Malpensa, ecco il piano per accogliere i 25mila viaggiatori di Linate

Il "trasloco" operativo da luglio, quando inizieranno i lavori di ristrutturazione nello scalo milanese

di ROSELLA FORMENTI
Passeggeri a Malpensa
Passeggeri a Malpensa

Malpensa (Varese), 3 giugno 2019 - Un aeroporto che chiude per lavori, un altro dove il cantiere procede veloce per accogliere migliaia di passeggeri. Il 27 luglio Linate chiuderà i battenti per consentire di rifare il look allo scalo cittadino. Trentotto milioni di euro di investimento per ridare un nuovo aspetto e nuova funzionalità al terminal e costruire un modernissimo sistema di gestione dei bagagli e rifare la pista. Nella brughiera, invece, si spendono 18 milioni per consentire di accogliere, dal 27 luglio, tutti coloro che sarebbero dovuti partire da Linate. Per la Sea, che gestisce i due scali, un’opportunità, come ha sottolineato in un recente sopralluogo al Terminal 1 di Malpensa Alessandro Fidato, airport management director, «per dimostrare alle compagnie che già operano a Malpensa e a quelle che pensano di farlo che lo scalo ha la capacità di accogliere traffico e gestirlo al meglio».

Per rispondere all’incremento di voli e di passeggeri sono stati realizzati 26 nuovi banchi per il check-in e sette nuovi gate per l’area Schengen, interessati dagli interventi anche circa 2.000 metri quadrati per ospitare i lavoratori che ogni giorno da Linate dovranno arrivare a Malpensa. La chiusura di Linate determinerà un incremento di passeggeri per Malpensa pari al 30%, in media 25mila viaggiatori in più al giorno, il periodo di maggior traffico sarà tra il 29 luglio e il 4 agosto con un aumento dei passeggeri pari al 41% e dei movimenti del 54%, stimati 800 mila presenze in una settimana. Ma si proseguirà fino al 27 ottobre. Numeri elevati ai quali lo scalo varesino si prepara a far fronte adeguando strutture e servizi. Per il 27 luglio tutto sarà pronto. Non solo passeggeri: a Malpensa ogni giorno arriveranno 700 dipendenti aeroportuali che da Linate raggiungeranno l’aeroporto della brughiera con un servizio di navette predisposto da Sea. Tra i problemi posti dal trasferimento temporaneo dei voli da Linate quello dei parcheggi, anche in questo caso si sta intervenendo per aumentare la disponibilità. Procedono i lavori per la realizzazione di 3.700 posti per i viaggiatori nell’ex cava Nidoli, in prossimità del Terminal 2, all’altezza dell’uscita della superstrada 336, altri 600 saranno messi a disposizione da Sea per i dipendenti. Attenzione anche sulla viabilità nella zona del Terminal 1: Milano distaccherà lì 10 agenti ogni giorno. Trenord, inoltre, raddoppierà i posti sul Malpnesa Express. Sconti in vista per chi usa l’autostrada. Complesso anche il cantiere che modificherà Linate. Oltre alla fase prevista fra luglio, fra ottobre 2019 e ottobre 2021, arriverà la nuova area del terminal, il rifacimento del gate per l’imbarco e un’area commerciale tutta nuova. Conto da 22 milioni, che porta il totale degli investimenti su Linate a 70 milioni di euro.