Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 apr 2022

Guarisce dalla Delta, dopo 20 giorni prende Omicron: doppio contagio record di una donna

Un'operatrice sanitaria spagnola si è infettata due volte nel giro di poche settimane nonostante vaccino e booster

21 apr 2022
LA ASL ROMA 1 EFFETTUA TAMPONI PER COVID19
CORONAVIRUS
CORONA VIRUS
COVID19
COVID 19
TAMPONE
TAMPONI
PREVENZIONE
GIUANTI
MASCHERINA
MASCHERINE
SCREENING DIAGNOSTICA
PERSONALE SANITARIO
TUTA PROTETTIVA TUTE PROTETTIVE
TEST
Tampone Covid
LA ASL ROMA 1 EFFETTUA TAMPONI PER COVID19
CORONAVIRUS
CORONA VIRUS
COVID19
COVID 19
TAMPONE
TAMPONI
PREVENZIONE
GIUANTI
MASCHERINA
MASCHERINE
SCREENING DIAGNOSTICA
PERSONALE SANITARIO
TUTA PROTETTIVA TUTE PROTETTIVE
TEST
Tampone Covid

Due volte il Covid a distanza di soli 20 giorni l'una dall'altra e nonostante vaccino e booster: è successo a una giovane donna in Spagna, un'operatrice sanitaria che è stata infettata prima dalla variante Delta, poi da Omicron nel giro di poche settimane. Riportato in occasione del congresso della Società europea di malattie infettive e microbiologia clinica, è il caso di doppia infezione più ravvicinata mai documentato. Reso noto da Cristina Gutiérrez Fornés, dell'Institut Català de Salut a Tarragona, il caso evidenzia la possibilità di reinfezione anche dopo aver avuto una prima volta il Covid e nonostante un ciclo vaccinale completo più il booster, segno che Omicron è ampiamente in grado di evadere l'immunità da vaccino e da precedente infezione.

Il 20 dicembre la 31enne, asintomatica, era risultata positiva al tampone molecolare eseguito di routine periodicamente nell'ospedale in cui lavora. Dopo essersi del tutto negativizzata, il 10 gennaio la donna ha manifestato sintomi come tosse, febbre, malessere ed ha eseguito un nuovo tampone, evidenziando la reinfezione. Nel primo caso la donna aveva contratto Delta, nel secondo Omicron.

Secondo l'esperta questo caso indica anche l'importanza di sequenziare il genoma del virus nei soggetti pienamente vaccinati che risultino positivi o in coloro che si reinfettano, perché entrambi i casi nascondono la possibilità che sia emersa una nuova variante in grado di evadere le difese immunitarie naturali e quelle indotte dal vaccino.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?