Quotidiano Nazionale logo
18 feb 2022

Covid Lombardia e Italia, bollettino coronavirus 18 febbraio: 53.662 casi e 320 morti

L'incidenza settimanale è in netta discesa, indice Rt ai livelli di giugno. Piemonte, Abruzzo e Valle d'Aosta verso il giallo. Moratti: "Lombardia da zona bianca"

Il calo dei contagi da Covid 19 registrato in questi ultimi giorni si conferma anche oggi (dati in calo ripsetto a ieri) e si riflette anche nell'incidenza settimanale in Italia, che scende ulteriormente da 962 a 672 casi per centomila abitanti, con tutte le Regioni che risultano in flessione tranne la Calabria (da 588,4 a 642,2) e l'indice Rt che si assesta a 0,77 a livello nazionale, stessi livelli del giugno 2021. E' quanto emerge dalla tabella con gli indicatori decisionali vagliati dalla cabina di regia dell'Iss riunitasi oggi. Con il terzo monitoraggio sotto soglia dovrebbero lasciare l'arancione e passare in giallo l'Abruzzo (12,7% il tasso di occupazione delle intensive; 34% dell'area medica) il Piemonte (8,9% intensive; 20,8% area medica) e la Valle d'Aosta (11,8% intensive e 20,2% area medica). L'incidenza più alta si registra nella Provincia autonoma di Bolzano (1.061,2) seguita da Marche (1.025,8), Sardegna (937,8), Abruzzo (853,7) e Basilicata (810,1). E' la Valle d'Aosta la regione italiana con l'incidenza più bassa pari a 328,5, seguita subito dopo dalla Lombardia (con 408,2). Sono due le regioni classificate a rischio alto e 5 a rischio moderato. Lombardia, Campania e Provincia di Trento anticipano: "Noi verso zona bianca". Il nodo però che interessa tutti è la durata della necessità di Green pass e soprattutto di quello rafforzato: la previsione è che dal 31 marzo inizi l'allentamento delle restrizioni e degli obblighi.

Il bollettino del 18 febbraio
Il bollettino del 18 febbraio

La situazione in Italia

Oggi in Italia si sono registrati 53.662 casi e 314 decessi (le vittime totali dall'inizio della pandemia sono 152.596), ieri erano stati rispettivamente 57.890 e 320. La positività si assesta al 10.5% (-0,2%) a fronte di 510.283 tamponi effettuati (ieri 538.131). Ancora in diminuzione sia le terapie intensive (-50) che i ricoveri ordinari (-614). Sono 132.777.809 le dosi di vaccino somministrate in totale. Nel Lazio sono 6.410 i casi odierni, in Lombardia 5.413,  Sicilia 5.594 e in Campania 5.510. Il totale nazionale dei casi da inizio pandemia è di 12.377.098.

La Lombardia

I dati lombardi del 18 febbraio
I dati lombardi del 18 febbraio

In Lombardia sono 5.413 i casi odierni, in netta dminuzione rispetto a 6.116 casi di ieri, a fronte di 71.286 tamponi effettuati (7,5%). Continuano a diminuire i ricoverati nelle terapie intensive (155, -3,) e nei reparti (1.523, -126). I decessi sono 59 (ieri 51), il totale complessivo arriva a 38.237. I nuovi casi per provincia: a Milano 1.679 di cui 716 nel capoluogo; Bergamo: 461; Brescia: 778; Como: 356; Cremona: 194; Lecco: 125; Lodi: 100; Mantova: 305; Monza e Brianza: 427; Pavia: 338; Sondrio: 92; Varese: 408. "La Lombardia è da zona bianca. Con un 14,6% di occupazione dei posti letto in area medica e un 8,6% nelle terapie intensive, un Rt regionale a 0,62 e un' incidenza che scende rapidamente si disegna un quadro che colloca saldamente la Lombardia in zona bianca", scrive su Twitter la vicepresidente della Regione, Letizia Moratti. Dati che potrebbero portare al cambio di colore da lunedì 28 febbraio. Per il passaggio dalla fascia gialla a quella con le minori restrizioni anti-Covid è infatti necessario che i parametri si mantengano nella soglia del bianco ancora per un'altra settimana. 

Pregliasco: quarta ondata alle spalle, ecco la strategia per l'autunno

Le regioni

ALTO ADIGE La Provincia autonoma di Bolzano registra altri 4 decessi di pazienti Covid e 821 nuovi casi. Sono risultati positivi 115 tamponi pcr su 638 e 706 test antigenici su 6.574. Continua invece a migliorare la situazione negli ospedali con 85 letti occupati nei normali reparti (-4) e 6 in terapia intensiva (+0). Gli altoatesini in quarantena sono 10.577 e quelli guariti 1.023.

TRENTINO  Si segnalano 3 decessi per Covid in Trentino. Il bollettino odierno dell'azienda sanitaria della provincia riporta inoltre 426 nuovi contagi, di cui 20 casi positivi al molecolare (su 183 test effettuati) e 406 all'antigenico (su 4.524 test effettuati). I molecolari poi confermano 2 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Continua a migliorare la situazione ospedaliera. Al momento sono 87 i pazienti ricoverati (-13 sulle 24 ore precedenti), di cui 7 in rianimazione, ovvero quasi la metà rispetto al dato (12) del precedente bollettino. Ieri si sono stati registrati 12 nuovi ricoveri a fronte di 23 dimissioni. I casi attivi calano di ulteriori 508 unità arrivando a quota 5.670.

FRIULI VENEZIA GIULIA Su un totale di 13.987 test e tamponi sono state riscontrate 994 positività al Covid 19, pari al 7,10%. Nel dettaglio, su 6.049 tamponi molecolari sono stati rilevati 319 nuovi contagi (5,27%), su 7.938 test rapidi antigenici 675 (8,50%). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 20 (-3) e i pazienti in altri reparti calano a 350 (-18).   Oggi si registrano i decessi di 11 person. I totalmente guariti sono 270.617, i clinicamente guariti 492, le persone in isolamento 25.581. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 301.755 persone.   

VENETO Sono 4.910 i nuovi casi di contagio in Veneto nele ultime 24 ore. E portano a 78mila i casi attualmente positivi in regione (al picco di questa ultima ondata si era superato il numero di 250mila casi). Prosegue anche il calo dei ricoveri con 26 dismissioni dalle aree mediche e 4 dismissioni dalle terapie intensive. Diciotto i decessi.

VALLE D'AOSTA Un decesso e 46 nuovi casi positivi al Covid in Valle d' Aosta che portano il totale delle persone colpite dal virus da inizio emergenza a 31.023. I positivi attuali sono 1.664 di cui 1631 in isolamento domiciliare, 30 ricoverati in ospedale, tre in terapia intensiva. I guariti complessivi sono 28.842 (+127). I casi fino a oggi testati sono 127.055 mentre i tamponi 460.179. Sono 517 le persone decedute risultate positive al Covid in totale.

PIEMONTE Ci sono 102 ricoverati Covid in meno oggi in Piemonte, 2 in terapia intensiva e 100 negli altri reparti. L'Unità di crisi della Regione riporta però anche 16 morti, dei quali 3 odierni, e 2.569 casi, con una quota del 5,6% rispetto ai 45.719 tamponi diagnostici processati (40.306 antigenici). In totale, restano 54 ricoverati in terapia intensiva, 1.314 negli altri reparti. I nuovi casi di guarigione sono 4.836, le persone in isolamento domiciliare 55.494. Dall'inizio della pandemia in Piemonte il totale dei casi positivi diventa 962.536, i decessi di persone positive al Covid 12.936, pazienti guariti 892.738.

LIGURIA  Sono 1.375 i nuovi casi di positività al coronavirus registrati nell'ultimo bollettino diffuso da Regione Liguria, a fronte di 4.460 tamponi molecolari e 9.676 antigenici rapidi effettuati nelle ultime 24 ore. Sul fronte ricoveri, negli ospedali liguri ci sono 512 pazienti Covid, 18 in meno di ieri. Di questi, 26 sono in terapia intensiva: 15 di loro non sono vaccinati. Il report registra 6 nuovi decessi: le vittime del virus, da inizio emergenza, salgono a 5.049.

EMILIA-ROMAGNA Dall'inizio dell'ermergenza, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.161.043 casi di positività, 3.448 in più rispetto a ieri, riscontrati su un totale di 26.947 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 11.802 molecolari e 15.145 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 12,8%. L'incidenza settimanale dei nuovi casi ogni 100mila abitanti scende a 613,5 da 1.116 di sette giorni fa; l'Rt regionale a 0.64 (da 0.85). I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive sono 96 (-6 ). Negli altri reparti Covid sono 1.769 (-68). Le persone complessivamente guarite sono 7.284 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.082.852. Siregistrano 28 decessi.

TOSCANA I nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Toscana sono 3.324 su 29.619 test di cui 8.846 tamponi molecolari e 20.773 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 11,22% (58,3% sulle prime diagnosi). È quanto reso noto dal presidente della Regione Eugenio Giani sui social. Rispetto a ieri il numero dei nuovi casi è più basso (erano 3.691) così come quello del test effettuati (erano 34.321) di conseguenza il tasso è in salita (era 10,75%).

MARCHE Continua il calo dell'incidenza dei casi di Covid 19 nelle Marche, che scende sotto mille e arriva a 989,47. Sono invece 1.873 i nuovi casi rilevati nelle 24 ore, 39,5% dei 4.744 tamponi analizzati nel percorso diagnostico (di cui 1.531 antigenici positivi), su 6.740 tamponi complessivi.  Le fasce di età maggiormente colpite dal contagio restano 25-44 anni con 515 casi, 45-59 con 422, 6-10 anni con 162.

UMBRIA Il bollettino della Regione Umbria segnala altri 911 casi di coronavirus (114 in meno rispetto ai 1.025 di ieri), che fanno salire a 176.888 le persone contagiate dal Covid dall'inizio dell'emergenza sanitaria ad oggi.Oggi si contano altri 3 decessi (sale a 1.709 il totale dei morti dall'inizio della pandemia). Il numero dei ricoveri negli ospedali umbri scende a 190 (-4 rispetto a ieri), salgono invece a 10 (+1) quelli in terapia intensiva. Sono stati processati 2.192 tamponi molecolari(il totale che sale a 1.505.665), mentre gli antigenici processati sono 6.849.

LAZIO Sono 204.882 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 1.739 ricoverati, 158 in terapia intensiva e 202.985 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 812.813 e i morti 10.273 su un totale di 1.027.968 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio. I dati odierni indicano 6.410 nuovi casi e 22 decessi.

ABRUZZO  Sono 1.549 i nuovi casi positivi al Covid in Abruzzo,che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 251.315. Dei positivi odierni, 881 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 7 nuovi casi e sale a 2912. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 157.326 dimessi/guariti (+1024 rispetto a ieri). Gli attualmente positivisono 91.077 (+509 rispetto a ieri). 456 pazienti (-14) sono ricoverati in ospedale in area medica; 20 (-3) in terapia intensiva. Il tasso di positività è pari a 9.82%.

MOLISE Sono 300 i nuovi casi in Molise, che portano il totale da inizio pandemia a 36.607. nessun decesso invece, le vittime restano 560. Il Molise è classificato a rischio moderato con l'indice Rt che torna a salire ed è il più alto d'Italia a 1,56 mentre era 1,35 la settimana scorsa.  L'incidenza dei casi ogni 100mila abitanti è invece in lieve calo e passa da 895 a 809. Infine migliora la situazione sul fronte dell'occupazione dei posti letto: 21,6 in area medica (dove era 23,9 la settimana scorsa) e 10,3 in terapia intensiva (dove la settimana scorsa era 15,4).

CAMPANIA  Sono 5.510 i nuovi positivi al Covid su 42.468 test esaminati. Leggero calo, secondo i dati del Bollettino dell'Unità di crisi della Regione Campania, per il tasso di incidenza che ieri era pari al 13,46% ed oggi scende al 12,97%. Risale a 14 il numero dei decessi nelle ultime 48 ore; quattro i deceduti in precedenza ma registrati ieri. Negli ospedali continuano a diminuire i ricoveri in terapia intensiva con 63 posti letto occupati (-2 rispetto a ieri); netto calo in degenza dove i posti letto occupati sono 1038 (-60 rispetto a ieri). Anche la Campania, come la Lombardia, punta al passaggio di colore dal 28 febbraio.

PUGLIA Sono 4.269 i nuovi casi di contagio in Puglia,  dove è risultato positivo il 13,12% dei 32.527 test processati. Gli attualmente positivi sono 89.736 di cui 722 ricoverati in area non critica covid (uno in meno rispetto a ieri) e 62 in terapia intensiva (4 in meno rispetto a ieri). I nuovi morti registrati sono 29 e fanno salire il totale dei decessi da inizio pandemia a oggi a 7.530 unità.

BASILICATA  In totale i Basilicata sono 104 le persone ricoverate per Covid: 57 nell'ospedale 'San Carlo' di Potenza, di cui nessuna in terapia intensiva, e 47 nell'ospedale 'Madonna delle Grazie' di Matera, di cui 1 in terapia intensiva. Processati 3.563 tamponi (molecolari ed antigenici) di cui 628 sono risultati positivi. Si sono anche registrate 656 guarigioni a fronte del decesso di 7 persone.

CALABRIA I dati della Regione Calabria parlano di un totale di tamponi eseguiti finora pari a 2190992 (+9.331). Le persone risultate positive al Coronavirus sono state 200.627 (+1.491 rispetto a ieri). Sei i decessi. 

SICILIA  Si registrano 5.594 nuovi contagi e 32 decessi che fanno salire i casi totali in Sicilia a 740.613 e le vittime a 9.217. Gli attuali positivi sono 250.096, -1.179; i guariti 481.300, +6.845. I ricoverati con sintomi sono 1.200, 97 in terapia intensiva, due del giorno; 35.259 i tamponi effettuati. Tasso di positività al 15,8%.

SARDEGNA Si registrano 1.812 nuovi casi di Covid in Sardegna, di cui 1476 diagnosticati con test antigenico, e nove decessi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 26 (+1) e quelli in area medica sono 371 (-16). Sono 35.827 le persone in isolamento domiciliare (-196).

I contagi tra i sanitari

L'istituto superiore di sanità ha anche aggiornato la situazione dei contagi da Sars-Cov-2 tra gli operatori sanitari: dopo aver toccato un picco a fine gennaio, i casi hanno visto un'inversione di rotta che ha portato a una netta riduzione. Negli ultimi 30 giorni sono stati 33.287, a fronte di 2.707.962 casi complessivi in Italia, come si legge nei dati della Sorveglianza integrata Covid-19 aggiornati al 17 febbraio. I dati del 26 gennaio riportavano, nei 30 giorni precedenti, 3.982.099 casi di infezione da Sars-Cov-2 nella popolazione, di cui 54.005 tra gli operatori sanitari. Quelli del 20 gennaio, 3.412.930 casi nella popolazione, di cui 47.607 tra sanitari.

La variante Omicron

"I campioni prelevati dalle acque reflue fra il 10 e il 14 gennaio 2022 confermano la netta prevalenza della variante Omicron di Sars-CoV-2 nel territorio nazionale". Lo comunica l'Istituto superiore della sanità, in base ai risultati della quinta flash survey sul coronavirus pandemico nelle acque reflue, che ha analizzato 154 campioni raccolti in 19 regioni/province autonome."Tutte le regioni/pa per le quali sono stati ottenuti dati di sequenziamento hanno evidenziato la presenza della variante Omicron, e in particolare della sottovariante BA.1 (Omiron 1, ndr), associata a notevole variabilità genetica - riferisce l'Iss - In una occasione sono state individuate anche mutazioni della sottovariante BA.2 (Omiron 2, ndr)". In tre regioni, spiegano gli esperti, "sono state evidenziate anche mutazioni caratteristiche della variante Delta, a conferma della diffusione limitata di tale variante nel mese di gennaio 2022".

Omicron 2, lo studio giapponese: "Resiste ai farmaci"

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?