Familiari e conoscenti davanti alla chiesa per l’ultimo saluto
Familiari e conoscenti davanti alla chiesa per l’ultimo saluto

Pandino (Cremona), 30 giugno 2020 - Parenti, conoscenti , ex colleghi di lavoro della Chromavis, e i genitori dei compagni di classe del figlio 12enne: in tanti hanno preso parte ieri mattina ai funerali di Morena Designati, la 49enne uccisa mercoledì scorso dal marito Eugenio Zanoncelli (tuttora in carcere) nella loro casa di Palazzo Pignano. La salma di Morena è giunta alla frazione Gradella dalla Fondazione Ospedale dei Poveri di Pandino, dove era stata allestita la camera ardente. Sull’altare, il parroco di Gradella e Nosadello don Maurizio Bizzoni ha concelebrato assieme al parroco di Palazzo Pignano don Benedetto Tommaseo. Nell’omelia don Maurizio ha fatto riferimento al concetto di sofferenza.

"Nella sofferenza di Gesù sulla croce, nelle ferite di nostro Signore – ha detto -, riconosciamo la sofferenza di Morena, che ora è in paradiso a godere per l’eternità della gioia e della piena salute". A fine messa, letti due messaggi: il primo dei familiari di Morena e il secondo degli amici del figlio. "Sei sempre stata una persona discreta, silenziosa, a tratti quasi invisibile che ha trovato nel sorriso la forza di affrontare tutte le difficoltà che la vita ti ha riservato". E ancora: "Carissimo amico, in alcune situazioni le parole non bastano ma oggi sono tutto quello che possiamo offrire". Gli amici del ragazzino hanno posto rose rosse sulla bara.