Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
26 nov 2021
26 nov 2021

Super green pass dal 6 dicembre: cosa cambia per i trasporti

Certificato verde, capienze e controlli: le novità per treni, aerei, navi e Trasporto pubblico locale

26 nov 2021

Super green pass dal 6 dicembre al 15 gennaio, cosa cambia per i trasporti

Green pass

La novità principale riguarda i treni regionali e il trasporto pubblico locale, cioè autobus, tram, metropolitane e simili. Fino al 5 dicembre si potrà ancora salire sui mezzi anche senza certificato, dal giorno successivo sarà invece necessario averlo. Non il Super green pass, però, riservato solo a vaccinati o guariti, ma il green pass 'base' che si può ottenere anche col tampone negativo. Sarà così per il Trasporto pubblico locale e anche per gli altri tipi di trasporto: aerei (sia per i voli internazionali sia per quelli nazionali), navi e traghetti che svolgono un servizio interregionale, treni e pullman a lunga percorrenza. Su questi tipi di mezzi di trasporto, il green pass è richiesto già dallo scorso settembre.

Capienze

Per quanto riguarda invece le capienze, sugli aerei è al 100% mentre nei mezzi del trasporto pubblico locale, nei pullman e sui treni è all'80% (fatta eccezione per Italo che, disponendo di speciali filtri garantiscono un ricambio continuo e completo dell’aria in carrozza, può viaggiare al 100% della capacità). Su navi e traghetti la capacità è all'80% per i natanti che svolgono un servizio interregionale e al 100% per quelli locali.

Controlli

Contestualmente all'entrata in vigore del Super green pass, il Governo ha annunciato un inasprimento dei controlli. Un tema che sta sollevando parecchi dubbi per quanto riguarda il Trasporto pubblico locale, che rischia di andare in tilt se ad ogni fermata bisogna verificare il green pass a chi sale, in particolare nelle ore di punta. A maggior ragione se il green pass verrà richiesto a partire dai 12 anni di età, coinvolgendo qundi praticamente tutta la popolazione scolastica. La soluzione dovrebbe essere quella di controlli a campione, da parte delle forze dell'ordine e non dei controllori. Lunedì prossimo il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, incontrerà i prefetti dei capoluoghi di regione per mettere a punto il piano dei controlli.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?