Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Vaccino obbligatorio, multe sbagliate a over 50 in regola. Ecco cosa accade e perché

Federconsumatori: sono persone che hanno contratto il Covid a fine 2020 e che al momento hanno solo due dosi o che contagiati prima del booster sono stati costretti a posticipare la terza

matteo sannazzaro
Cronaca
Agenzia delle entrate
Agenzia delle entrate

Dopo il danno, aver contratto il Covid e il vaccino, la beffa della multa da 100 euro per tanti over 50 in regola con l'obbligo vaccinale. A denunciare lo spiacevole disguido è la  Federconsumatori. "In queste settimane - si legge in una nota -  migliaia di cittadini che non hanno ottemperato all'obbligo vaccinale hanno ricevuto dall'Agenzia delle Entrate una comunicazione di avvio di procedimento sanzionatorio. Tuttavia la multa, pari a 100 euro, è stata erroneamente trasmessa anche a persone che invece sono in regola con quanto previsto dalla normativa vigente. Nella maggior parte dei casi si tratta di utenti di età superiore ai 50 anni che hanno contratto il Covid a fine 2020 e a cui, al momento, sono state somministrate solo due dosi o che, essendo stati contagiati prima del booster, sono stati costretti a posticipare la somministrazione della terza dose successivamente all'entrata in vigore dell'obbligo vaccinale per gli over 50". Perché capita l'errore? E' quanto si legge in una nota Federconsumatori che spiega anche come  si è creato questo pasticcio burocratico:   "Il problema deriva da un inefficiente coordinamento tra le diverse banche dati: in questi casi il sistema tessera sanitaria rileva una condizione di irregolarità a causa della dose mancante, da cui appunto derivano la comunicazione del Ministero della Salute all'Agenzia delle Entrate e la successiva emissione della multa. Le sanzioni comminate possono sì essere contestate, ma la procedura prevista è a dir poco complessa e farraginosa: entro il termine perentorio di 10 giorni l'utente deve inviare alla Asl la documentazione relativa al differimento o all'esenzione dall'obbligo vaccinale, nonché compilare un apposito modulo nella sezione dedicata del sito web dell'Agenzia delle Entrate. In tal modo si scarica totalmente l'onere della prova sul cittadino, a cui però non è in alcun modo imputabile la responsabilità dell'errore. Inoltre, l'iter non prevede altre modalità rispetto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?