Lo stabile dove dovrebbe aprire un McDonald
Lo stabile dove dovrebbe aprire un McDonald

Crema (Cremona), 28 agosto 2014 - Arriva un McDonald’s in piazza del Duomo. Una voce che è diventata insistente proprio in questi giorni e che prevede l’apertura di un ristorante della famosa catena statunitense entro la fine dell’anno. Al momento, nessuna uffcialità, ma la voce è molto insistente e, peraltro, già da tempo McDonald’s stava cercando un sito adatto in città, dopo l’apertura di un punto a lato della Paullese, in territorio di Bagnolo Cremasco. In effetti, lo scorso anno c’era stato un interessamento per rilevare un ristorante che aveva chiuso i battenti in piazza Repubblica. Il posto si trovava al primo piano di un caseggiato nel quale, al piano interrato e al pian terreno, c’è il supermercato Billa. Il posto sembrava essere appetibile, in quanto molto vicino alla fermata degli autobus e dunque punto di passaggio di molti studenti.

A giocare contro, però, c’era l’alta densità di punti ristoro e, recentemente, il fallimento di alcuni di questi locali che non hanno goduto del favore degli studenti e degli altri clienti. Di qui, ecco la catena puntare al massimo e cercare di imitare quel che si vede in moltissimi altri grossi centri, sia italiani che nel mondo: un ristorante nella piazza centrale. E a Crema questa possibilità c’è, da quando una banca ha lasciato libero un grosso stabile. Da tempo si sta lavorando alla ristrutturazione e ci sono stati vari interessamenti a rilevare la struttura, anche solo in affitto (si parla di oltre 100mila euro l’anno). Dapprima si era affacciata la catena Zara, ma con la situazione attuale l’azienda di abbigliamento ha ritenuto di non impegnarsi in questa avventura. Quindi, per qualche tempo, sembrava potesse aprire un ristorante cinese, eventualità molto temuta dagli altri commercianti della piazza. 

Poi, proprio questa settimana, ecco la notizia del McDonald’s che sembra gradita anche agli altri esercizi perché questo tipo di struttura dovrebbe portare più movimento in piazza. Ci sono però alcune questioni da far notare. Nella piazza ci sono due ristoranti (uno, per la verità, appena chiuso), un food, tre caffè e una gelateria: tutti commerci che in qualche modo entrano in collisione con quel che produce un McDonald’s. Senza affrontare poi il problema del plateatico. Se la catena americana ne facesse richiesta, dove si posizionerebbe, visto che aprirebbe le vetrine perpendicolarmente alle altre attività?