Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
29 mag 2022

Fatta a pezzi nella vasca a Melzo. Un complice potrebbe avere aiutato la figlia Rosa

È l’ ipotesi su cui stanno lavorando i magistrati per fare luce sulla mattanza dove Rosa Fabbiano, 58 anni, ha ucciso l’anziana madre Lucia Cipriano

29 mag 2022
paolo verri
Cronaca
I Carabinieri sul luogo dove una donna di 84 anni è stata trovata morta, a Melzo (Milano), 26 maggio 2022. Il corpo, che era in avanzato stato di decomposizione, giaceva dentro una vasca da bagno.   ANSA / Andrea Canali
I carabinieri sul luogo dove una donna di 84 anni è stata trovata morta, a Melzo
I Carabinieri sul luogo dove una donna di 84 anni è stata trovata morta, a Melzo (Milano), 26 maggio 2022. Il corpo, che era in avanzato stato di decomposizione, giaceva dentro una vasca da bagno.   ANSA / Andrea Canali
I carabinieri sul luogo dove una donna di 84 anni è stata trovata morta, a Melzo

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Melzo (Milano) - Ancora nessun indizio sul movente che avrebbe spinto Rosa Fabbiano, 58 anni, ad uccidere l’anziana madre Lucia Cipriano. La pensionata 84enne è stata trovata morta nel suo appartamento in via Boves a Melzo. Il corpo smembrato con dei tagli netti, inferti da una sega poi trovata in cucina, e lasciato nella vasca da bagno per oltre due mesi. Da quando è stata fermata dai carabinieri giovedì scorso, Rosa è rimasta in silenzio. E lo ha fatto anche davanti al gip Giulio Fanales che l’ha interrogata nel carcere di San Vittore alla presenza dell’aggiunto Laura Pedio e del pm Elisa Calandrucci, titolari del caso. Non vuole o non sa spiegare il perché del suo gesto. Un mutismo nel quale la 58enne, operaia in un maglificio del Milanese, si è chiusa da giovedì, dopo che l’omicidio della pensionata era stato scoperto. Non ha voluto raccontare al pm Calandrucci, che l’ha interrogata nella caserma dei carabinieri di Melzo, che cosa sia accaduto tra fine marzo e i primi di aprile nell’appartamento della madre. E cosa l’abbia spinta a far adagiare l’anziana nella vasca per poi coprirla con cellophane, assicurato ai bordi con del nastro adesivo, facendola morire per asfissia, come ha ammesso con un cenno del capo con i carabinieri che hanno trovato il corpo. "Ho fatto un disastro", sono le uniche parole che ha scambiato con la sorella Loredana, che da Trento ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?