La frana a Chiavenna
La frana a Chiavenna

Sondrio, 25 luglio 2021 - Il maltempo in Lombardia era annunciato e infatti puntualmente è arrivato a funestare la domenica di milioni di cittadini. A creare i maggiori pericoli sono i violenti temporali che si sono abbattuti su diverse zone della regione. 

"Oggi purtroppo il maltempo ha flagellato diverse zone della Lombardia. Nelle province di Lecco, Como e Sondrio si sono verificate diverse frane e problemi si sono registrati anche in quella di Varese. Per tutte cito le criticità di Chiavenna San Carlo (SO) e di Blevio (CO) con strade e auto sommerse dal fango. Grandinate in Brianza e nella Bergamasca, a Gallarate la forza del vento ha scoperchiato il tetto di un edificio", ha scritto su Facebook il governatore della Lombardia Attilio Fontana. "I vigili del Fuoco, con il prezioso e instancabile sostegno dei volontari della Protezione Civile della Lombardia, sono impegnati per liberare le strade dal fango e dai massi. Fortunatamente - ha concluso - non si registrano vittime. Ringrazio tutti coloro che stanno lavorando per ripristinare le situazioni".

 

Sondrio

Un violento acquazzone, infatti, si è abbattuto nel tratto italiano della Val Bregaglia causando l'interruzione della strada statale 37 del passo Maloja, nel comune di Chiavenna (Sondrio), a poca distanza dell'abitato di Prosto.  Sul posto stanno operando da mezzogiorno squadre di imprese incaricate da Anas con quelle dei Vigili del fuoco del distaccamento di Mese. Presenti i carabinieri. Non si registrano vittime, anche se due auto in transito verso il confine con la Svizzera sarebbero state investite in parte dalle colate di detriti fuoriusciti dal torrente Perandone esondato all'altezza di un'azienda chiusa.

Como

La frana che si è abbattuta sopra Blevio, nella frazione Sopravilla, è stata una delle conseguenze più gravi del pomeriggio di maltempo che si sono abbattute oggi pomeriggio sul territorio Comasco e Lecchese. Fango, sassi detriti e persino rami di alberi hanno invaso la strada, isolando due frazioni e costringendo quattro famiglie ad abbandonare le loro abitazioni in via preventiva. La statale Lariana al momento non è praticabile, ma la segnalazioni giunte ai vigili del fuoco di Como e Lecco sono state decine, costringendo a mettere in campo tutte le squadre, compresi i distaccamenti di volontari. Quasi tutte le richieste di aiuto sono state per rimozioni di alberi – come a Olgiate Comasco o a Uggiate Trevano, dove è anche uscito dagli argini il torrente Lura. 

Lecco

Pioggia, vento e grandine si sono abbattuti anche sul Lecchese all'ora di pranzo con decine di chiamate ai vigili del fuoco di Lecco e Merate (Lecco) per allagamenti, con auto in difficoltà e alcune strade della Brianza, in particolare a Garbagnate Monastero (Lecco) e Nibionno (Lecco), trasformate in torrenti. La grandine ha devastato le coltivazioni in Brianza. Il maltempo ha interessato anche la Valsassina e l'Alto Lario: a causa del distacco di materiale roccioso, è stato chiuso dal sindaco di Dervio (Lecco), per motivi di sicurezza, il sentiero tra Dervio e Pianezzo. Sono stati effettuati anche sopralluoghi sulla strada provinciale che unisce Bellano (Lecco) e la Valsassina per il rischio idrogeologico. 

Varese

In provincia di Varese, a Gallarate, la copertura di uno stabile industriale è stata divelta dal vento e si è schiantata su alcune auto, a seguito di una forte perturbazione. Decine le telefonate al numero di emergenza per allagamenti e danni provocati dal vento. Il comando provinciale dei vigili del fuoco di Varese è al lavoro dalla tarda mattinata di oggi per rispondere alle richieste di aiuto.

Bergamo

L'ondata di maltempo si è abbattuta anche sulla Bergamasca, dove una violenta grandinata ha interessato le valli Seriana, Brembana e Imagna, dove la grandine ha ricoperto le strade e rovinato gli orti. I vigili del fuoco sono stati impegnati in una trentina di interventi in tutta la provincia, concentrati specialmente nelle valli, per alberi abbattuti, massi sulle strade, allagamenti: non si segnalano invece danni ad abitazioni o persone ferite. A San Pellegrino l'ex statale si è allagata proprio davanti alla sede dell'omonima azienda di acque minerali. 

Allerta arancione a Milano

Per la giornata di oggi, domenica 25 luglio, permangono condizioni meteo di marcata instabilità sulla Lombardia, che proseguiranno anche nelle giornate di domani e di martedì. In particolare, sul nodo idraulico di Milano il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia ha emanato per questo pomeriggio un'allerta gialla (criticità ordinaria) per rischio idraulico e idrogeologico, e un'allerta arancione (criticità moderata) per rischio di forti temporali. Il Comune di Milano è pronto ad attivare i monitoraggi della situazione per verificare la necessita' d'interventi. 

Allerta in Liguria, Veneto e Toscana

Non solo la Lombardia a rischio "giallo". In Liguria scatta domani alle 6:00 l'allertaper temporali.  L'allerta durerà fino alle 15:00 e riguarderà i versanti Padani di Ponente e di Levante e il settore centrale della regione, compresa Genova. Responsabile di questo cambiamento è una saccatura presente sulla Francia che avanzerà lentamente da ovest verso est rinnovando e accentuando le condizioni di instabilità con possibili rovesci o temporali sparsi anche forti, in particolare tra la notte e la mattinata di domani, lunedì 26 luglio. I fenomeni sono previsti soprattutto sul centro della regione e i versanti Padani, ed andranno attenuandosi dal pomeriggio; l'instabilità, però, permarrà anche tra la notte e la mattina di martedì 27 luglio con possibili fenomeni temporaleschi specie sul centro Levante della regione. Una fase di  maltempo è in arrivo anche in Veneto. Sulla base delle previsioni, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione ha emesso un'allerta meteo, dichiarando lo Stato di Attenzione per Criticità' Idrogeologica su tutto il territorio. L'allerta (gialla) ha validita' dalle 14.00 di oggi alle 24 di domani, lunedi' 26 luglio. Le previsioni, indicano nel pomeriggio/sera di oggi, domenica 25, e nel corso domani, lunedi' 26, tempo a tratti instabile con rovesci e temporali sparsi, oggi piu' probabili su zone montane/pedemontane, domani, anche sul resto della regione. Saranno possibili locali fenomeni intensi (forti rovesci, forti raffiche di vento, locali grandinate).

E domani allerta gialla per possibili temporali forti a Firenze.  L'allerta scatterà alle 9 di lunedì 26 luglio e si concluderà alle 21 dello stesso giorno. Secondo gli esperti l'elevato caldo favorisce la possibilità di temporali di breve durata ma anche intensi. Domani i temporali saranno a "carattere sparso, localmente anche forti, più probabili sulle zone interne, ma di difficile localizzazione, con possibilità di locali grandinate e forti colpi di vento".