Quotidiano Nazionale logo
16 mar 2022

La Cremonese vince con il fanalino di coda Pordenone e vola in testa. Ma quanta fatica

I grigiorossi riescono a venire a capo della difficile sfida con il Pordenone e con la doppietta di Zanimacchia acciuffano in rimonta tre punti fondamentali

luca marinoni
Sport
Luca Zanimacchia (Cremonese)
Cremonese vs Pisa
Campionato Serie BKT - 10a giornata
Cremona 28-10-2021
Stadio Giovanni Zini
foto Roberto Garavaglia/ag. Aldo Liverani sas/AGENZIA ALDO LIVERANI SAS
Luca Zanimacchia in una concitata azione di gioco

La Cremonese soffre e batte in rimonta il Pordenone fanalino di coda. Un 2-1, tutt’altro che facile o scontato, ottenuto contro un avversario che, al di là di quanto dicano gli impietosi numeri della classifica, ha lottato a testa alta sino alla fine, costringendo i grigiorossi a mettere in campo il meglio delle loro qualità per raggiungere una vittoria a dir poco preziosa.

I padroni di casa, che a tratti sembrano adottare un inedito 4-4-2 con Gondo che quasi affianca Di Carmine, cercano di partire ancora una volta a spron battuto e dopo 2’ Di Carmine cerca il primo tiro della partita, ma la mira non è delle migliori.

Botta e risposta al 6’, con Cambiaghi, che cerca una conclusione che viene respinta e innesta la ripartenza dei padroni di casa con Bartolomei che prova a sorprendere Perisan dalla distanza, ma la sfera termina alta. Sul fronte opposto un minuto più tardi grosso brivido per la difesa locale.

Cambiaghi è bravo a destreggiarsi e andare al tiro, ma colpisce in pieno la traversa. Scampato il pericolo, la formazione di Pecchia cerca di prendere in mano le redini della partita, ma non riesce a creare particolari occasioni da rete. Prima Baez e poi Valeri provano a lanciare un invitante pallone nell’area friulana, ma la retroguardia dei Ramarri chiude con attenzione.

La Cremonese cerca di far valere il suo maggiore tasso tecnico, ma le sue azioni non mostrano la necessaria efficacia e la situazione non muta. I minuti trascorrono e la compagine di mister Pecchia non riesce a costruire il desiderato vantaggio. Provano la conclusione Gaetano e Casasola, ma la porta dell’ultima della classe rimane inviolata sino all’intervallo. Gli ultimi minuti del primo tempo, in effetti, non offrono particolari emozioni e le due contendenti vanno al riposo sul nulla di fatto. In avvio di ripresa Pecchia inserisce Crescenzi e Zanimacchia e torna a schierare i suoi con il 4-2-3-1 canonico.

Il copione dell’incontro, però, prosegue sulla stessa falsariga di quanto mostrato dai primi 45’ senza regalare grosse emozioni al pubblico dello “Zini”. Prima Pasa e poi Zanimacchia tentano il tiro, ma i due portieri non devono intervenire. La partita prende una direzione diversa al 16’, quando Cambiaghi è bravo a trafiggere Carnesecchi, finalizzando al meglio una precisa manovra dei neroverdi.

L’inatteso svantaggio per alcuni minuti frena i grigiorossi che, però, tornano ben presto in partita e dopo soli 7’ ristabiliscono la parità. È il 23’, infatti, quando Zanimacchia scaglia la precisa sventola che supera Perisan e firma l’1-1. A questo punto, dopo avere allontanato il pericolo di una beffarda sconfitta con il fanalino di coda, la squadra di Pecchia si mantiene in avanti alla ricerca di una vittoria che potrebbe rivelarsi più che preziosa nella lotta per la promozione. Per il forcing finale il tecnico cremonese inserisce anche Ciofani e la Cremonese, senza perdersi d’animo, continua nel suo inseguimento ai tre punti. I minuti trascorrono inesorabili senza offrire nitide palle-gol, ma i grigiorossi non si perdono d’animo e tentano ancora la conclusione prima con Zanimacchia e poi con Buonaiuto. La rete difesa da Perisan non corre seri pericoli, ma al 35’ giunge l’azione che cambia la gara. Gaetano lancia Zanimacchia che può dirigersi verso Perisan e trafiggerlo con la doppietta personale che consente alla Cremonese di raggiungere il vantaggio fortemente voluto. La compagine di mister Pecchia si regala un finale ancora più “frizzante” e al 41’ Di Carmine si guadagna un rosso per proteste. I padroni di casa sono così costretti a giocare gli ultimi minuti e i 5’ di recupero con un uomo in meno, ma riescono a tenere ben stretta la più che preziosa vittoria che, complice la contemporanea sconfitta del Pisa, consente alla Cremonese di riportarsi solitaria al comando della classifica di serie B.

Cremonese-Pordenone 2-1 (0-0)

Cremonese (4-2-3-1): Carnesecchi 6; Casasola 6 (1’ st Crescenzi 6), Okoli 6, Ravanelli 6,5, Valeri 6 (6’ st Sernicola 6); Bartolomei 6 (11’ st Buonaiuto 6), Valzania 6; Baez 6 (1’ st Zanimacchia 7), Gaetano 7, Gondo 6 (23’ st Ciofani 6); Di Carmine 6. A disposizione: Ciezkowski; Sarr; Meroni; Bianchetti; Castagnetti; Rafia; Strizzolo. All: Fabio Pecchia 6,5.
Pordenone (4-1-4-1): Perisan 6; El Kaouakibi 6, Dalle Mura 6, Bassoli 6, Andreoni 6 (38’ st Anastasio); Pasa 6; Di Serio 6, Zammarini 6 (37’ st Deli), Lovisa 6 (31’ st Gavazzi 6), Cambiaghi 6,5; Candellone 6 (23’ st Secli 6). A disposizione: Bindi; Sabbione; Pellegrini; Onisa; Butic; Sylla; Perri; Iacoponi. All: Bruno Tedino 6.
Arbitro: Francesco Maraviglia di Pistoia 6.
Reti: 16’ st Cambiaghi; 23’ st e 35’ st Zanimacchia.
Note: ammoniti: Bassoli; Valzania; Gaetano; Ciofani – espulso: 41’ st Di Carmine (proteste) - angoli: 6-4 – recupero: 2’ e 5’ – spettatori: 3.500 circa.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?