Bollettino Covid Italia e Lombardia del 23 giugno
Bollettino Covid Italia e Lombardia del 23 giugno

Milano -  Sono 951 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano 835. Sono invece 30 le vittime in un giorno (in calo di uno rispetto alla giornata di martedì). 198.031 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, per un tasso di positività dello 0,5% (sostanzialmente stabile, visto che ieri era era dello 0,43%). Buone notizie dal fronte degli ospedali: 344 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, con un calo di 18 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, sono stati 4 (ieri 10). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari hanno raggiunto quota 2.140, in calo di 149 unità rispetto a martedì. I casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.255.434, i morti 127.352. I dimessi ed i guariti sono invece 4.059.463, con un incremento di 5.455, mentre gli attualmente positivi scendono a 68.619, in calo di 4.345 nelle ultime 24 ore. In isolamento domiciliare ci sono 66.135 persone (-4.178). Per quanto riguarda le singole regioni, la regione con il maggior numero di casi si conferma la Sicilia (158), seguita da Lombardia (131), e Campania (110). Al contrario in Molise e Valle d'Aosta si registra rispettivamente 2 e 1 caso. Il tutto in un'Italia ormai tutta bianca che da settimana prossima, precisamente dal 28 giugno, dirà addio all'obbligo della mascherina all'aperto (anche se con alcune eccezioni). "Siamo in un periodo in cui di nuovo tutto appare roseo: non illudiamoci, aspettiamoci qualcosa, cerchiamo di essere più preparati. Abbiamo l'esperienza dell'anno scorso, la lezione dell'anno scorso" ha detto oggi il presidente del Consiglio Mario Draghi

In miglioramento la curva epidemiologica della regione più colpita dalla pandemia. In Lombardia oggi continuano a diminuire i ricoverati nelle terapie intensive (-1) e nei reparti (-39). A fronte di 32.980 tamponi effettuati, sono 131 i nuovi positivi (0,3%, leggermente al di sotto della media nazionale). Il totale complessivo dei decessi è 33.761 (+3) I nuovi casi per provincia: Milano: 50 di cui 25 a Milano città; Bergamo: 5; Brescia: 12; Como: 4; Cremona: 4; Lecco: 1; Lodi: 6; Mantova: 8; Monza e Brianza: 21; Pavia: 2; Sondrio: 1; Varese: 12. 

Bollettino Covid Italia del 23 giugno / Pdf

Contagi e decessi regione per regione

VENETO

Numeri Covid sempre più bassi in Veneto. Nelle ultime 24 ore sono solo 49 i nuovi contagi rintracciati dai tamponi (una prevalenza dello 0,21%), e due le vittime. Il totale degli infetti, ovvero dei positivi al virus SarsCov2 trovati con il sistema di contact tracing, sono 425.062, quello dei decessi 11.611. Prosegue la discesa dei dati ospedalieri. I malati Covid ricoverati sono complessivamente 304 (-16) - inferiore al 10% del picco di ricoveri registrato nel dicembre 2020 - dei quali 272 (-16) nelle normali aree mediche, e 32 (invariato) nelle terapie intensive. I soggetti attualmente positivi e in isolamento sono scesi a 4.896. 

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.046 tamponi molecolari sono stati rilevati 9 nuovi contagi con una percentuale di positivita' dello 0,22%. Sono inoltre 1.399 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali non sono stati rilevati casi. Nella giornata odierna si registra un decesso pregresso; per il secondo giorno consecutivo non risultano esserci piu' persone ricoverate nelle terapie intensive, mentre i pazienti in altri reparti sono stabili e pari a 9 unità.  I decessi complessivamente ammontano a 3.800, con la seguente suddivisione territoriale: 818 a Trieste, 2.012 a Udine, 676 a Pordenone e 294 a Gorizia. I totalmente guariti sono 93.706, i clinicamente guariti 5.642, mentre quelli in isolamento oggi scendono a 4.345. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 107.502 persone con la seguente suddivisione territoriale: 21.414 a Trieste, 50.730 a Udine, 21.050 a Pordenone, 13.094 a Gorizia e 1.214 da fuori regione. Infine, non si registrano positivita' tra il personale del Sistema sanitario regionale ne' tra gli ospiti e gli operatori delle strutture residenziali per anziani.

PIEMONTE

Nessun decesso di persone positive al test del Covid-19 e' stato comunicato dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte. Il totale resta quindi di 11.693 deceduti risultati positivi al virus. 51 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 5 dopo test antigenico), pari allo 0,4% di14.242 tamponi eseguiti, di cui 7.997 antigenici. Dei 51 nuovi casi, gli asintomatici sono 26 (51.0%). I casi sono cosi' ripartiti: 15 screening, 28 contatti di caso, 8 con indagine in corso; per ambito:0 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 8 scolastico, 43 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 366.738. I ricoverati in terapia intensiva sono 23 (-2 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 200 (-8 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 1.110. I tamponi diagnostici finora processati sono 5.317.938 (+14.242 rispetto a ieri), di cui 1.738.402 risultati negativi. 

VALLE D'AOSTA

Nessun decesso e un nuovo contagio da Covid -19 in Valle d'Aosta che porta il totale complessivo delle persone colpite da virus da inizio epidemia a 11.676. I positivi attuali sono 38, -7 rispetto a ieri, di cui uno ricoverato in ospedale e 37 in isolamento domiciliare. Nessun paziente risulta ricoverato in terapia intensiva. I guariti sono oggi 11.165, +8 rispetto a ieri, i tamponi fino ad oggi effettuati sono 137.485, +297, di cui 37.576 processati con test antigienico rapido. I decessi di persone risultate positive al Covid in Valle d' Aosta da inizio emergenza sono 473.

P.A. TRENTO

Per il sesto giorno consecutivo non si registrano decessi in Trentino a causa del Covid-19, come evidenzia l'odierno rapporto dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari che segnala 8 nuovi casi di positività: 4 emersi dai test molecolari e altrettanti dai rapidi antigenici. Fra questi 2 riguardano bambini nella fascia d'età fra 0 e 2 anni e altri 2 in quella fra i 14 ed i 19 anni. Un altro caso interessa la fascia 60-69 ed uno riguarda gli ultra ottantenni. I tamponi molecolari sono stati 493, tutti processati da Apss, mentre i test rapidi antigenici sono stati 967. Con la dimissione di un paziente, avvenuta ieri, scendono a 10 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere di cui 3 in rianimazione. I guariti dal Coronavirus in Trentino dall'inizio della pandemia sono 45.744. Sul fronte delle vaccinazioni stamane risultavano somministrate 415.579 dosi, di cui 159.101 seconde dosi, 65.619 per gli ultra ottantenni, 82.581 nella fascia 70-79 anni e 90.598 in quella 60-69 anni, dove si registrata un incremento significativo, rispetto a ieri, pari a 685 persone.

P.A. BOLZANO

In Alto Adige sono 11 i nuovi casi di Covid-19 su 2.393 tamponi processati nella giornata di ieri. Da undici giorni non si registrano decessi: il bilancio complessivo resta di 1.180 vittime dall'11 marzo 2020, giorno del primo decesso riconducibile al coronavirus in provincia di Bolzano. Le nuove positività sono 10 su 644 tamponi molecolari esaminati e uno su 1.749 test antigenici effettuati. Su 222.152 persone sottoposte a tampone molecolare, 48.640 sono risultate positive. Le persone trovate positive ad un test antigenico sono 26.200. Le persone guarite sono 73.447. Resta stabile il numero dei pazienti covid ricoverati, 6 nei normali reparti ospedalieri e 3 in terapia intensiva.

LIGURIA

Sono 10 i nuovi casi di positività al covid nelle ultime 24 ore in Liguria che emergono da 2764 tamponi molecolari e 1846 antigenici rapidi per un tasso di positività dello 0,21%. Sul calcolo dei positivi complessivi pesano i 193 casi emersi da 6950 tamponi fatti da un laboratorio accreditato nel periodo febbraio - maggio i cui esiti sono stati segnalati ad Alisa solo ieri. Pertanto in Liguria da inizio pandemia il numero dei contagiati è di 103372, ma i positivi al momento sono 1640, 9 meno di ieri. Si registra ancora un decesso, un uomo di 75 a Sarzana. Il totale dei morti per covid in Liguria è di 4349. Ancora in calo gli ospedalizzati sono 33, due meno di ieri. In terapia intensiva ci sono 8 malati, come ieri. I guariti sono 211. In Isolamento domiciliare ci sono 191 persone, 9 meno di ieri, e in sorveglianza attiva ce ne sono 573, erano 563. Nelle ultime 24 ore sono state inoculate 14379 dosi di vaccino. Hanno chiuso il ciclo vaccinale in 431630. I vaccini consegnati sono 1.323.501, quelli somministrati 1.257.483, il 95% 

TOSCANA

I nuovi casi Covid registrati in Toscana nelle ultime 24 ore sono 50 su 13.803 test di cui 6.813 tamponi molecolari e 6.990 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 0,36% (1,1% sulle prime diagnosi). Rispetto a ieri sono raddoppiati i contagi giornalieri a fronte di un numero di test inferiore mentre è più alto il tasso di positività: nel precedente report i casi erano stati 25 su 13.539 tamponi, con un tasso pari allo 0,18% (0,5% sulle prime diagnosi). 

EMILIA ROMAGNA

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 386.440 casi di positivita', 55 in piu' rispetto a ieri, su un totale di 16.429 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri e' del 0,3%. Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni di eta', con la possibilita' di prenotarsi che resta sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre, per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 3.553.965 dosi; sul totale, 1.289.972 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Dei nuovi contagiati, 21 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attivita' di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 14 erano gia' in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone, 20 sono stati individuati all'interno di focolai gia' noti. L'eta' media dei nuovi positivi di oggi e' 42,7 anni.

MARCHE

Nelle ultime 24 ore, nelle Marche sono stati individuati 15 nuovi casi di Covid-19, l'1,1% rispetto ai 1.375 tamponi, molecolari e antigenici, processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi. Il rapporto positivi-test effettuati è in calo rispetto al giorno precedente, quando era stato dell'1',8% con 16 nuovi casi su 935 tamponi. Il totale dei positivi individuati dall'inizio della crisi pandemica e' salito cosi' a 103.570. 

UMBRIA

Ancora un calo per i ricoverati Covid in Umbria. A mercoledì 23 giugno sono infatti 25 complessivamente, quattro in meno del giorno precedente, due dei quali, uno in meno, in terapia intensiva, a Perugia. Lo riporta il sito della Regione. Nell'ultimo giorno sono stati registrati 15 nuovi positivi, dieci guariti e una nuova vittima. Gli attualmente sono ora 881, quattro in più del giorno precedente. Sono stati analizzati 1.812 tamponi e 2.065 test antigenici, con un tasso di positività dello 0,38 per cento sul totale (0,16 martedì). 

LAZIO

Sono 3.892 gli attualmente positivi a Covid-19 nel Lazio, di cui 256 ricoverati, 75 in terapia intensiva e 3.561 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 333.254 e i morti 8.310, su un totale di 345.456 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio. 

CAMPANIA

Sono 110 i positivi del giorno in Campania, di cui 40 sintomatici, su 8.386 tamponi molecolari processati. Sono due i deceduti, ma nessuna delle vittime è morta nelle ultime 48 ore. Entrambi i decessi sono avvenuti in precedenza, comunica l'unità di crisi, ma sono stati registrati ieri. Sono 29 i pazienti ricoverati in terapia intensiva e 257 quelli in degenza.

ABRUZZO

Sono 20 (di età compresa tra 7 e 86 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 74655. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 2 nuovi casi e sale a 2511 (si tratta di 2 donne, di 51 e 90 anni, della provincia di Teramo) Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 71060 dimessi/guariti (+70 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1084 (-52 rispetto a ieri). 35 pazienti (-6 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 2 (invariato rispetto a ieri con 1 nuovo ingresso) in terapia intensiva, mentre gli altri 1047 (-46 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

MOLISE

In Molise oggi sono 2 i contagi accertati a fronte di 503 tamponi processati. 

PUGLIA

Oggi in Puglia, sono stati registrati 6684 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e 63 casi positivi: 18 in provincia di Bari, 4 in provincia di Brindisi, 7 nella provincia BAT, 4 in provincia di Lecce, 29 in provincia di Taranto, 2 casi di provincia di residenza non nota. Un caso di residente fuori regione e' stato riclassificato e attribuito. Sono stati inoltre registrati 3 decessi: 2 in provincia di Foggia e uno in provincia di Lecce. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.634.171 test, 240.487 sono i pazienti guariti e 5.937 sono i casi attualmente positivi.

BASILICATA

In Basilicata ieri sono stati processati 684 tamponi molecolari per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 13 (e tra questi 12 relativi a residenti in Basilicata) sono risultati positivi. Nella stessa giornata sono state registrate 81 guarigioni, di cui 79 relative a residenti in Basilicata. Nessun decesso. Sempre ieri sono state effettuate 4.373 vaccinazioni. Attualmente sono 275.894 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (49,9%) e 150.191 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (27,1%) per un totale di somministrazioni effettuate pari a 426.085 su 553.254 residenti. 

CALABRIA

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 918171 (+2.907). Le persone risultate positive al Coronavirus sono 68763 (+67) rispetto a ieri. Questi sono i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

SICILIA

In Sicilia 158 nuovi positivi al Covid - ancora prima regione in Italia - e 6 morti che fanno salire i casi totali a 230.963 e i decessi a 5.961. Gli attuali positivi sono 4.908, -301; i guariti 220.104, +453. La prima provincia per nuovi casi e' Agrigento con 34; seguono quella di Palermo con 23 e quelle di Caltanissetta e Catania con 21. Sono 206 i ricoverati con sintomi, 25 in terapia intensiva; 12.465 i tamponi effettuati. 

SARDEGNA

Sono 57.146 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale sono stati rilevati 18 nuovi casi (6 ieri) e un decesso (1.489 in tutto). In totale sono stati eseguiti 1.364.083 tamponi, con un incremento di 3.869 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività è dello 0,4 per cento. Stabile il dato dei ricoveri ospedalieri: 53 pazienti in area medica e 4 in terapia intensiva, dove non si registrano nuovi ingressi. Attualmente in Sardegna sono 2.349 le persone in isolamento domiciliare e 53.251 (+52) i guariti. Sul territorio, dei 57.146 casi positivi complessivamente accertati, 14.965 (+10) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.681 (+1) nel Sud 
Sardegna, 5.165 a Oristano, 10.964 (+2) a Nuoro, 17.357 (+5) a Sassari.

Immunità di gregge e zero decessi: quando in Lombardia?

Ieri la Lombardia, la regione più colpita dalla pandemia, ha fatto registrare un solo morto in 24 ore. "Nelle ultime 24 ore si è registrato un solo decesso, che comunque rappresenta ancora una ferita per tutti noi. Ma stiamo davvero per rivedere finalmente la luce" ha detto l'assessora al Welfare della Lombardia, Letizia Moratti. "Scende ancora il numero delle persone ricoverate in Terapia intensiva (73) e dei ricoverati (389). I nuovi contagi sono invece 126 in tutta la Regione. Raccomando ancora tanta prudenza, senso civico e rispetto per sé e per gli altri", ha aggiunto. La Lombardia punta anche a un altro importante obiettivo: raggiungere al più presto l'immunità di gregge. Un traguardo che - secondo il consulente per la campagna vaccinale Guido Bertolaso - potrebbe essere raggiunto a cavallo tra luglio e agosto. L'immunità di gregge, cioè "la copertura (vaccinale ndr) di oltre il 70 per cento della Lombardia la raggiungiamo entro la metà di agosto", ma "di fatto" già da metà luglio verrà raggiunta "un'immunità di gregge reale" ha spiegato negli scorsi giorni. 

Moratti: "Vediamo la luce in fondo al tunnel"

I numeri della campagna vaccinale

Nel frattempo in Lombardia procede a passo spedito la campagna vaccinale. "Abbiamo l' 84% degli aderenti che è stato vaccinato, abbiamo un totale di somministrazioni pari a 8, 2 milioni e rispetto ai target indicati dal commissario per l'Emergenza, generale Paolo Francesco Figliuolo, Regione Lombardia ha ultimato tutte le fasce di età over 60'" ha detto la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti. "Gli aderenti 'over 60' sul totale sono l'86%, i vaccinati over 60 sulla platea con la prima dose sono 2, 6 milioni, l'85%, e il 14% restante è composto da guariti, da positivi e da chi ha deciso di non aderire", ha affernato Moratti illustrando i dati-. La percentuale dei vaccinati sugli aderenti per gli over 90 e gli over 80 è del 100% , per gli over 70 è il 99%, per gli over 60 è il 98%, per gli over 50 il 96%, per gli over 40 l'85% , per gli over 30 il 72%, per gli over 20 il 46% e per gli over 12-19 il 16%". Tra qualche giorno, il 25 giugno, sarà anche possibile spostare la data del richiamo. Secondo i dati presentati dal professor Giovanni Corrao, ordinario di Statistica medica dell'Università Bicocca di Milano, "la campagna vaccinale in Lombardia ha evitato oltre 2.100 decessi tra gli over 60: ben 1.701 soltanto tra gli ultraottantenni". 

Allerta variante Delta

Occhi puntati sulla diffusione della variante Delta. Nelle scorse ore un focolaio è stato individuato tra Emilia Romagna e Lombardia. "Abbiamo deciso in questo periodo, in cui abbiamo pochi positivi, di sequenziarli tutti, e lo confermo anche in questo momento: tutti i positivi vengono sequenziati per tenere sotto controllo le varianti" ha detto la vicepresidente e assessora al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti "Abbiamo a giugno come variante prevalente la variante alfa, quella inglese, al 64%; l'indiana divisa in due: la variante delta al 3,2% e la K alla 0,8%; la brasiliana all'1%; e la sudafricana al 2%. Questo è il quadro, che presenta numeri più alti rispetto a settimana scorsa perché li abbiamo sequenziati tutti e questo innalza i numeri rispetto alle varianti".

Variante Delta: "In Lombardia è al 3,2%"