Genova - E' morta l'insegnante di 32 anni ricoverata all'ospedale San Martino di Genova dopo un'emorragia cerebrale. La donna era stata vaccinata il 22 marzo con Astrazeneca. Oggi, l'ospedale ha comunicato che "è iniziata alle 9.44 l'osservazione di 6 ore per la conferma di stato di morte cerebrale per la paziente di 32 anni ricoverata presso la nostra Rianimazione".

Ieri lo stesso istituto aveva segnalato il caso "di quadro trombotico ed emorragico cerebrale riferito a una insegnante di 32 anni vaccinata presso la Asl di residenza in Liguria con vaccino AstraZeneca il 22 marzo e con esordio sintomatologico dal 2 aprile". La giovane donna era stata ricoverata ieri per un "quadro trombotico ed emorragico cerebrale". La direzione del Policlinico aveva ha attivato le previste segnalazioni nell'ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa.

Nonostante le rassicurazioni di Ema e Aifa, il vaccino di AstraZeneca, ribattezzato Vaxzevria, continua dunque a suscitare perplessità e polemiche. L'Olanda, ad esempio, ne ha appena sospeso l'utilizzo per tutta la popolazione mentre in Germania la commissiene vaccinale, dopo aver stabilito di non utilizzare il siero anglo-svedese per gli under 60, ha consigliato alle persone sotto i 60 anni che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca di farsi inoculare per la seconda dose un vaccino diverso.