La livrea celebrativa del primo volo Ita
La livrea celebrativa del primo volo Ita

Meno uno all'ultimo volo di Alitalia, meno due al primo volo di Ita. Il passaggio di consegne tra la vecchia e la nuova compagnia di bandiera è ormai imminente. Passaggio tutt'altro che lineare e indolore, ma pur sempre una svolta storica, quella che avverrà tra giovedì 14 e venerdì 15 ottobre 2021.

I voli simbolo

Domani alle 22.05 decollerà dall'aeroporto di Cagliari il volo AZ158 con destinazione Roma-Fiumicino, dove è atteso alle 23.10. Con l'atterraggio di questo Airbus 320 calerà definitivamente il sipario sull'epopea 75ennale di Alitalia. Venerdì alle 6.20, invece, da Milano-Linate prenderà ufficialmente il via la storia di Ita, con il volo per Bari dove atterrerà alle 7.45. Si tratta del volo AZ1637, che dunque riporta ancora lo storico codice 'AZ' che si identifica subito con Alitalia. E anche le livree degli aerei Ita saranno ancora quelle della vecchia compagnia, dal momento che non ci sono i tempi tecnici per sostituirle e si attende ancora l'esito della gara per il marchio, dopo che la prima fase era andata deserta. Unica eccezione, la livrea celebrativa con la scritta 'Born in 2021' sull'Airbus 320 del primo volo, il Milano-Bari appunto. Per il resto, tutto come prima, dal logo alle divise del personale di volo e di terra. 

La protesta dei lavoratori

Oltre la questione di immagine, grava poi sul passaggio Alitalia-Ita la mobilitazione dei lavoratori che da ieri sono in presidio, dalle 10 alle 18, davanti alla sede della vecchia compagnia a Fiumicino. I dipendenti hanno annunciato la mobilitazione fino a domani ma si starebbero organizzando per proseguire le assemblee anche venerdì, giorno del decollo di Ita. Molte le richieste, in primis il pagamento degli stipendi (settembre è stato pagato solo per metà, l'altro 50% è stato vincolato all'esito della gara sul marchio). I lavoratori chiedono anche garanzie sul futuro delle aree handling e manutenzione, oltre ad ammortizzatori sociali per accompagnare il piano industriale di Ita fino al 2025. Sulla proroga della Cigs, un incontro al ministero del Lavoro dovrebbe essere convocato all'inizio della prossima settimana.

Punti MilleMiglia

C'è poi il capitolo punti MilleMiglia, che riguarda quasi sei milioni di clienti Alitalia. Capitolo intricato, perché il programma MilleMiglia non è emanazione diretta della compagnia aerea ma è proprieità di Alitalia Loyalty, una delle tante controllate della galassia Alitalia che, per il prinicpio della discontinuità richiesto dalle norme Ue, non poteva essere assorbita da Ita. La certezza nell'immediato è che i punti andranno a scadenza domani e non potranno essere utilizzati con la nuova compagnia, ma non per questo andranno per forza persi. Una nuova società, infatti, andrà a rilevare Alitalia Loyalty e disporrà dei punti MilleMiglia che potrebbe decidere di mantenere, per non inimicarsi un'ampia platea di clienti che sfiora appunto le sei milioni di persone. Qualora fosse questa la decisione dei nuovi padroni dei punti, gli scenari sarebbero due. Un accordo con Ita per utilizzare le MilleMiglia sostanizalmente come nella vecchia Alitalia, accordo regolare perché in questo caso Ita sarebbe un semplice partner commerciale; oppure destinare i punti ad altri benefit, dalla spesa al supermercato ad altri tipi di trasporto come ad esempio quello ferroviario, dal momento che il compratore di Alitalia Loyalty potrebbe essere una qualunque società, non per forza attiva nel settore aereo. 

La nuova compagnia

Per quanto riguarda invece la struttura della newco, Ita opererà con una flotta iniziale di 52 aerei che serviranno 45 destinazioni con 61 rotte. La compagnia ha scelto Airbus come partner strategico per lo sviluppo della flotta, firmando un Memorandum of Understanding per l'acquisto di 28 nuovi aeromobili: 10 Airbus A330neo per i collegamenti di lungo raggio, 7 esemplari della famiglia di aerei regional Airbus A220 e 11 velivoli della famiglia A320neo (le consegne di questi ultimi aerei sono previste dopo il completamento del Business Plan). Ita ha inoltre firmato un accordo con la società Air Lease Corporation per la fornitura in leasing di altri 31 velivoli Airbus di nuova generazione fra lungo, medio e breve raggio. La compagnia inoltre dimezzerà il numero delle società di leasing dalle 12 utilizzate da Alitalia in amministrazione straordinaria a soli 6 partner, che affiancheranno la compagnia nel percorso di crescita della flotta dai 52 aerei iniziali a 105 velivoli nel 2025. Le consegne dei nuovi Airbus inizieranno dalla fine del primo trimestre 2022, dando così avvio al processo di crescita e conversione della flotta iniziale con una nuova generazione di aeromobili più efficienti emeno inquinanti.