nelle squadre del Sud

Soprannominato "Pitbull" per le sue doti agonistiche, Viscido ha legato il suo nome soprattutto all'Avellino. Con gli irpini il mediano originario di Battipaglia disputò due stagioni a cavallo fra questo decennio e il precedente. Cresciuto nella Cavese, ha indossato anche le casacche di Palmese, Sorrento, Licata, Savoia, Potenza, Campobasso, Cavese e Afragolese. L'ultimo club di cui ha vestito la maglia è stata la Salernum Baronissi, che al momento dello stop per coronavirus, militava nell'Eccellenza campana. Viscido - che ha un fratello, Cristian, calciatore come lui - lascia una moglie e due figli.

Il cordoglio di amici e società

Molti "colleghi" del mondo del calcio hanno voluto offrire il loro tributo via social a Viscido. Fra questi Dino Fava Passaro, attaccante con trascorsi in serie A fra Udinese e Treviso, che con Viscido ha giocato nell'Afragolese. "Poi all'improvviso ti arrivano quelle notizie che ti sconvolgono la giornata - scrive il bomber - Perché Filippo Viscido grande uomo, grande guerriero.. riposa in pace amico mio". L'Avellino, squadra in cui Viscido militò fra il 2009 e il 2011, ha pubblicato una foto sul sito web con il titolo "Ciao Pippo". Cordoglio è stato espresso anche dalla Cavese, la squadra in cui Viscido aveva fatto le prime esperienze con il pallone. "Era cresciuto nel vivaio bleufoncé Filippo Viscido, ex centrocampista aquilotto - si legge in un post sui social - scomparso nelle scorse ore in circostanze tragiche a soli 32 anni (li avrebbe compiuti il 5 giugno), lasciando la moglie e due figli. Pippo, come era chiamato da tutti i suoi compagni, aveva indossato la prima maglia della Cavese a soli 15 anni, facendo parte della formazione Allievi Regionali allenata da Alfonso Contaldo". Un ricordo arriva anche dalla Amministrazione comunale di Battipaglia. "Sgomenti, apprendiamo con profondo dolore la prematura scomparsa di Filippo Viscido, giovane battipagliese - scrive la sindaca Cecilia Francese - Filippo era una persona educata, buona, e profondamente legata alla propria città. Giungano da parte di questa amministrazione le più sentite condoglianze alla famiglia" .