Resta caldo il fronte del contagio da coronavirus in Italia, con la curva in salita negli ultimi giorni soprattutto a seguito della diffusione della variante Delta. C'è attesa per vedere i dati odierni, se confermeranno o meno la tendenza. Ieri, domenica 25, i nuovi casi erano stati 4.743 e i decessi 7. Oggi, con il consueto calo del lunedì sul fronte dei tamponi, i nuovi casi sono 3.117. Aumentano i morti: sono 22. E' in aumento, invece, il tasso di positività, che schizza al 3,5%, mentre ieri era al 2,7%. I tamponi analizzati oggi, infatti, sono solo 88.247. Adesso, intanto, giungono i primi segnali di preoccupazione anche sul fronte degli ospedali, come è illustrato nel monitoraggio di Agenas sul riempimento dei reparti, secondo il quale gli ospedali stanno riprendendo ad accogliere malati Covid un po' in tutto il Paese. E in Sardegna e Sicilia spuntano anche indicazioni di stress per quanto riguarda le terapie intensive, i reparti che ospitano i malati più gravi. E oggi, nel bilancio ingressi e uscite, il fronte delle Terapie intensive fa segnare un +4 per quanto riguarda i nuovi ricoverati (sono 182 in totale su tutto il territorio italiano). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 1.512, in aumento di 120 rispetto a ieri.

L'unica arma a nostra disposizione - nel mese che vedrà l'introduzione del green pass obbligatorio - resta la solita, oltre al rispetto delle norme base. E sono i vaccini. In Lombardia, per esempio, ha ricevuto almeno una dose il 75% delle persone. Ma la campagna d'immunizzazione, anche in seguito alle scelte sul "lasciapassare verde", ha ripreso abbrivio anche nelle altre regioni. A oggi, come ricordato dal generale Francesco Figliuolo, sono state inoculate 65 milioni e 300mila dei quattro sieri attualmente in uso. L'obiettivo è arrivare al 60% della copertura degli over 12 a fine di questo mese. E potrebbe esserci l'efficacia dei vaccini anche dietro il recente calo dei casi in Gran Bretagna, così come sembra esserci l'effetto-antidoti anche sulla nuova ondata di Covid che si sta abbattendo sugli Usa, in cui gli infetti sono soprattutto persone non vaccinate. 

Lombardia

Lombardia: i dati di oggi (Lombardia Notizie)

A fronte di 8.606 tamponi effettuati, sono 177 i nuovi positivi in regione (tasso di positività in aumento al 2%). Il totale dei tamponi analizzati dall'inizio della pandemia sono 12.359.115. Un paziente in più è entrato in terapia intensiva per un totale di 28, mentre i ricoverati non in terapia intensiva sono 151 (+1). Un nuovo decesso che porta il dato complessivo a 33.817 dall'avvio dell'emergenza. I nuovi casi per provincia: Milano 66 di cui 42 in città; Bergamo 5; Brescia 16; Como 8; Cremona 15; Lecco 2; Lodi 2; Mantova 8; Monza e Brianza 19; Pavia 8; Sondrio 4; Varese 4.

Le regioni

Ecco i dati in arrivo dalle altre regioni italiane. In Abruzzo su 1.251 test eseguiti ci sono 6 nuove persone positive e nessun decesso. Nelle vicine Marche ci sono 54 nuovi casi e una persona in più ricoverata in ospedale. Vicina ancora a quota 500 contagi l'Emilia Romagna, dove ci sono 469 casi su 11.463 tamponi. Sono quattro le vittime e undici i ricoveri in più. Preoccupa la situazione Lazio, con Roma, la capitale, particolarmente sotto pressione, forse per effetto delle feste di piazza seguite alla vittoria dell'Italia agli Europei. Oggi i casi sono 550, 392 solo nella città eterna. Le vittime sono 392. Molto più sotto controllo la situazione in Friuli Venezia Giulia, dove si sono registrati 20 nuovi positivi e nessuno morto. In Calabria i contagiati di giornata sono 88, ma i tamponi esaminati sono solo 969. Troppo pochi per un tracciamento solo dignitoso. Il Piemonte conta oggi 59 positivi in più (su 10.727 tamponi verificati). Nessun morto e aumento dei ricoveri nei reparti ordinari: sono 10 in più rispetto a ieri. Capitolo Veneto: ci sono 407 nuovi casi, tre ricoveri in più nei nosocomi e, fortunatamente, zero vittime. La Toscana si "ferma" a quota 361 nuovi casi su 5.225 test fra tamponi molecolari e rapidi, un morto e ricoveri che sono stabili. Aumenta il tasso di positività (al 6%) in Campania, dove i nuovi casi sono 115 con un morto e ospedali che, almeno nei reparti ordinari, danno qualche segnale di riempimento (+ 8).