Fai il vaccino. Dopo qualche giorno ti ammali di Covid. Devi fare la seconda dose? Un dubbio che non era stato ancora chiarito. Ora il ministero dà una comunicazione precisa: se l'infezione avviene entro 14 giorni dalla vaccinazione è indicato fare la seconda dose. Se invece si contrae il Covid 14 giorni dopo la prima dose non è più necessario sottoporsi alla seconda somministrazione.

Pronta la circolare del ministero della Salute, firmata dal direttore della Prevenzione Gianni Rezza, che fornisce chiarimenti in merito alla vaccinazione anti-COVID-19 in chi ha contratto un'infezione da SARS-CoV-2 successivamente alla somministrazione della prima dose di un vaccino con schedula vaccinale a due dosi.

«In caso di infezione da SARS-CoV-2 confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino - si legge nella circolare - è indicato il completamento della schedula vaccinale con una seconda dose da effettuare entro sei mesi (180 giorni) dalla documentata infezione (data del primo test molecolare positivo); trascorso questo arco di tempo, la schedula vaccinale potrà essere comunque completata, il prima possibile, con la sola seconda dose». In caso invece di infezione da SARS-CoV-2 confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) «oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la schedula vaccinale è da intendersi completata in quanto l'infezione stessa è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose».

«Resta inteso - precisa la circolare ministeriale - che l'eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l'infezione da SARS-CoV-2». La circolare ribadisce infine che «l'esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, non è indicata ai fini del processo decisionale vaccinale».