Corrono i contagi da Coronavirus, soprattutto a causa delle varianti. Ieri, in Lombardia i positivi sono stati di nuovo sopra 5.000, una soglia che non veniva raggiunta dalla fine di novembre: i positivi sono stati infatti 5.174 con 53.563 tamponi effettuati con il tasso di positività in crescita al 9.6% (ieri 8.2%). Sono aumentati sia i ricoverati in terapia intensiva (+26, 532) sia negli altri reparti (+190, 4.735). I decessi sono stati 59 per un totale complessivo di 28.577 morti dall'inizio della pandemia. Milano è tornata a essere la provincia più colpita con 1200 casi, di cui 421 a Milano città, seguita da Brescia (1.114). I casi nelle altre province lombarde sono stati: a Monza e Brianza: 475; Como: 403; Varese: 378. Bergamo: 372; Pavia: 313; Mantova: 291; Lecco: 180; Cremona: 170; Lodi: 80; Sondrio: 72.

Le province più colpite d'Italia a marzo

Il capoluogo lombardo non è solo primo per contagi in Lombardia, ma in tutta Italia. Seguono la provincia di Roma (+1.594), quella di Napoli (+1.194) e Torino (1.187). Poi arriva Brescia con 1.114 nuovi positivi. Situazione complicata anche a Bologna con +644 e Modena con +435: entrambe sono passate in zona rossa dopo l'aumento dei contagi, dovuto anche alla circolazione delle varianti. Altre situazioni da tenere sotto controllo  sono Caserta (+387), Como (+403), Monza e Brianza (+475) e Ancona (+437), quest'ultima pure in zona rossa per via dell'elevata circolazione delle varianti. In leggera diminuzione ii casi nella provincia autonoma di Bolzano (+253), che resterà comunque in lockdown rigido fino al 14 marzo.

Lombardia, l'andamento dei contagi da dicembre a marzo 

Covid, curva nuovi contagi

Lo scorso 20 dicembre, a Milano e provincia, sono stati registrati +570 positivi giornalieri, che il giorno di Natale sono diventati +878. Poi, c'è stato un lieve calo, mentre l'ultimo giorno dell'anno si è toccata quota 1.416. A gennaio la situazione è tornata più stabile con un numero di positivi che ha oscillato  tra i 300 e i 500 circa. Il 20 febbraio c'è stato un rialzo a +815, a seguire un nuovo calo. Dopo cinque giorni, è stata superata la soglia dei 1.000 e ieri, 4 marzo, si è toccata quota 1.200.

In provincia di Monza e Brianza, dicembre e gennaio hanno registrato contagi giornalieri che hanno oscillato da numeri a due cifre a 200. Eccezione per il 16 dicembre con +545 nuovi positivi. Dal 18 febbraio con +96, c'è stata una crescita più o meno costante. A marzo, si è arrivati a oltre 400 contagi al giorno. Ieri, in particolare, +475. 

In provincia di Cremona, dicembre e gennio hanno avuto contagi quasi sempre sotto i 100. Il 25 febbraio il numero è stato superato di 3 positivi (+103), poi +147, +164 e +169. Di nuovo in discesa qualche giorno e a marzo si è tornati a +100, +165 e +170 di ieri.

In provincia di Lecco, dicembre, gennaio e  febbraio con contagi giornalieri quasi sempre sotto la soglia dei 100. Il 20 febbraio +144, il 25 febbraio +137, poi +197 e +173. I primi giorni di marzo si è registrato un leggero calo, mentre il 3 marzo +139 e il 4 marzo +180. 

Covid, curva nuovi contagi

In provincia di Brescia, il 15 dicembre, si sono registrati +89 nuovi positivi giornalieri. Poi, c'è stata una crescita che ha oscillato dai 100 ai 300. L'ultimo giorno dell'anno +590 contagi, che però nei giorni a seguire sono calati. Gennaio e febbraio ha visto un'oscillazione dai 200 ai 500. A fine febbraio, c'è stato un rialzo verso +900, che ha toccato i 1.325 il 3 marzo  e i 1.114 ieri.

In provincia di Mantova, la situazione di dicembre e gennaio si è mantenuta altalenante tra numeri giornalieri inferiori a 100 e picchi di 200. L'1 gennaio si sono registrati +328 contagi giornalieri. Febbraio è stato piuttosto simile: l'8 febbraio solo 7 nuovi contagi e il 15 febbraio +3. Dal 24 febbario solo numeri tra i 100 e i 200. Ieri, 4 marzo, si è sfiorata quota 300 con +291 nuovi positivi. 

In provincia di Como, a dicembre, i nuovi contagi giornalieri hanno oscillato tra i 50 ei 200. Situazione simile a gennaio. Febbraio è iniziato con numeri sotto i 100, arrivando a 14 nuovi positivi l'8 febbraio. Verso fine mese, i contagi si sono alzati. Il primo marzo +79 e poi di nuovo in salita da +324 a +403 di ieri.

In provincia di Pavia, dicembre ha registrato contagi giornalieri altalenanti tra i 100 e i 200 circa. Ultimo giorno dell'anno con +268 e il primo gennaio + 308. Poi, c'è stato un calo e per più giorni i numeri sono stati più bassi di 100. Febbraio ha avuto qualche picco: il 6 febbraio +145, il 12 febbraio +159, il 19 febbraio +166 e il 25 febbraio +243. Numeri in rialzo a marzo: da +148 a +313 di ieri.

Covid, curva nuovi contagi

In provincia di Bergamo, dicembre ha avuto un numero di contagi giornaliero quasi sempre inferiore ai 100. Il 28 e 29 dicembre, sono stati registrati addirittura 'solo' 14 nuovi positivi. Gennaio e febbraio sono proeseguiti nella norma, con un picco il 4 e 6 febbraio (+146) . Poi, la provincia si è attestata sul centinaio. Il 18 febbraio  +238 e il giorno seguente +240. Il 25 febbraio si sono superati i 300, poi un piccolo calo e ieri +372. 

Numeri sempre a due cifre da dicembre a marzo, in provincia di Lodi. Solo il 6 dicembre si sono registrati +126 nuovi positivi e l'11 dicembre +104. 

In provincia di Sondrio il 2 dicembre c'erano 'solo' 2 nuovi positivi. Mentre, il 21 e 28 dicembre 'solo' 1. Poi, quasi sempre numeri a due cifre. Gennaio e febbraio molto simili, con il 4 gennaio e l'8 e 22 febbraio che sono riusciti a non avere nuovi contagi. Lo stesso l'1 marzo. Poi, la curva è salita a +34, +83 e +73 di ieri.

Numeri alti per la provincia di Varese a dicembre, dove il 15 si sono registrati +632 contagi giornalieri e il 22 +767. A gennaio, invece, c'è stato un calo, tanto che il 17 ci sono stati 'solo' +40 nuovi positivi. A febbraio i numeri hanno oscillato da + 31 (8 febbraio) e +22 (15 febbraio) a +365 (26 febbraio) e +245 (27 febbraio). L'1 marzo solo 25 contagi, che sono passati subito a +564, +296 e +378 di ieri.