Un aereo Easyjet a Malpensa
Un aereo Easyjet a Malpensa

Malpensa (Varese), 30 marzo 2020 - EasyJet ha oggi messo a terra la sua intera flotta di aerei a seguito delle restrizioni di viaggio - "senza precedenti" - imposte dai Governi in risposta alla pandemia da coronavirus e dell'implementazione di regimi di confinamento in molti Paesi europei. Non è escluso comunque l'utilizzo di qualche velivolo in quanto EasyJet continuerà a "lavorare con
gli enti governativi per effettuare ulteriori voli di rimpatrio qualora richiesto". Secondo la compagnia britannica, però, "in questa fase non è possibile stabilire con certezza una data di ripresa dei voli commerciali".

Una decisione che peserà in particolare sull'aeroporto di Malpensa, dove EasyJet ha il suo quartier generale con 22 aerei basati e un centro di addestramento piloti. Dal suo principale aeroporto fuori dal Rengo Unito, il vettore low cost fa transitare circa 8 milioni dei 28 milioni di passeggeri totali, dunque quasi il 30% del traffico totale. Un'altra tegola, dunque, sull'aeroporto della brughiera che, prima della pandemia, in questo primo scorcio di 2020 aveva già dovuto fare i conti con la crisi di Air Italy.