Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022

Covid, obbligo mascherine fino al 15 giugno. Treni, autobus, metro: cosa e quando cambia?

Decade l'ordinanza sui dispositivi di protezione al chiuso. Previsto un Consiglio dei Ministri sugli ultimi nodi da sciogliere

14 giu 2022

Milano, 14 giugno 2022 - Domani, mercoledì 15 giugno, decade l'obbligo di indossare la mascherina al chiuso. E' previsto un Consiglio dei Ministri, proprio mercoledì, e un nuovo provvedimento a partire dal 16 giugno, data di scadenza dell'ordinanza ministeriale dello scorso aprile. Sul tavolo anche l'eventuale proroga dell'obbligatorietà relativa ai trasporti pubblici. Fino al 15, infatti, la mascherina è obbligatoria nei mezzi a breve e a lunga percorrenza, quindi bus, tram, metropolitane, treni, navi, traghetti e aerei. Obbligo sempre fino al 15 giugno anche negli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, cinematografiche, locali di intrattenimento, nonché per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso. Confermato invece fino al 30 giugno prossimo, nei luoghi di lavoro, il Protocollo sulle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19. Alla vigilia del consiglio, prevale la possibilità di prolungamento dell'obbligo della mascherina sui mezzi di trasporto ("luoghi più affollati e dove ci vuole ancora un pò di prudenza"), nelle Rsa e negli ospedali fino a fine settembre. Questa è l'ipotesi e "l'intendimento" che si sta delineando in vista di domani, quando si deciderà sull'uso delle mascherine. Stop dopo il 15 giugno invece nei teatri, cinema ed eventi sportivi al chiuso. E' quanto ha fatto sapere il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, sottolineando che si tratta di "pochissime restrizioni ancora". Scuola: terza media e maturità Sul fronte scuola, sciolto il nodo delle esami di maturità e terza media: non sarà obbligatorio indossare i dispositivi di protezione per gli studenti, ma restano tuttavia raccomandati. La decisione, dopo l'acceso dibattito dei giorno scorsi, è stata presa ieri durante l'incontro tra i ministri della Salute e dell'Istruzione, Roberto Speranza e Patrizio Bianchi, al quale ha partecipato anche il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro. Ha "prevalso il buon senso" secondo il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?