La truffa è nel pallone. La Guardia di Finanza ha oscurato due siti internet. L'accusa è aver messo in vendita biglietti falsi per le partite dei campionati europei di calcio, compreso il match inaugurale in programma all'Olimpico di Roma l'11 giugno tra Italia e Turchia. I prezzi dei tagliandi partivano da 196 euro e arrivavano fino a 3.500 euro.

Monitoraggio social

Il raggiro è stato scoperto dai militari delle Fiamme gialle che hanno oscurato i due siti internet attraverso i quali venivano offerti i ticket. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dalla procura di Roma dopo che gli uomini del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno scoperto, monitorando la rete e i social, i falsi tagliandi: a offrirli erano due piattaforme internet (Viagogo e Ticombo) che consentono di acquistare o vendere biglietti per concerti, eventi culturali e sportivi.

Ogni acquirente poteva selezionare fino a 26 biglietti e scegliere il posto all'interno dello stadio; uno dei due siti, inoltre, aveva messo anche a disposizione una finestra in cui era indicato il numero di biglietti ancora disponibili al momento dell'acquisto. L'Uefa, ricorda la Guardia di finanza, al momento non ha autorizzato altri soggetti alla vendita dei biglietti per l'Europeo e dunque tutti quelli che si trovano al di fuori dei canali ufficiali non sono validi e non consentiranno di accedere agli impianti.