Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Covid, ultima scoperta in Italia: così si scoprono le nuove varianti (e quelle più gravi)

La svolta grazie allo studio del comportamento del virus durante il lockdown. Gli esperti: "Potremo capire quali mutazioni diventeranno preoccupanti"

Mentre gli scienziati dell'Oms stanno verificando le nuove "sorelle" di Omicron, ribattezzate Omicron 4 e 5, nasce in Italia un metodo che permette di identificare, fra le varianti del Covid, quelle che potranno diventare le più preoccupanti, le cosiddette VoC (Variant of Concern). Il modello arriva dall'analisi del comportamento del virus durante il lockdown ed è pubblicato sull'International Journal of Molecular Sciences dal gruppo di Massimo Zollo, del Ceinge-Biotecnologie avanzate e docente di Genetica dell'Università Federico II di Napoli, con primo autore Angelo Boccia, del gruppo di Bioinformatica del centro, coordinato da Giovanni Paolella. "L'obiettivo di questa ricerca era trovare un metodo per identificare varianti o clades emergenti", ha detto Zollo all'Ansa, riferendosi a gruppi di virus simili. "In questo modo diventa possibile anticipare quali virus potranno diventare VoC", ha osservato. Il punto di partenza sono stati i gruppi di virus simili che circolavano nel gennaio 2021: "Ne abbiamo identificati 18, ma - ha detto ancora il genetista - a mano a mano che aumentavano le restrizioni tese a limitare la circolazione del virus, nell'agosto dello stesso anno il numero si è ridotto a 7. Subito dopo, ossia nel periodo compreso fra settembre e dicembre 2021, i clades sono aumentati a 9". Questi dati, ha rilevato Zollo, "sono confermati da quanto è avvenuto", sia in seguito ai provvedimenti adottati, fra i quali le zone a colori e la campagna di vaccinazione. "I risultati indicano inoltre che più circola il virus più si generano nuove varianti", ha detto ancora Zollo, riferendosi a quanto si sta osservando oggi. "Ora gruppi di virus simili si stanno distinguendo all'interno della variante Omicron, ma non sappiamo che cosa questo potrà comportare dal punto di vista clinico". Vediamo, comunque, che il virus "sta dando problemi dal punto di vista dei ricoveri, ma ad oggi non possiamo formulare alcuna ipotesi". Secondo l'esperto, "è possibile ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?