Milano, 2 marzo 2018 - Ancora neve a Milano e in Lombardia, come annunciato dalle previsioni anche per la giornata di oggi, venerdì 2 marzo. I primi fiocchi sono iniziati a cadere già nella serata di mercoledì e ieri, giovedì 1 marzo, per l'intera giornata la regione è stata imbiancata. Dalle 10 di oggi, venerdì 2 marzo, la neve ha ripreso a cadere copiosamente su tutta la regione, compreso il capoluogo meneghino, creando disagi alla circolazione stradale e ferroviaria. Segnalato traffico congestionato sulla tangenziale nord con code tra S.P. 9 Vecchia Valassina e S.P. 44 Milano Meda e tra Nova Milanese e Monza/Sesto. Ma più che la neve preoccupa il ghiaccio

NEVE LOMBAR5DIA_29381438_140927

AUTOSTRADE IN TILT - L'autostrada A1 è stata chiusa in entrambe le direzioni da Milano a Sasso Marconi, poco dopo a Bologna in direzione sud. La decisione è stata presa per via della pioggia gelata che sta cadendo sul tratto autostradale. Ha ripreso a nevicare sulla provincia di Brescia e le temperature basse rischiano di trasformare l'autostrada in una pista di pattinaggio, conpromettendo seriamente la sicurezza della circolazione. Per questo l'A21 stamani, venerdì 8 marzo, intorno alle 8  è stata chiusa in entrambe le direzioni di marcia tra i caselli di Brescia e Piacenza. Sui tratti autostradali lombardi diffusi rallentamenti per la neve. Caos nei collegamenti tra Lombardia e Liguria. Neve, disagi in autostrada (Ansa)

LE PREVISIONI METEO - Passaggio di una nuova veloce perturbazione da ovest verso est. Dal mattino e fino al tardo pomeriggio/sera del 2 marzo, saranno possibili deboli nevicate a partire da sudovest in estensione a nordest, anche sotto forma di rovescio. I fenomeni interesseranno inizialmente tutte le quote, poi sarà possibile un passaggio a pioggia o pioggia mista a neve, specie sui settori orientali della Pianura. Accumuli generalmente deboli, inferiori ai 10 cm sulla Pianura o al più attorno a tale valore ed irregolari, localmente superiori su Prealpi e Appennino fino a 15 cm. Dalla sera tendenza ad esaurimento dei fenomeni. 

L'aria gelida che si era accumulata nei giorni scorsi - spiega l'Arpa lombarda - sta producendo ancora i suoi effetti, anche se già da ieri è in corso una fase di cambiamento grazie al continuo afflusso di aria più mite dal medio Atlantico e dal Mediterraneo. L'effetto di riscaldamento è tuttavia molto graduale poiché, incontrando le barriere alpina e appenninica, l'aria mite è costretta a scorrere al di sopra del "cuscino" di aria fredda che resiste sulla Val Padana erodendolo poco alla volta. Questa è inoltre la ragione per cui anche in alcune zone della Lombardia e si è manifestato il fenomeno del "gelicidio", ossia della precipitazione che cade in forma di pioggia - attraversando nella caduta strati atmosferici già riscaldati - ma gela immediatamente al contatto col suolo, formando insidiosissime lastre di ghiaccio.

Domani, sabato 3, un nuovo passaggio perturbato interesserà la regione tra la mattinata e il primo pomeriggio: in questo caso sulla Pianura avremo per lo più pioggia o neve mista a pioggia, sono quindi poco probabili nuovi accumuli persistenti di neve sotto i 500 metri di quota, ma non si può ancora escludere qualche locale episodio di gelicidio. Infine, domenica 4, tempo variabile: schiarite e annuvolamenti sparsi fino alla mattinata, annuvolamenti in aumento dal pomeriggio con probabili nuove precipitazioni, soprattutto in serata, a carattere di pioggia in Pianura e con neve sopra i 600-1000 metri. Nel weekend le temperature minime si manterranno sottozero, mentre le massime saranno in lieve aumento (tra 0 e 5 °C).

LA MAPPA - La mappa dell'allerta neve, dal sito della Protezione Civile della Lombardia per la giornata di oggi

MILANO - Attivato il COC, il Centro operativo comunale, e dalla stessa ora la centrale operativa delle Protezione civile lavorerà 24 ore su 24. Nel capoluogo lombardo scuole aperte, mezzi pubblici a pieno regime, veicoli spargisale in azione. E lo stesso è stato ieri, giovedì. Disagi solo per i pendolari: il 30 per cento dei convogli Trenord è stato soppresso perché attivato lo stato di emergenza grave previsto nei Piani neve e gelo. Una riduzione del servizio dei treni decisa da Rfi. E oggi? "Garantita l’intera offerta", si legge sul sito dell’azienda. Salvo rallentamenti dovuti al maltempo. In città, fa sapere Palazzo Marino, continua l’allerta neve e resta attivo il Centro operativo comunale. Previste nuove salature delle strade con mezzi Amsa: ne verranno impegati 172, con circa 600 operatori affiancati da 360 spalatori. Più pattuglie della polizia locale in strada, mentre Atm mantiene alto il livello di attenzione. E per i clochard restano centinaia di posti letto. In allerta pure i custodi delle case Mm e Aler, mentre i proprietari di immobili privati dovranno provvedere alla salatura delle rampe dei box e dei marciapiedi prospicienti. Sale pure agli ingresssi delle scuole (a cura dei dirigenti) e nelle 15 sedi dell’anagrafe. Per emergenze: 02.0208 o 02.88465000-01-02.

BERGAMO - Bergamo imbiancata dalle neve: disagi sulle strade non troppo pulite e voli in ritardo all'aeroporto di Orio al Serio. Studenti bergamaschi bloccati in aeroprto a Edimburgo e Dublino a causa di una bufera di neve nel Regno Unito.

BRESCIA - Copiosa nevicata anche nel Bresciano. Scuole chiuse a Paratico.

COMO - Pochi centimetri di neve a Como, ma i disagi al traffico non sono mancati. 

Neve a Sondrio (Orlandi)LECCO - A Lecco il manto bianco ha raggiunto già i cinque centimetri. Molti cittadini hanno deciso di lasciare le proprie auto ferme e il traffico, contenuto, per ora non registra particolari criticità ma la situazione, se la neve dovesse continuare a scendere, potrebbe peggiorare nelle prossime ore. 

LODI  Nella notte, a partire dall’una, la neve, per la maggior parte ghiacciata, viste le rigide temperature, ha ricoperto il territorio lodigiano senza però provocare particolari disagi. Ritardi sui treni.

PAVIA - Ancora neve su Pavia e provincia. La circolazione lungo le strade, che ieri aveva fatto registrare problemi lungo le arterie provinciali soprattutto a causa del ghiaccio, in mattinata si è mantenuta abbastanza regolare. Molti disagi, invece, per chi si deve spostare in treno. 

MANTOVA - Il prefetto di Mantova ha disposto venerdì 2 marzo, la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado nella provincia di Mantova.

SONDRIO-  Il parziale rialzo delle temperature ha favorito le nevicate sull'intero territorio di Valtellina e Valchiavenna. La neve ha iniziato a scendere dalle 9 anche sul fondovalle. Sulla linea ferroviaria Milano-Sondrio-Tirano gli altoparlanti nelle stazioni annunciano ripetuti ritardi dei convogli di Trenord.

NEVE_OBJ_FOTO_1_29351867CITTADINI SCATENATI SUI SOCIAL - La neve ha subito scatenato diverse reazioni nei cittadini milanesi. In molti hanno postato fotografie sui social network accanto a commenti tra ironia, romanticismo e orgoglio per la propia città, Milano.