Quotidiano Nazionale logo
15 dic 2021

Variante Omicron: saltano gli eventi di Capodanno. Anche Roma annulla il concerto

L'allerta per la diffusione della variante inizia a mostrare i propri effetti anche in Italia, sia sul fronte dei contagi che su quello delle misure

Milano -  L'allerta per la diffusione della variante Omicron inizia a mostrare i propri effetti anche in Italia, sia sul fronte dei contagi che su quello delle misure. Ieri il Consiglio dei ministri ha ufficialmente prorogato fino al 31 marzo lo stato di emergenza, e con esso la validità del green pass, proprio mentre il ministero della Salute con un'ordinanza stabiliva la necessità di tampone negativo per rientrare in Italia anche dai Paesi dell'Unione Europea, così come attualmente in vigore con in Regno Unito: una decisione rimarcata oggi dal premier Mario Draghi ("non è che ci sia molto da pensarci" ha detto oggi in Parlamento) ma finita al cento dell'attenzione dell'Unione Europea: "I Paesi membri sono obbligati ad informarci su eventuali restrizioni ai viaggi interni, che devono essere misurate e giustificate, ma non abbiamo ricevuto nessuna notifica dall'Italia".

Intanto però si muovono anche i comuni e le regioni, e iniziano a saltare molti degli appuntamenti previsti per la notte dell'ultimo dell'anno. Sono saltate, per indicazione dei rispettivi presidenti di Regione, le feste in piazze in Campania e in Liguria, concerti solo in diretta tv a Bari e a Terni, tutto annullato a Mantova, niente mercatini di Natale in Trentino. E l'ultima notizia è che è saltato anche il concertone del Circo Massimo a Roma: ieri si era ipotizzato che l'evento, che avrebbe dovuto vedere la presenza di Clemente Zard, Tommaso Paradiso, Coez e Blanco, si sarebbe potuto rimodulare con minore capienza e soli posti a sedere, oggi invece è arrivata la comunicazione dell'assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma Capitale, Alessandro Onorato: "Era tutto pronto per celebrare il Capodanno in grande stile e riportare Roma al centro dei grandi eventi. Ma in questo momento la nostra priorità è e deve essere quella di salvaguardare la salute dei romani e evitare assembramenti che possono aggravare una situazione pandemica che, pur sotto controllo, presenta aspetti preoccupanti. Per questo dopo aver sentito anche il parere delle autorità competenti e la Prefettura siamo costretti ad annullare il Concertone di Capodanno". 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?