Polizia
Polizia

Crema, 17 luglio 2019 - Un'accesa lite tra due fratelli è finita con una coltellata inferta dal figlio di uno dei due al vicino di casa, che si era frapposto tra i litiganti cercando di far da paciere.

Nella notte tra domenica e lunedì scorsi due fratelli residenti nei pressi del centro cittadino hanno cominciato un alterco che è diventato sempre più violento. Le loro urla sono giunte alle orecchie dei vicini di casa, che sono usciti sul pianerottolo per vedere di che cosa si trattasse. Queste persone hanno visto i due fratelli litigare furiosamente. Qualcuno ha anche cercato di intervenire per far smettere l’alterco, senza però riuscirci. E dopo un po’ la lite ha visto l’intromissione anche del figlio di uno dei due contendenti. Quest’ultimo, constatata l’impossibilità di difendere il genitore, è corso in cucina, ha preso un coltello ed è tornato fuori, brandendo l’arma e minacciando lo zio. Vista la situazione sempre più tesa e sempre più pericolosa, un vicino si è frapposto tra il ragazzo, un senegalese di vent’anni, e lo zio, cercando di ricondurre il giovane armato alla ragione, ma rimediando invece una coltellata al braccio.

A quel punto qualcuno ha chiamato le forze dell’ordine e sul posto è arrivata una pattuglia del commissariato di Crema. Agli agenti i presenti hanno raccontato della lite e i poliziotti hanno visto per terra alcune macchie di sangue. Hanno chiesto spiegazioni ed è stato loro riferito quanto accaduto e che il ferito si era recato subito in ospedale per farsi medicare, visto che stava perdendo parecchio sangue. Gli agenti sono quindi andati in pronto soccorso, dove hanno trovato il ferito, il quale ha confermato i fatti e indicato nel ventenne il suo feritore. A casa però il ragazzo non è stato trovato, in quanto dopo la coltellata si era allontanato. La polizia ha cominciato le sue ricerche e in breve lo ha individuato e portato in commissariato. Qui il giovane è stato denunciato a piede libero per lesioni aggravate, mentre in pronto soccorso il ferito è stato medicato e dimesso. Ne avrà per un mese.