Cremonese
Cremonese

Cremona, 22 dicembre 2020 - La Cremonese vìola il campo del Pordenone dell’ex Tesser e conquista tre punti che possono rappresentare la svolta della stagione per la squadra di Bisoli che può guardare avanti con rinnovata fiducia. È questo il verdetto finale di un incontro sostanzialmente equilibrato, durante il quale i neroverdi hanno tenuto maggiormente l’iniziativa ed hanno creato più occasioni, ma gli ospiti sono riusciti a rispondere colpo su colpo fino a cogliere una vittoria che rappresenta il più bel regalo di Natale per i grigiorossi.

La gara nell’inedita cornice dello “Stadio Teghil” di Lignano Sabbiadoro si fa subito accesa. I Ramarri cercano di far valere il fattore campo e ci provano con Mallamo e Butic. Gli ospiti rispondono con un invitante cross di Valeri sul quale non riesce ad arrivare d’un soffio Ghisolfi. Con il passare dei minuti il gioco si colora sempre di più neroverde e Ciurria in due circostanze costringe al lavoro Volpe. La formazione di Bisoli è comunque molto attenta e risponde in modo propositivo alla pressione dei friulani. Dopo un botta e risposta rimasto senza esito tra Falasco e Pinato, il primo tempo si chiude con un brivido per la retroguardia grigiorossa al 42’, ma Bianchetti sbroglia la situazione e anticipa Ciurria, mandando le due contendenti al riposo sul nulla di fatto. Nella ripresa i friulani partono con rinnovata decisione e sfiorano il vantaggio per due volte con Mallamo nei primi minuti, ma la rete difesa da Volpe rimane inviolata. La squadra dell’ex Tesser insiste, ma gli ospiti non demordono e al 20’ Pinato si rende protagonista di uno spunto brillante che costringe Perisan ad una respinta sulla quale si proietta Celar che deposita in fondo al sacco il gol del vantaggio grigiorosso. L’1-0 dura però solo 4’, il tempo sufficiente a Falasco per beffare Volpe con una punizione dalla distanza. Tutto da rifare, dunque, per gli ospiti e friulani caricati a dovere dalla rete appena segnata. La gara rimane apertissima sino al termine. I Ramarri premono alla ricerca del colpo del ko e al 37’ vedono anche il pallone terminare in rete, ma l’arbitro ravvisa un fuorigioco sul tocco finale di un attaccante friulano e vanifica l’azione. Scampato il pericolo, la Cremonese riesce a riportarsi in avanti e proprio al 44’ lascia il segno con Ciofani che in due tempi costringe alle resa Perisan e regala ai grigiorossi tre punti preziosissimi.

PORDENONE-CREMONESE 1-2 (0-0)
Pordenone (4-3-1-2): Perisan 6; Berra 6,5, Camporese 6, Barison 6; Falasco 6,5; Magnino 6 (22’ st Gavazzi 6), Calò 6,5 (12’ st Pasa 6), Scavone 6 (40’ st Rossetti sv); Mallamo 6 (12’ st Musiolik 6); Ciurria 6,5, Butic 6,5. A disposizione: Bindi; Passador; Vogliacco; Banse; Misuraca; Bassoli; Zammarini; Chrzanowki. All: Attilio Tesser 6.
Cremonese (4-3-2-1): Volpe 6; Zortea 6, Bianchetti 6,5, Fiordaliso 6; Valeri 6,5; Valzania 6,5, Castagnetti 6, Ghisolfi 6 (1’ st Gustafson 6); Pinato 6,5 (40’ st Bia sv), Buonaiuto 6,5 (39’ pt Celar 6); Strizzolo 6 (1’ st Ciofani 6,5). A disposizione: Alfonso; De Bono; Zaccagno; Bernasconi; Gaetano; Schirone; Ceravolo. All: Pierpaolo Bisoli 6.5.
Arbitro: Ivan Robilotta di Sala Consilina 6.
Reti: 20’ st Celar; 24’ st Falasco; 44’ st Ciofani.
Note. Ammoniti: Scavone; Gustafson; Barison; Valzania – angoli: 5-5 – recupero: 2’ e 4’ – la gara si è giocata a porte chiuse.