Quotidiano Nazionale logo
11 feb 2022

Bollettino Covid Italia e Lombardia, oggi 11 febbraio 67.152 contagi e 334 decessi

Superata quota 10 milioni di guariti o dimessi: un italiano su sei ha avuto il Covid. Calano i ricoveri in terapia intensiva: -57 

Nel primo giorno di stop alle mascherine all'aperto (al chiuso l'obbligo resterà fino al 31 marzo), c'è grande attenzione per i dati della curva epidemica in Italia. Il governatore lombardo Attilio Fontana ha sottolineato come l'allentamento delle misure anti Covid segni "l'inizio della fine della pandemia". E anche dall'Organizzazione mondiale della sanità arrivano messaggi rassicuranti: la "fase acuta" della pandemia potrebbe finire entro metà 2022 se il 70% della popolazione mondiale sarà vaccinata. La curva "è in una fase di chiara decrescita" sottolinea il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. E lo confermano i dati: i nuovi casi oggi sono 67.152 contro i 75.861 di ieri e soprattutto i 99.522 di venerdì scorso. I tamponi processati sono stati 663.786 (ieri 683.715) con un tasso di positività che passa al 10,1% (-1,0%). I decessi sono 334 (+9 rispetto a ieri, quando erano 325), numero che porta le vittime totali da inizio pandemia a 150.555. 

Zona arancione e gialla: le regioni che cambiano colore dal 14 febbraio. E la Lombardia?

Addio mascherine all'aperto e riapertura discoteche e concerti: ecco le regole da oggi

Iss: in calo Rt e incidenza. Quattro regioni a rischio alto

Continua la discesa dell'incidenza settimanale a livello nazionale: nella settimana che va dal 4 al 10 febbraio è a 962 ogni 100mila abitanti contro 1.362 ogni 100mila abitanti (28 gennaio-  febbraio). E' quanto emerge dal report dell'Istituto superiore di sanità (Iss) con i dati principali del monitoraggio della Cabina di regina. In calo anche l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici e pari a 0,89, "in diminuzione rispetto alla settimana precedente e al di sotto della soglia epidemica", come il tasso di occupazione in terapia intensiva, "al 13,4% contro il 14,8%. Mentre il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è al 26,5% contro il 29,5%". Scendono a 4 le Regioni e province autonome classificate a rischio alto, a causa dell'impossibilità di valutazione per incompletezza dei dati inviati; una è invece a rischio moderato e le restanti 16 a basso rischio. Infine dal monitoraggio della Cabina di regia si rileva la diminuzione di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (410.941 contro 553.860 della settimana precedente). Mentre la percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è in leggero aumento (18% contro il 17% la scorsa settimana). 

Covid, Omicron 2 presente in 16 regioni: ecco quali

Bollettino Covid Italia / PDF

Un italiano su sei ha avuto il Covid: dall'inizio della pandemia, due anni fa, sono infatti 10.089.429 i guariti. Nelle ultime 24 ore l'incremento è stato di 129.293. Sono invece 11.991.109 gli italiani contagiati dal Covid, secondo i dati del ministero della Salute. Gli attualmente positivi sono 1.751.125, in calo di 62.149 nelle ultime 24 ore, mentre i morti sono 150.555. Sul fronte della pressione ospedaliera, per il quarto giorno consecutivo si registrano dati incoraggianti: sono 1.265 i pazienti in terapia intensiva, 57 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 100. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 16.824, ovvero 530 in meno rispetto a ieri. Anche oggi la regione con il maggior numero di casi è la Lombardia con 7.099 contagi, seguita da Lazio (+6.722), Campania (+6.592), Veneto (+6.223), Sicilia (+5.754) ed Emilia Romagna (+5.371).

Coronavirus, la situazione in Lombardia

Con 88.923 tamponi effettuati è di 7.099 il numero di nuovi positivi al Coronavirus registrati in Lombardia. In calo il tasso di positività, che scende al 7,9% contro l'8,1% di ieri. Mentre i decessi sono 60, numero che porta il totale delle vittime da inizio pandemia a 37.927. Si alleggerice anche la pressione sulle strutture sanitarie: il numero dei ricoverati diminuisce sia nelle terapie intensive (-8, per un totale di 174 posti letto occupati) che nei reparti ordinari (-111, a fronte di 2.161 ricoverati). Per quanto riguarda le province lombarde, la più colpita resta Milano, con 2.196 casi (di cui 849 in città), a Bergamo si registrano invece 620 contag, a Brescia 992, a Como 472, a Cremona 238, a Lecco 181, a Lodi 118, a Mantova 374, a Monza e Brianza 551, a Pavia 410, a Sondrio 117 e a Varese 575. Intanto, data la "drastica riduzione della domanda,"chiudono da domani gli hub tamponi di Rho Fiera e Trenno a Milano. L'Ats Città Metropolitana ha infatti cominciato a rimodulare i punti dove  A Trenno resta attivo l'hub vaccinale.

Vaccino universale contro i coronavirus: la speranza si chiama epitopo. "E' sulla Spike"

Contagi e decessi regione per regione

 

EMILIA ROMAGNA

Sono 5.371 i nuovi casi di Covid in Emilia-Romagna, su un totale di 43.064 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (20.143 molecolari e 22.921 test antigenici
rapidi). Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 12,5%. Il calo della curva epidemica è confermato anche dai dati settimanali validati dal ministero della Salute: l'incidenza settimanale dei nuovi casi ogni 100.000 abitanti scende a 1.116 da 1.886,9 di sette giorni fa, l'Rt regionale a 0.85 (da 1.11). Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva è al 16% (era al 17%) e quello di occupazione dei posti letto ordinari nei reparti Covid al 25% (rispetto al 30%). I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell'Emilia-Romagna scendono infatti a 132 (-3, pari al -2,2%), età media è di 64 anni. Sul totale, 64 non sono vaccinati (età media 65,5 anni), il 48,5%; 68 sono vaccinati con ciclo completo (età media 62,5 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.147 (-32 rispetto a ieri, -1,5%)
.

LIGURIA

In Liguria sono stati registrati 1.755 nuovi casi di Coronavirus ed altri 11 decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 16.689 tamponi, di cui 4.044 molecolari e 12.645 antigenici rapidi.  Al momento in tutto il territorio ligure son 662 i pazienti Covid ricoverati in ospedale (-17 rispetto a ieri), di cui 29 in terapia
intensiva. Sono 28.746, invece, le persone attualmente positive, 1.828 meno di ieri, e 6.979 quelle sottoposte a sorveglianza

MARCHE

I parametri delle Marche tornano ad essere da zona gialla. I pazienti in terapia intensiva sono 47 (-3) mentre quelli in area medica 301 (-10) con un tasso di occupazione rispettivamente del 18,5% e del 29,3%, dunque sotto le soglie che determinano il passaggio in zona arancione: 20% per le terapie intensive e 30%
per l'area medica. Nelle ultime 24 ore sono stati individuati nelle Marche 2.556 positivi a Covid-19 (475 i sintomatici), con 6.656 tamponi processati nel percorso diagnostico e un tasso di positività al 38,4% (ieri era al 41% con 2.935 casi); l'incidenza cumulativa su 100 mila abitanti è scesa per il dodicesimo giorno consecutivo, passando da 1289,12 a 1190,95. Sono complessivamente 348 (-13) i pazienti assistiti nei reparti ospedalieri delle Marche e 42 (-6) nei pronto soccorso in attesa di essere trasferiti nei reparti. 

TOSCANA 

Ci sono stati altri 26 morti per Covid in Toscana nelle 24 ultime ore. Le vittime hanno età media di 83,1 anni e portano a 8.587 il totale di persone decedute
dall'inizio dell'epidemia. Sempre nelle 24 ore ci sono stati altri 4.512 nuovi positivi (età media 38 anni) che portano a 807.970 (+0,6%) il totale. I guariti crescono dell'1,5% e raggiungono quota 713.115 (88,3% dei casi totali): sono stati 10.854 i guariti per tampone negativo nelle 24 ore. Gli attualmente positivi sono oggi 86.268, -6,9% rispetto a ieri. Tra loro i ricoverati sono 1.266 (-29 persone il saldo tra ingressi e uscite su ieri pari al -2,2%) di cui 91 in terapia intensiva (+1 il saldo pari al +1,1%). Altre 85.002 persone positive sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di
sintomi (-6.339 su ieri pari al -6,9%). 

UMBRIA

Sono 1.106 i nuovi contagi registrati in Umbria nelle ultime 24 ore, contro i 1.318 di ieri. Numeri che emergono a fronte dei test processati: 2.435 tamponi e 7.544 test antigenici in tutta la regione. Mentre sul fronte dei decessi si registrano 6 vittime, numero che porta il totale da inizio pandenia in regione a 1.682 casi. I ricoveri scendono a 201, contro i 211 di ieri, di cui 7 in terapia intensiva.

VENETO

Nelle ultime 24 ore 6.223 nuovi casi positivi al Covid e 21 decessi. Gli attualmente positivi nella regione sono 120.575. In calo i pazienti attualmente positivi in area non critica (-174) e quelli attualmente positivi in terapia intensiva (-20). Nelle ultime 24 ore sono +14.183 le dosi di vaccino somministrate in Veneto per un totale di 10.628.330. Le prime dosi sono +753 per un totale di 3.167.566. I cicli completati sono +3.082 mentre le dosi addizionali/booster sono + 10.348.

ABRUZZO

Sono 1.872 i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza - al netto dei riallineamenti - a 240.673. Dei positivi odierni, 946 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 5 nuovi casi e sale a 2.869. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 129.873 dimessi/guariti (+3569 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 107.931 (-1.704 rispetto a ieri). 508 pazienti (-7 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 28 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 107.395 (-1697 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

ALTO ADIGE

 Quattro decessi e 1.023 nuovi casi vengono riportati nell'ultimo bollettino dell'Azienda sanitaria dell'Alto Adige. I decessi riguardano due uomini over
70 e over 90 e due donne over 60 e over 70. Sono risultati positivi 110 pcr su 953 e 913 test antigenici su 8.586. È stabile il numero dei ricoveri con 114 (+1) nei normali reparti e 8 (-1) in terapia intensiva. Continua a calare il numero di persone in quarantena, che ora sono 15.569. 1.536 altoatesini sono stati dichiarati guariti.

BASILICATA

Sono 682 i nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore in Basilicata con 4.390 tamponi (molecolari ed antigenici) processati. Mentre non si registra alcun decesso e i guariti sono 724 in un giorno. Sul fronte ospedaliero sono 105 le persone ricoverate: 55 nell'ospedale San Carlo di Potenza, di cui 4 in terapia intensiva, e 50 nell'ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 3 in terapia intensiva. Sul fronte della vaccinazione sono 465.073 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del siero (84,1%), 429.245 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (77,6%) e 321.494 (58,1%) quelli che hanno ricevuto la terza dose per un totale di somministrazioni effettuate pari a 1.215.812 su 553.254 residenti (secondo quanto emerge dai dati del portale Poste italiane aggiornato a ieri).

CALABRIA

Oggi in Calabria si sono registrati 2.055 contagi a fronte di 11.481 tamponi esaminati: la percentuale di positività si è attestata al 17,90%. Rispetto a ieri il numero delle persone risultate positive è salito a 189.133 ed al momento in cura nelle strutture ospedaliere e in isolamento controllato vi sono 45.197 persone. Sono 376 (0,83% degli attuali casi attivi) i pazienti ricoverati in ospedale di questi 22 in terapia intensiva.  I decessi in regione dall'inizio della pandemia sono 1.987 (+8 nelle ultime 24 ore), le persone guarite sono salite a 141.949.

CAMPANIA

Sono 6.592 i casi di positività rilevati in Campania a fronte di 51.933 test effettuati (33.909 antigenici e 18.084 molecolari). I  particolare sono 1.683 i nuovi contagiati risultati positivi al tampone molecolare e 4.909 al test antigenico. I decessi sono complessivamente 29, 17 nelle ultime 48 ore e 12 in precedenza ma registrati ieri. I ricoverati in posti letto di degenza sono 1.248, mentre 72 pazienti Covid si trovano in terapia intensiva.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.098 tamponi molecolari sono stati rilevati 500 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 7,04%. Sono inoltre 10.695 i testrapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 936 casi (8,75%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 41, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 390. Per quanto riguarda l'andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia più colpita è quella 40-49 anni (15.95%), seguita dalla 50-59 (15.11%) e 30-39 (14.21%).

LAZIO

Oggi nel Lazio su 22.465 tamponi molecolari e 58.651 tamponi antigenici per un totale di 81.116 tamponi, si registrano 6.722 nuovi casi positivi (-1.411). Mentre i decessi sono 24 (+9). Il rapporto tra positivi e tamponi è al 8,2%. Le persone attualmente ricoverate nei reparti ordinari sono in tutto 1.989 (-5), mentre i posti letto occupati dai pazienti Covid nelle terapie intensive sono complessivamente 184 (-7). I guariti sono +10.577.

MOLISE

Alla luce dei dati della Cabina di Regia, la Regione Molise passa dal bianco al giallo da lunedì prossimo.

PIEMONTE

Sono 3.891 i nuovi positivi al Covid-19 (di cui 3.029 dopo test antigenico), pari al 6,9% di 56.001 tamponi eseguiti, di cui 48.108 antigenici. Dei 3.891 nuovi casi gli asintomatici sono 3.345 (86%).I casi sono 2963 di screening, 662 contatti di caso, 266 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa 942.195. I ricoverati in terapia intensiva sono 97 ( -2 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.732 (-62 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 73.371. I tamponi diagnostici finora processati sono 15.007.315 (+56.001 rispetto a ieri).  Sono 22 , 2 di oggi, i decessi di persone positive al test del Covid-19. Il
totale diventa quindi 12.817 morti risultati positivi al virus. Intanto è partita  in Piemonte la quarta somministrazione del vaccino anti-Covid per i soggetti immunodepressi. In particolare, gli immunodepressi che, dopo almeno 28 giorni dal completamento del ciclo primario con doppia dose, hanno ricevuto una terza somministrazione, possono ricevere anche la quarta una volta che siano trascorsi almeno 120 giorni dalla dose addizionale. 

PUGLIA

Sono 4.952 i casi di contagio da coronavirus accertati in Puglia nelle ultime ore. Si tratta del 10,9% dei 45.270 test processati. Gli attualmente positivi sono 100.528 di cui 745 ricoverati in area non critica covid (3 in meno rispetto a ieri) e 68 in terapia intensiva. Le vittime sono 14 che fanno salire a 7.408 il totale dei decessi da inizio pandemia a oggi.  È risalita l'occupazione dei posti letto nelle terapie intensive pugliesi da parte dei pazienti Covid-19: secondo il monitoraggio Agenas nelle rianimazioni il tasso di occupazione è passato dal 13 al 14%. Anche nell'area non critica, cioè i reparti di Malattie infettive e pneumologia, il tasso è passato dal 25 al 26%. Intanto in Puglia si registra il via libera al primo trattamento domiciliare con pillola antivirale Paxlovid, prescritto dal reparto di malattie infettive del Policlinico di Bari. Il farmaco è stato indicato per una donna di 25 anni della provincia di Bari, affetta da linfoma di Hodgkin e positiva al Covid, che proprio in ragione della sua fragilità avrebbe avuto un alto rischio di sviluppare una forma grave della malattia. 

SICILIA

La Sicilia torna in zona gialla a partire da lunedì prossimo. A comunicarlo al governo della Regione è stato il ministro della Salute Roberto Speranza.

SARDEGNA

Nelle ultime 24 si registrano altri quattro morti e 2.575 casi (di cui 1.807 diagnosticati da antigenico), circa 200 in più rispetto alla precedente rilevazione. Sono
stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 15.056 tamponi per un tasso di positività che sale al 17,1%. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 29 (- 1), mentre aumentano i ricoverati in area medica, 413 (+ 10). Le persone in isolamento domiciliare sono 32.197 (+ 1011).  Le vittime sono due uomini di 82 e 86 anni.

VALLE D'AOSTA

In Valle d'Aosta sono  61 i nuovi positivi, il totale diventa quindi di 30.631 da inizio pandemia, secondo i dati del bollettino regionale. I positivi attuali sono 2.264. Tra questi 3 in terapia intensiva e 42 ricoverati. Il totale dei decessi è stabile a 514.

P.A. TRENTO

Calano i dati dei contagi (oggi 570 positivi) e delle ospedalizzazioni: sono 20 i casi positivi al molecolare (su 407 test effettuati) e 550 all'antigenico (su 6.072 test effettuati). I molecolari confermano 12 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi, mentre pazienti ricoverati sono 147, di cui 12 in rianimazione. Nella giornata di ieri sono stati registrati 15 nuovi ricoveri e 22 dimissioni. I casi attivi nella provincia sono ad oggi 9.246, 923 in meno. Si registra un solo decesso, quello di un 90enne vaccinato ma con precedenti patologie, deceduto in una Rsa

Il virus nel mondo

Il numero di casi Covid confermati nel mondo ha superato i 400 milioni. È quanto emerge dai dati rilasciati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Gli Stati Uniti hanno il numero complessivo di casi confermati e decessi più elevato, con oltre 76,44 milioni di contagi e più di 902.000 decessi, circa il 19% e il 15,6% del totale mondiale. Seguono l'India e il Brasile. I tre Stati insieme hanno rappresentato oltre il 36% di tutti i casi confermati e circa il 35% dei decessi complessivi del mondo. Ma intanto, parallelamente alla discesa della curva epidemica, anche altri Paesi seguono la linea italiana e prevedono un allentamento delle restrizioni. In Francia dal prossimo 28 febbraio stop all'abbligo di mascherina al chiuso per quanti sono vaccinati. Sarà invece mantenuto l'obbligo della mascherina al chiuso sui mezzi pubblici e nei luoghi al chiuso dove non è previsto il super green pass. Da oggi nel Regno Unito i viaggiatori vaccinati non avranno più bisogno di sottoporsi a test rapido per il Covid dopo l'arrivo nel Paese. Le persone non vaccinate non avranno invece più bisogno di isolarsi, ma dovranno comunque sottoporsi al test all'arrivo in territorio britannico. Mentre il governo olandese dal 18 febbraio intende riaprire senza limiti gli stadi, i teatri, i cinema e i ristoranti.  Tutte le altre restrizioni ancora in vigore in Olanda dovrebbero essere revocate entro fine mese. Anche l'India guarda con ottimismo al ritorno alla normalità dopo che ieri il Paese ha registrato un numero di casi inferiore a quelli del giorno precedente: 58.077 con 657 decessi, e un tasso di positività quotidiano del 3,89%. La curva dei nuovi contagi è discendente e sempre sotto i centomila nuovi positivi dal 6 di febbraio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?