Un'immagine di repertorio di code in autostrada
Un'immagine di repertorio di code in autostrada

 

Annunciato da giorni per oggi 27 settembre si è svolto lo sciopero dei camionisti anti-green pass lungo la rete autostradale italiana. L'appello del popolo dei no-Green pass  non ha sortito gli effetti sperati e le principali arterie che collegano il Paese non hanno risentito più di tanto della protesta dei camionisti che hanno guidato i mezzi pesanti a 30 km orari per manifestare contro il certificato verde. C'è chi è sceso in strada con la bandiera legata sullo specchietto, senza trovare l'appoggio dei "colleghi", ma ricevendo, in alcuni casi, anche critiche. "Questo è solo l'inizio, andremo avanti ad oltranza", spiegano gli organizzatori che rilanciano l'appello ad "occupare" le autostrade anche nei prossimi giorni. La protesta non ha fatto che incrementare comunque i disagi che già quotidianamente si registrano nei punti più caldi della rete autostradale, da Roma a Milano, passando per la Salerno-Reggio Calabria

La manifestazione è stata  indetta per protestare contro l'estensione dell'obbligo delle certificazione verde nel mondo del lavoro a partire dal 15 ottobre. . 

Il sito di Autostrade lungo l'A1 alle 16.30 indicava  "traffico rallentato tra Parma e Terre di Canossa - Campegine per manifestazione" all'altezza del km 115 in direzione Napoli.  In un contesto di traffico diffuso anche per lavori e traffico ordinario, altri disagi legati alla protesta vengono registrati sempre in Emilia Romagna lungo l'A14: tra Bologna e Castel San Pietro, in direzione Taranto e tra Faenza e Imola, in direzione Bologna, all'altezza della diramazione per Ravenna.

Una ventina di automobili con alcune decine di manifestanti no Green pass sono state intercettate dalla polizia stradale e bloccate sull'autostrada A12 subito dopo il casello di Pisa centro. Tutti i presenti sono stati identificati. Su alcune auto erano esposti cartelli contro il Green pass e con la scritta Libertà, liberta''. La manifestazione è stata scoperta perché' la colonna di auto procedeva molto lentamente lungo l'Aurelia e la polizia stradale con il supporto di volanti, Digos e carabinieri, ha individuato le auto dei manifestanti bloccandole dopo l'ingresso in  autostrada. Secondo quanto emerso è probabile che la comitiva di no Green pass fosse diretta a Migliarino con l'obiettivo di bloccare il casello di Pisa nord. Una volta identificati i manifestanti sono stati obbligati, sotto la scorta della polizia, a invertire la marcia e a uscire dall'autostrada.

In rete nel corso della giornata si sono aggiunte altre segnalazioni con video da parte dei promotori della manifestazione con pronte repliche dei pro.vax sul sostanziale insuccesso dell'iniziativa corredate da meme più o meno divertenti sull'originalità dei video e delle foto pubblicate. La solita diatriba da web con guerra sui numeri che su twitter è comunqe diventata tendenza.