Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Biella, odontoiatra no vax col braccio finto adesso si vaccina davvero e riapre lo studio

A inizio dicembre era finito nei guai ed era stato sospeso. Adesso rischia la radiazione

PRESIDIO OSPEDALIERO ADDOLORATA

EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19

TAMPONE TAMPONI DRIVE IN DRIVEIN DIAGNOSTICA

PERSONALE SANITARIO IN ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO
CAMICE PROTETTIVO OCCHIALI PROTETTIVI GUANTI CAMICI OPERATORE OPERATORI SANITARI OPERATRICE SANITARIA



SAN GIOVANNI

CAMPIONE CAMPIONI
PROVETTA PROVETTE

LABORATORIO ANALISI
Vaccino Covid

Il suo comportamento incivile e irresponsabile gli aveva portato una denuncia per truffa e la sospensione dall'albo dei medici odontoiatri. Oggi Guido Russo, 57 anni, ha potuto riaprire lo studio perché è finalmente entrato in possesso del Green Pass. E, si sa, che il Green Pass per l'esercizio di una professione del genere si ottiene soltanto in un modo: con il vaccino anticovid. Paradossale come l'odontoiatra no vax che solo un mese e mezzo fa aveva cercato di ingannare il Sistema sanitario nazionale e gli operatori che lo stavano per vaccinare contro il Covid-19 presentandosi alla vaccinazione indossando un braccio in silicone oggi si sia ravveduto. Già, perché Russo adesso si è vaccinato davvero contro il coronavirus.

Più che le sue posizioni oltranziste e i suoi metodi truffaldini - la denuncia per il raggiro del braccio finto non è assolutamente caduta -, quindi, alla fine ha potuto la necessità di continuare a lavorare. Per la quale è necessario il Green Pass che solo la vaccinazione anticovid, quella vera, può attribuire. L'odontoiatra di Biella non ha provveduto solo a farsi inoculare una dose di siero, ma è stato vaccinato con la prima dose e il richiamo della seconda. Folgorato sulla via di Damasco, verrebbe da dire. La sospensione, quindi, è venuta meno, ma il procedimento disciplinare sta continuando il proprio iter. Guido Russo rischia la radiazione o una seconda sospensione, ma potrebbe anche passarla liscia. E' già stato convocato una volta e non si è presentato, spiegano all'Ordine dei medici, e ora è partita la seconda convocazione. Se nuovamente Russo diserterà, la commissione disciplinare potrà decidere senza doverlo nemmeno ascoltare. Nel frattempo però l'odontoiatra è tornato al lavoro nei suoi due studi, e dovrà anche affrontare una causa in tribunale per truffa ai danni dello Stato.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?