Milano - Italia quasi tutta in zona bianca da lunedì 21 giugno. Nel monitoraggio di domani, infatti, altre sette tra Regioni e Province autonome dovrebbero raggiungere un’incidenza inferiore ai 50 contagi per la terza settimana consecutiva. Si tratta di  Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano.  L’unica incognita sembra essere quella della Valle d’Aosta: la Regione chiede al governo di poter anticipare di una settimana la promozione. Se il ministero della Salute Roberto Speranza dovesse concedere questa deroga potrebbe non dover aspettare il 28 giugno.

Zona bianca, quali regioni dal 21 giugno?

Intanto, oggi, il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe rileva nella settimana 9-15 giugno 2021, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (11.440vs 15.288, pari a -25,2%) e decessi (411 vs 469, pari a -12,4%).In calo anche i casi attualmente positivi (105.906 vs 181.726,-75.820 casi, pari a -41,7%), le persone in isolamento domiciliare (102.069 vs 176.353, -74.284 casi, pari a -42,1%), i ricoveri con sintomi (3.333 vs 4.685, -1.352 casi, pari a -28,9%) e le terapie intensive (504 vs 688, -184 casi, pari a -26,7%)."Da 13 settimane consecutive - ha detto  Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - si registra una discesa dei nuovi casi settimanali. Se la costante riduzione del rapporto positivi/casi testati attesta una ridotta circolazione del virus,la progressiva diminuzione dell'attività di testing sottostima ilnumero dei nuovi casi e documenta la mancata ripresa deltracciamento dei contatti, fondamentale in questa fase della pandemia".

Covid, ospedali sempre meno affollati, ma si fanno pochi tamponi

Vediamo i dati del bollettino Covid odierno.

Bollettino Covid Italia

Sono 1.325 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore (ieri 1.400), su 200.315 i tamponi molecolari e antigenici effettuati (ieri 203.173). Il tasso di positività è dello 0,7%, stabile rispetto a ieri quando era allo 0,6%. I contagi totali salgono così a 4.249.755. I guariti sono 4.533 (ieri 5.399), per un totale di 4.023.957. Sempre in calo il numero degli attualmente positivi, 3.247 in meno (ieri -4.051): i malati ancora attivi sono ora 98.608, per la prima volta sotto quota centomila dal 15 ottobre 2020. Di questi, sono in isolamento domiciliare 95.276 pazienti. Sono invece 37 le vittime in un giorno, mentre ieri erano state 52. Sono 444 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, con un calo di 27 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 15 (ieri erano stati 9). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.888, in calo di 176 unità rispetto a ieri. La regione con più casi odierni è la Lombardia (+232), seguita da Sicilia (+228), Campania (+131), Lazio (+119) e Puglia (+90).  

Bollettino Covid Lombardia

A fronte di 37.653 tamponi effettuati, sono 232 i nuovi positivi al Coronavirus registrati oggi in Lombardia, in calo rispetto a ieri quando erano 256 (su 34.998 tamponi processati). Scende lievemente anche il tasso di positivita' dallo 0,7% di ieri allo 0,6% di oggi. Continuano a diminuire anche gli ospedalizzati e prosegue lo svuotamento delle terapie intensive, dove oggi ricoverati scendono di 2 (totale regionale 90) e di 38 i ricoverati nei reparti Covid (totale 496). Nelle ultime 24 ore i decessi sono 4 (ieri 5), che portano il totale complessivo a 33.746 da inizio pandemia. La provincia di Milano è quella che registra più casi, precisamente 94, di cui 62 a Milano citta'. Nelle altre province lombarde i casi sono a Bergamo: 25; Brescia: 23; Varese: 15; Monza e Brianza: 15Sondrio: 13; Como: 11; Cremona: 7; Pavia: 6; Mantova: 5; Lecco: 4; Lodi: 2. 

Iniziate in mattinata, in tutti i centri vaccinali lombardi, anche dopo le rassicurazioni date dall'Aifa (l'Agenzia Italiana del Farmaco), le somministrazioni eterologhe dei richiami per gli under 60 che avevano ricevuto delle prime dosi AstraZeneca, dopo la sospensione annunciata al scorsa settimana. Già oggi saranno 17.733 i cittadini che avevano ricevuto Astrazeneca ai quali saranno invece somministrato vaccini Pfizer o Moderna. Entro lunedì verranno recuperate tutte le 42.000 somministrazioni non effettuate dal 12 al 16 giugno. Sono stati invece spostati di una settimana, dal 21 al 30 giugno (dal 35/o al 42/o giorno), invece, i richiami di chi aveva ricevuto in prima dose il vaccino Moderna. Nulla cambia invece per i richiami delle persone over 60 vaccinate in prima dose con Astrazeneca. Come da indicazioni del ministero della Salute e di Aifa, infatti, il richiamo sarà effettuato con lo stesso vaccino. Intanto i casi legati al focolaio Covid nella palestra alla periferia di Milano (chiusa dai responsabili in via precauzionale) salgono a 14 a seguito dei tamponi effettuati sul personale e sui clienti che erano entrati in contatto con i primi casi rilevati. Dalle indagini, infatti, sono risultate altre due persone positive al SARS-CoV-2 per le quali è stato chiesto il sequenziamento. Lo ha reso noto l'Ast di Milano. Dei 14 positivi, 5 sono di variante Delta e nove sono ancora in fase di analisi da parte dei laboratori incaricati. 

Covid, contagi Lombardia del 17 giugno

I dati delle Regioni

EMILIA ROMAGNA - Ci sono altri 519 guariti dal Covid in Emilia-Romagna: e i casi attivi in regione scendono ancora, ad oggi sono rimasti 6.238 (-431 rispetto a ieri). A casa ci sono 5.935 affetti dal coronavirus (altro dato in discesa rispetto a ieri: -414), il 95,1% del totale dei positivi attuali. Per quanto riguarda i ricoveri, come anticipato stamane in conferenza stampa dall'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini, i pazienti in terapia intensiva sono 49 (-2 rispetto a ieri) e sono 254
quelli assistiti negli altri reparti Covid (-15). Salgono intanto a 13.239 i decessi in regione da inizio pandemia: solo uno ieri, una donna di 77 anni morta a Parma. Tra gli 89 nuovi casi di Covid (16.809 i tamponi eseguiti, positivo lo 0,5%) ci sono 29 asintomatici individuati attraverso gli screening regionali. Di questi 38 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone, 51 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. 

MARCHE - Nelle Marche rilevati 21 casi di positività al coronavirus in 24ore in base a 1.185 nuove diagnosi (1,8%). Lo comunica il Servizio Sanità della Regione. In tutto testati "2.265 tamponi: 1.185 nel percorso nuove diagnosi (339 screening con percorso Antigenico) e 1.080 nel percorso guariti.  Nel percorso Screening antigenico su 339 test, quattro positivi (da sottoporre al tampone molecolare), rapporto positivi/testati 1%. Dei 21 positivi rilevati nelle nuove diagnosi, cinque sono stati registrati in provincia di Pesaro Urbino, cinque  nel Maceratese, quattro nella provincia di Ancona, due nell'Ascolano e uno in provincia di Fermo; quattro da fuori regione. Tra i casi quattro persone con sintomi. I contati comprendono contatti in setting domestico (8), contatti stretti di positivi (5), contatti in ambiente di vita/socialità (1), screening percorso sanitario (1); due casi sono in fase di approfondimento epidemiologico. 

UMBRIA - Sono 19 i nuovi casi Covid accertati in Umbria nell'ultimo giorno, nel quale non ci sono state altre vittime, a fronte di 29 guariti. In base a quanto riporta il sito della Regione gli attualmente positivi scendono quindi a 953, dieci meno di mercoledì. Sono stati analizzati 1.588 tamponi e 2.264 test antigenici, con un tasso di positività dello 0,49 per cento (0,29 il giorno precedente). I ricoverati in ospedale sono 38, uno in più, cinque dei quali, dato stabile, nelle terapie intensive.

TOSCANA - In Toscana sono 243.680 i casi di positivita' al Coronavirus, 60 in piu' rispetto a ieri (tutti confermati con tampone molecolare). I nuovi casi sono lo 0,02% in piu' rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 233.201 (95,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 7.536 tamponi molecolari e 6.558 tamponi antigenici rapidi, di questi lo 0,4% e' risultato positivo. Sono invece 5.435 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui l'1,1% e' risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 3.641, -5,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 200 (23 in meno rispetto a ieri), di cui 42 in terapia intensiva (8 in meno). Oggi si registrano 6 nuovi decessi: 4 uomini e 2 donne con un'eta' media di 75,3 anni.

ABRUZZO - Sono in linea con quelli dei giorni scorsi i dati relativi ai nuovi contagi in Abruzzo con 22 nuovi positivi, 78 guariti e il tasso di positività fermi allo 0,6.Nella giornata di oggi si registra, invece, purtroppo un altro decesso. Inoltre sono complessivamente 74.545 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. I 22 nuovi casi sono di età compresa tra i 3 e i 55 anni. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2507, si tratta di una 79enne della provincia di Chieti. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 70.736 dimessi/guariti (+78 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1302 (-57 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 1.159.687 tamponi molecolari (+2352 rispetto a ieri) e 483.992 test antigenici (+1.384 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è stabile allo 0,6 per cento. 56 pazienti (-5 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 1 (-2 rispetto a ieri con 0 nuovi ingressi) in terapia intensiva, mentre gli altri 1245 (-50 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

ALTO ADIGE In Alto Adige sono 17 i nuovi casi di Covid-19 su 3.020 tamponi processati nella giornata di ieri. Per il quinto giorno consecutivo non sono stati registrati decessi: il totale resta di 1.180 vittime dall'inizio della pandemia di coronavirus. Le nuove positivita' sono 15 su 618 tamponi molecolari esaminati e 2 su 2.402 test antigenici effettuati. Su 221.220 persone sottoposte a tampone molecolare, 48.607 sono risultate positive. Le persone trovate positive ad un test antigenico sono 26.192. I guariti totali sono 73.290. Stabili i ricoveri in ospedale: 9 i pazienti covid nei normali reparti, 2 quelli in terapia intensiva. 

BASILICATA -  In Basilicata ieri sono stati processati 725 tamponi molecolari: solo 31 sono risultati positivi al covid-19. E nelle ultime 24 ore sono state registrate le guarigioni di 96 lucani. Lo ha reso noto la task force regionale. Sempre ieri, in Basilicata, non è stato registrato alcun decesso per covid-19: il totale delle vittime lucane è quindi fermo a 565. Le persone con il covid ricoverate negli ospedali lucani sono 37 (come ieri), nessuna delle quali in terapia intensiva. Il numero dei lucani attualmente positivi è sceso da 2.788 a 2.723. 

CALABRIA - Sono 69 (ieri 66) i contagi delle ultime 24 ore in Calabria con 2.300 tamponi fatti ed un tasso di positività del 3% (ieri 2,73%). Le vittime sono 3 - ma un decesso è avvenuto il 10 aprile di una persona sintomatica e con link epidemiologico, diagnosticato con solo test antigenico - con il totale che sale a 1.217. Netto calo, -17, dei ricoverati in area medica (123) mentre si registra un nuovo ingresso in terapia intensiva (11). 65 persone hanno terminato l'isolamento domiciliare mentre 147 sono guarite. I casi attivisono 7.336 (-81). Ad oggi sono stati eseguiti 905.603 tamponicon 68417 positivi. 

CAMPANIA In campania, nelle ultime 124 ore, si sono  registrati 131 positivi al Coronavirus e 8 decessi, di cui 4 nelle ultime 48 ore e 4 avvenuti in precedenza ma registrati ieri. I sintomatici sono 52, riferiti ai soli positivi al tampone molecolare. I tamponi processati sono stati 9.212, dei quali 5.518 antigenici. Il report posti letto su base regionale riporta 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, di cui 23 occupati mentre i posti letto di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata 3.160, di cui 334 occupati.

FRIULI VENEZIA GIULIA -  Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.621 tamponi molecolari sono stati rilevati 21 nuovi contagi - di cui 9 riguardanti i migranti richiedenti asilo presenti a Trieste (8) e Gorizia (1) - con una percentuale di positivita' dello 0,58%. Sono inoltre 1.882 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2 casi (0,11%). Nella giornata odierna si registra un decesso a cui se ne associa uno pregresso, i ricoveri nelle terapie intensive scendono a 1 mentre quelli in altri reparti risultano essere 7. I decessi complessivamente ammontano a 3.797. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 107.431 persone. Infine, non si registrano positivita' tra il personale del Sistema sanitario regionale ne' tra gli ospiti e gli operatori delle strutture residenziali per anziani.

LAZIO - Oggi nel Lazio, su oltre 9mila tamponi e oltre 15mila antigenici per un totale di oltre 24mila test, si registrano 119 nuovi casi positivi, 8 decessi e 461 guariti. Ilrapporto tra positivi e tamponi è al 1,3%, ma se si consideranoanche gli antigenici la percentuale scende al 0,4%. Ll'incidenza è scesa a 18 casi ogni 100.000 abitanti. 

LIGURIA - Diciotto nuovi casi positivi a fronte di 4.409 test eseguiti (2.647 molecolari e 1.762 antigenici) per un'incidenza pari allo 0,41. Gli ospedalizzati sono 41, 7 in meno rispetto a ieri. Nove le persone in terapia intensiva. Nessun decesso segnalato. In isolamento domiciliare ci sono 247 persone, 22 in meno rispetto a ieri. In sorveglianza attiva restano 656 persone. 

MOLISE - Oggi in Molise non si regsitrano decessi. Quindi, sono fermi a 491 i apzienti deceduti. Mentre, nelle ultime 24 ore, i positivi al Coronavirus sono 12. Oggi non si registrano ricoveri, ma tre guariti. Le persone in isolamento sono 2.473. 

PIEMONTE - Nessun decesso e 72 nuovi casi positivi al Covid nel bollettino quotidiano dell'Unità di crisi della Regione Piemonte. Con 17.487 tamponi processati (di cui 11.545 antigenici) il tasso di positività è dello 0,4%; la quota di asintomatici 40.3%. Sul fronte dei ricovi, - 2 in terapia intensiva, dove il totale scende a 37, negli altri reparti -27, numero complessivo di pazienti 245. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.777, gli attualmente positivi 2.059, i guariti +212- 

PUGLIA - Sono 90 i casi positivi al covid registrati oggi in Puglia su 6844 test effettuati (1,32%). I casi sono cosi' suddivisi: 20 in provincia di Bari, 16 in provincia di Brindisi, 12 nella provincia BAT, 6 in provincia di Foggia, 24 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto.

SARDEGNA - Sono 57.088 casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di cris regionale sono stati rilevati tre nuovi casi, due nella provincia di Sassari e uno in quella di Oristano. Eseguiti 3.152 test. Non si registrano nuovi decessi (1.485 in tutto). Sono invece 72 (+2) le persone attualmente ricoverate in ospedale in area medica, mentre resta invariato il numero dei pazienti (6) in terapia intensiva, dove non si sono verificati nuovi ingressi. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.565 e i guariti sono complessivamente 43.960 (+124).

SICILIA -  Sono 228 i nuovi casi Covid scoperti in Sicilia tra ieri e oggi grazie a 13.206 tamponi. Secondo il report della Protezione civile nazionale, nelle ultime 24 ore nell'Isola si sono contate anche 330 guarigioni, mentre il numero totale dei decessi per la prima volta è fermo al dato di ieri: 5.928. Gli attuali contagiati scendono sotto quota seimila sono 5.901, 102 in meno rispetto a ieri. La Sicilia è seconda per incremento di casi nella classifica nazionale, preceduta soltanto dalla Lombardia che ha fatto registrare 232 nuovi positivi con 37.653 tamponi. Scende ulteriormente il numero dei ricoverati in ospedale: quelli in regime ordinario sono passati dai 292 di ieri ai 283 di oggi, mentre in terapia intensiva o sub-intensiva il numero complessivo dei pazienti è calato da 36 a 35.

TRENTINO - In Trentino si registra un nuovo decesso per Covid 19. Restano peraltro bassi i numeri relativi all'andamento del contagio: il rapporto odierno dell'Azienda sanitaria indica 11 nuovi casi positivi (4 rilevati da 666 tamponi molecolari e 7 da 942 tamponi rapidi antigenici). Nessun contagio nuovo nelle classi d'età più anziane. I pazienti ricoverati attualmente in ospedale sono 11, di cui 2 in rianimazione. I nuovi guariti sono 11. Sul fronte delle vaccinazioni, nel totale di 384.449 finora somministrate sono comprese 140.365 seconde dosi, 65.335 dosi per gli ultra ottantenni, 79.867 nella fascia 70-79 anni e 86.129 in quella 60-69 anni. 

VALLE D'AOSTA - Solo 3 dei 158 tamponi effettuati in Valle d'Aosta hanno dato esito positivo. 

VENETO -  Prosegue la discesa dei contagi Covid e dei dati ospedalieri legati all'epidemia in Veneto. I nuovi casi di positività nelle ultime 24 ore sono stati 61 e fanno salire il totale dei contagi a 424.853 dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Il report delle vittime invece non registra nessun nuovo decesso e resta fermo a 11.601, il dato di ieri. Negli ospedali scendono giorno dopo giorno i dati dei ricoveri: sono 365 (-7) i posti letto occupati da malati Covid, dei quali 320 (-6) in area medica, e 45 (-1) in terapia intensiva.

Variante Delta, focolai in 7 Regioni

In un mese l'incidenza della variante delta (ex indiana) del Covid è raddoppiata passando dall'1,8% al 3,4%. La mutazione del Coronavirus che ha fatto strage in India, che sta rallentando le riaperture in Inghilterra e che è caratterizzata da una maggiore contagiosità rappresenta in questo momento la maggior preoccupazione verso il ritorno alla normalità a cui si cerca di arrivare accelerando le campagne vaccinali. Le sequenze depositate dall'Italia nella banca dati Gisaid dal 15 maggio al 16 giugno risultano essere complessivamente 1.705 e di queste 58 corrispondono alla variante Delta (B.1.617.2). "Attualmente - osservano i ricercatori - la variante maggiormente rappresentata è la B.1.1.7 (variante Alfa)", alla quale corrispondono 1.351 delle sequenze totali depositate dall'Italia (circa il 79%). Delle 58 sequenze della variante Delta 28 arrivano dal Trentino-Alto Adige (48,3%), 17 dalla Puglia (29,3%), 3 dalla Campania (5.2%), 2 dal Veneto (3.4%) e 1 rispettivamente da Emilia-Romagna, Lombardia e Lazio (1.7%). Una valutazione analoga era stata fatta per il periodo compreso fra il 15 aprile e il 19 maggio, quando le sequenze erano complessivamente 2.674 e di queste le sequenze della variante Delta erano 47 (1,8%) contro le 2.328 della variante Alfa (87%). Sono raddoppiate nell'arco di un mese le infezioni provocate dalla variante Delta del virus SarsCoV2 e focolai sono presenti in almeno sette regioni: dal Trentino Alto Adige alla Puglia, fino alla Sardegna dove si sospetta che la variante Delta sia all'origine del focolaio di 22 persone partito dalla troupe della produzione Disney al lavoro nel Nord della regione per girare la Sirenetta e che ha fatto scattare il coprifuoco a Trinità d'Agultu. Fra questi anche il focolaio scoppiato in una palestra milanese.

Covid, sintomi della variante Delta