La nuova mappa
La nuova mappa

15 aprile 2021 - Finalmente buone notizie per l'Europa, l'Italia e soprattutto la Lombardia sul fronte Coronavirus. La mappa epidemiologica dell'Ecdc, centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, sull'andamento del contagio e le zone a maggiore rischio aggiornata sulla base dei risultati delle ultime due settimane fotografa una situazione in netto miglioramento nel vecchio continente. L'indice di calcolo è il numero di nuovi contagi ogni 100mila abitanti e in base a questo alle regioni europee viene attribuito un colore. Se in Italia fino a settimana scorse le regioni in rosso scuro(più di 500 nuovi casi ogni 100mila abitanti) erano sette, oggi sono solo tre e fra queste non c'è più la Lombardia che è rimasta in rosso scuro per diverse settimane consecutive. Nella fascia di massimo rischio rimangono dunque Piemonte, Valle d'Aosta e Puglia mentre il resto della penisola è "semplicemente" rosso, compresa la Sardegna che la scorsa settimana aveva abbandonato l'arancione,  pari a  un livello più basso di rischio. Oltre alla Lombardia, le regioni che hanno lasciato il rosso scuro per entrare nel rosso sono Toscana, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna. 

A livello europeo Svezia, Francia e Polonia sono i territori con rischio più alto mentre Finlandia, Portogallo, Irlanda, Danimarca e Norvegia sono arancioni come varie regioni della Spagna. In verde, rischio bassissimo, Islanda e nord della Norvegia. 

Il commento di Brusaferro

"Il quadro dell'Ue è con Paesi, anche ai nostri confini, che cominciano ad avere aree in rosso scuro, dove l'incidenza cresce, mentre l'Italia si sta schiarendo rispetto alle settimane scorse. La curva epidemiologica in Italia ha infatti raggiunto il plateau". Lo afferma il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, nel suo intervento in conferenza stampa sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia sull'epidemia di Covid-19 in Italia.