Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 feb 2022
10 feb 2022

Long Covid nei bambini: i sintomi, quanto durano e i consigli dopo la guarigione

Nell'ultima ondata del virus sono stati numerosi i contagi tra i più piccoli e la campagna vaccinale ha subito un rallentamento

10 feb 2022

Milano, 10 febbraio 2022 - Il Covid colpisce ancora, seppure i numeri di contagi e ricoveri siano in calo. La variante Omicron, che ha registrato il suo picco tra Natale e Capodanno, ha infettato soprattutto i bambini. "Lo sapevamo, è una popolazione a rischio e non c'e' stata una immunizzazione attiva fin dalla comparsa del vaccino stesso. Una fascia cosi' importante doveva necessariamente essere soggetta ad un'infezione cosi' rapida ed invasiva", ha affermato Giuseppe Mele, Presidente della Societa' Italiana Medici Pediatri, intervenuto ai microfoni de L'Italia s'e' Desta su Radio Cusano Campus per parlare della campagna vaccinale per i piu' piccoli. 

"I casi di covid nella fascia pediatrica hanno provocato un'ospedalizzazione importante negli ultimi mesi", ha rilevato Mele. "Il virus ha colpito i bambini che ora hanno problemi di long covid. Parliamo di problematiche importanti come disturbi comportamentali, stress emotivi e disturbi neuro psichici". Secondo gli ultimi dati la campagna di vaccinazione per i piu' piccoli sta rallentando: "C'e' stata molta confusione dal punto di vista organizzativo per quanto riguarda la scuola e i bambini. Nelle Regioni in cui c'e' stata un'omogeneita' di comportamenti, dove vari attori dei territori sono stati coinvolti in maniera sinergica, la campagna e' decollata come ad esempio in Puglia. Purtroppo e' accaduto spesso che tra la prima e la seconda vaccinazione molti bambini abbiano contratto il Covid, non potendo c completare il ciclo vaccinale". 

I sintomi long Covid

Ma quali sono i itmi del log Covid nei bambini e negli adolescenti? Intervenendo al webinar ' Long Covid: pronti a fronteggiare l'impatto presente e futuro della pandemia?', organizzato online dall'Istituto superiore di sanità (Iss), Alberto Villani, direttore del dipartimento di Emergenza, Accettazione e Pediatria generale dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, ha parlato di sei aree in cui si può manifestare la presenza di possibili problematiche: psichiatrica, otorinolaringoiatrica, gastrointestinale, neurologica, cardiovascolare e polmonare. E le manifestazioni possono essere le più disparate: dalla depressione, all'ansia, ai disordini post-traumatici, all'anosmia, i dolori addominali, e ancora diarrea, rinorrea, tosse, difficoltà respiratorie. A conferma che, così come negli adulti, anche nei più piccoli il long Covid è una condizione dai confini non ben delineati e che può manifestarsi, o meno, in modo diverso in ogni persona. "Si tratta di sintomi che possono interessare un po' tutti gli apparati e che, spesso, sono frequenti nei bambini anche al di là del Covid - ha precisato Villani - e dunque è difficile dimostrare che ci sia un nesso di causalità netto". Dunque "è necessario trovare un modo di standardizzare i follow up post Covid e di stabilire i criteri d'accesso".  

I consigli dopo la guarigione

Villani ha ricordato che proprio per questo la Società italiana di pediatria ha recentemente redatto un documento di consenso in cui si raccomanda di "visitare tutti i bambini e gli adolescenti con una diagnosi sospetta o provata di Covid dopo 4 settimane dalla fase acuta dell'infezione per verificare la presenza di possibili sintomi di long Covid". La Sip ha anche raccomandato di programmare, in ogni caso, anche in assenza di questi sintomi, un ulteriore controllo dopo 3 mesi dalla diagnosi di infezione da Sars-CoV-2 per confermare che sia tutto normale o per affrontare i problemi emergenti, attraverso una valutazione approfondita degli stessi. Quale sia la reale diffusione del long Covid tra bambini e adolescenti, infatti, non è ancora determinata e le percentuali variano dal 4 al 60% a seconda degli studi. Così come non è chiara quale sia la diffusione negli adulti in cui sono quasi 50 i sintomi che, in modo diverso da persona a persona, possono manifestarsi e interessare un po' tutti gli apparati. E' proprio da questa incertezza che nasce l'idea del progetto 'Analisi e strategie di risposta agli effetti a lungo termine dell'infezione Covid-19 ( long- Covid)', per dare risposte al long covid considerato dagli esperti la nuova emergenza sanitaria.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?